Tempo di lettura: 11 minuti

Preberite zgodbo svetega Antona Padovanskega

Duhovnik in "Doktor Evangelik« (1195-1231)

Antonio di Padova (in portoghese António de Lisboa), al secolo Fernando Martim de Bulhões e Taveira Azevedo, nasce a Lisbona il 15 agosto 1195 da nobile famiglia portoghese discendente dal crociato Goffredo di Buglione.

Pri petnajstih je bil novinec v samostanu svetega Vincenca v Lizboni, nato pa se je preselil v samostan svetega križa v Coimbri, glavnem kulturnem središču na Portugalskem, ki je pripadal Redu redovnih kanonikov. Svetega Avguština, kjer je pri odličnih učiteljih študiral znanost in teologijo ter se pripravljal na duhovniško posvečenje, ki ga je prejel leta 1219 pri štiriindvajsetih letih.

Quando sembra dover percorrere la carriera del teologo e del filosofo, decide di lasciare l’ordine agostiniano. Fernando, infatti, non sopporta i maneggi politici tra i canonici agostiniani e re Alfonso II, in cuor suo anela ad una vita religiosamente più severa.

Njegova želja se je uresničila, ko so leta 1220 trupla petih frančiškanskih bratov, ki so jih obglavili v Maroku, prispela v Coimbro, kamor so šli pridigat po ukazuFrančiška Asiškega. Quando i frati del convento di monte Olivares arrivano per accogliere le spoglie dei martiri, Fernando confida loro l’aspirazione a vivere nello spirito del Vangelo.

Potem ko je dobil dovoljenje španskega frančiškanskega provinciala in avguštinskega priorja, je Fernando tako vstopil v puščavnik manjših in takoj opravil redovniški poklic ter spremenil svoje ime v Antonio v čast egipčanskega opata puščavnika.

Anelando al martirio, subito chiede ed ottiene di partire missionario in Marocco. È verso la fine del 1220 che s’imbarca su un veliero diretto in Africa, ma durante il viaggio è colpito da febbre malarica e costretto a letto. La malattia si protrae e in primavera i compagni lo convincono a rientrare in patria per curarsi. Secondo altre versioni, Antonio non si fermò mai in Marocco: ammalatosi appena partito da Lisbona, la nave fu spinta da una tempesta direttamente a Messina, in Sicilia.

Curato dai francescani della città, in due mesi guarisce. A Pentecoste è invitato al Capitolo Generale di Assisi; arriva con altri francescani a S. Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente.

Il ministro provinciale dell’ordine per l’Italia settentrionale gli propone di trasferirsi a Montepaolo, presso Forlì, dove manca un sacerdote che dica la messa per i sei frati residenti nell’eremo composto da una chiesolina, qualche cella e un orto; Antonio accetta.

Per circa un anno e mezzo vive in contemplazione e penitenza, svolgendo, per desiderio personale, le mansioni più umili, finché un giorno scende con i confratelli in città per assistere, nella chiesa di S. Mercuriale, all’ordinazione di nuovi sacerdoti dell’ordine e lì predica alla presenza di una vasta platea, composta anche dai notabili.

Da allora ad Antonio è assegnato il ruolo di predicatore e insegnante dallo stesso Francesco, che gli scrive una lettera raccomandandogli, però, di non perdere lo spirito della santa orazione e della devozione.

Comincia a predicare nella Romagna, prosegue nell’Italia settentrionale, usa la sua parola per combattere l’eresia (è chiamato anche“il martello degli eretici”) catara in Italia e albigese in Francia, dove arriverà nel 1225. Tra il 1223 e quest’ultima data, infatti, pone le basi della scuola teologica francescana, insegnando nel convento bolognese di S. Maria della Pugliola.

Quando è in Francia, tra il 1225 e il 1227, assume un incarico di governo come custode di Limoges. Mentre si trova in visita ad Arles, si racconta gli sia apparso Francesco che aveva appena ricevuto le stigmate.

Kot kustod je sodeloval na generalnem kapitlju v Assisiju leta 1227, kjer je novi minister reda – Frančišek je medtem umrl – postal španski provincial Giovanni Parenti, ki ga je leta prej sprejel med minorite in ga imenoval za provinciala sv. severna Italija.

Antonio odpira nove hiše, obiskuje samostane, da bi se osebno srečal z vsemi brati, nadzoruje klarise in tretji red, odide v Firence, dokler ne ustanovi svoje rezidence v Padovi in ​​čez dva meseca napišenedeljske pridige.

V Padovi je dosegel reformo republiškega statutarnega zakonika, po kateri insolventnega dolžnika brez krivde, potem ko je prodal vse svoje premoženje, ni bilo mogoče niti zapreti. Ne samo to, zoperstavi se Ezzelinu da Romanu, ki se ga je prijel vzdevek Hudi in ki je dal v enem samem dnevu pobiti enajst tisoč do njega sovražnih Padovancev, da bi lahko osvobodil zaprte gvelfske voditelje.

Medtem piše tudi iPridige za praznike svetnikov, v kateri se poglablja v njemu najdražje teme: zapovedi vere, moralo in krepost, ljubezen do Boga in usmiljenje do ubogih, molitev in ponižnost, mrtvitev ter se zoperstavlja napuhu in poželenju, pohlepu in oderuštvu, o katerih govori. je hud sovražnik.

Je mariolog, prepričan zagovornik Marijinega vnebovzetja, na prošnjo papeža Gregorja IX. (Ugolino dei Conti di Segni, 1227-1241) je leta 1228 imel pridige v postnem tednu in do tega istega pp. imenovan "Skrinja zaveze”. Rečeno je, da je pridige imel pred kozmopolitsko množico in da so ga vsi slišali govoriti v svojem jeziku.

Tri leta Antonio potuje brez varčevanja, utrujen, boleha za astmo in otekel zaradi vodenice, se vrne v Padovo in njegove postne pridige leta 1231 so nepozabne.

Per riposarsi si ritira a Camposampiero, vicino Padova, dove il conte Tiso, che aveva regalato un eremo ai frati, gli fa allestire una stanzetta tra i rami di un albero di noce.

Od tu Antonio pridiga, gre pa tudi dol spovedat in se zvečer vrne v svojo drevesno celico. Neke noči grofa Tisoja, ki je šel preverit Antonija, pritegne velika svetloba, ki prihaja iz njegovega zatočišča, in je priča obisku, ki ga otrok Jezus opravi pri svetniku.

V petek, 13. junija, opoldne Antonio čuti, da mu pešajo moči, in roti svoje brate, naj ga odpeljejo k Padova, dove vuole morire. Caricato su un carro trainato da buoi, alla periferia della città le sue condizioni si aggravano al punto che si decide di ricoverarlo nel vicino convento dell’Arcella, dove muore in serata; si racconta che mentre stava per spirare ebbe la visione del Signore.

V dneh po njegovi smrti so podivjali "medsebojne vojne” tra il convento dove era morto che voleva conservarne le spoglie e quello di S. Maria Mater Domini, il suo convento, dove avrebbe voluto morire. Durante la disputa si verificano persino disordini popolari, infine, il padre provinciale decise che la salma sarebbe stata portata a Mater Domini.

Non appena il corpo giunse a destinazione iniziarono i miracoli, alcuni documentati da testimoni.

Celo v življenju, v resnici, je Antonio izvajal čudeže, kot so eksorcizmi, prerokbe, ozdravitve, vključno s ponovnim pritrjevanjem odrezane noge ali iskanjem srca skopuha v skrinjici, s čimer je zastrupljeno hrano naredil neškodljivo, pridigal ribam, prisilil mulo, da je pokleknila. pred gostiteljem. Njegovi čudeži – v življenju in po smrti – so navdihnili številne umetnike, vključno s Tizianom in Donatellom.

Antona je zaradi številnih čudežev, ki so mu pripisani, leto po njegovi smrti kanoniziral p.Gregor IX.

Velika bazilika, posvečena njemu, stoji blizu samostana S. Maria Mater Domini. Dvaintrideset let po njegovi smrti je med prenosom njegovih posmrtnih ostankov Bonaventura da Bagnoregio (razglašen za svetnika leta 1482) našel nepokvarjen Antonijev jezik, ki je danes ohranjen v kapeli zaklada v baziliki mesta Padova, katerega zavetnik je. .

Častiti Pij XII. (Eugenio Pacelli, 1939-1958), ki je leta 1946 sv. Antona uvrstil med učitelje katoliške Cerkve, mu je podelil naziv "Doktor Evangelik«, saj je v svojih spisih in pridigah, ki so prišle do nas, svoje trditve podkrepil s citati iz evangelija.

Pomen imena Antonij: »prvi rojen« ali »ki se sooči s svojimi nasprotniki« (grško).


Za več informacij: Življenje in pridige svetega Antona

Kateheza papeža Benedikta XVI. Sveti Anton Padovanski
[hrvaško,francosko,angleščina,italijanščina,portugalščina,španski,nemški]

San Antonio da Padova
Sveti Anton Padovanski

(vir gospeloftheday.org)


Njegovo ime je Fernando. Portoghese, di Lisbona, nasce in una nobile famiglia nel 1195, si suppone il 15 agosto.

Ha 15 anni quando entra nell’Ordine dei canonici regolari di Sant’Agostino. Si prepara al sacerdozio a Coimbra, nel monastero della Santa Croce e, ordinato all’età di 24 anni, viene indirizzato alla carriera di teologo e filosofo.

Razmišlja pa o strožjem verskem življenju. Prelomnica se je zgodila leta 1220, ko so v cerkev svetega Križa prispeli posmrtni ostanki petih frančiškanskih misijonarjev, ki so jih mučili in ubili v Maroku.

Od avguštinske do frančiškanske

Fernando decide di lasciare i canonici agostiniani e di seguire le orme di Francesco d’Assisi e sceglie di farsi chiamare Antonio, per imitare il santo anacoreta egiziano. Matura una forte spinta alla missione e con questo ideale parte alla volta del Marocco.

Ma contrae una malattia e, costretto al riposo forzato, non può predicare. Non gli resta che rientrare in Italia. La nave sulla quale è imbarcato naufraga e giunge in Sicilia. Antonio viene curato e nel 1221 raggiunge Assisi, dove Francesco ha convocato tutti i suoi frati.

Tukaj je dobra priložnost, da ga osebno spoznate. To je preprosto srečanje; Antonio okrepi svojo izbiro za Kristusom v frančiškanski bratovščini in manjšini in ga pošljejo v Romagno, v puščavnico Montepaolo. Tu se je posvetil predvsem molitvi, premišljevanju, pokori in hlapnemu delu.

Anton pridigar

Nel settembre 1222 Antonio è invitato a predicare a Forlì: è la rivelazione del suo talento. Dalle sue parole emergono la profonda cultura biblica e la semplicità d’espressione.

PoveAssidua, la prima biografia di Sant’Antonio: “La sua lingua, mossa dallo Spirito Santo, prese a ragionare di molti argomenti con ponderatezza, in maniera chiara e concisa”.

Da allora Antonio comincia a percorrere il Nord Italia e il Sud della Francia, predicando il Vangelo a genti e Paesi spesso confusi dalle eresie del tempo, senza risparmiare parole di correzione per la decadenza morale di alcuni esponenti della Chiesa.

Naslednje leto je bil v Bologni magister teologije za brate v formaciji; Nalogo mu je dal sam Frančišek, ki ga je v pismu pooblastil za poučevanje in mu priporočil, naj ne zanemarja molitve.

Izbira Padove

Per i talenti che dimostra di saper mettere a servizio del Regno di Dio, Antonio, all’età di 32 anni, viene nominato superiore delle fraternità francescane del Nord Italia. In tale veste non si risparmia nelle visite ai numerosi conventi sotto la sua giurisdizione, ne apre di nuovi.

Intanto continua a predicare e ad attirare grandi folle, a trascorrere diverse ore nel confessionale e a riservarsi momenti per ritirarsi in solitudine. Sceglie di risiedere a Padova, nella piccola comunità francescana della chiesa di Santa Maria Mater Domini e, pur sostandovi per brevi periodi, instaura con la città un fortissimo legame, prodigandosi anche per i poveri e contro le ingiustizie.

In prav v Padovi so bile napisanePridige, un trattato per formare i confratelli alla predicazione del Vangelo e all’insegnamento dei sacramenti, soprattutto la penitenza e l’eucaristia. La predicazione nella Quaresima del 1231 è considerata il suo testamento spirituale, cui è da includere la sua amorevole dedizione, per ore e ore, alle confessioni.

Celebrata la Pasqua, Antonio, già provato da problemi di salute e logorato dalle fatiche, acconsente a ritirarsi per un periodo di convalescenza; poi, con altri confratelli, accoglie l’invito a un periodo di riposo e meditazione in un piccolo romitorio a Camposampiero, a pochi chilometri da Padova. Chiede che gli venga adattato un semplice rifugio sopra un grande albero di noce, per trascorrere le giornate in contemplazione e dialogando con la gente semplice del borgo di campagna, rientrando nell’eremo solo la notte.

È qui che avviene la visione di Gesù Bambino. Il 13 giugno Antonio è colto da un malore; capisce che la sua ora è vicina e domanda di poter morire a Padova. Viene trasportato su un carro trainato da buoi, ma giunto all’Arcella, borgo alle porte della città, spira mormorando: “Vedo il mio Signore”.

Antonio, dolžnik svetega Avguština, je v svojih mislih na izviren način združil um in srce, stremljenje k špekulacijam in izvajanje kreposti, študij in molitev. Cerkveni učitelj, v Padovi ga imenujejo preprosto »sveti«.

vir © Vatikanske novice – Dikasterij za komuniciranje

Sant'Antonio
Sveti Anton Padovanski

Pomagajte nam pomagati!

Sant’Antonio di Padova 3
Z vašo majhno donacijo prinašamo nasmeh mladim bolnikom z rakom

Najnovejši članki

bimbo arrabbiato
15 Aprile 2024
Diventare pronto e lento
Gesù sul mare di Tiberiade
15 Aprile 2024
La Parola del 15 aprile 2024
credere in Dio
14. april 2024
Molitev z dne 14. aprila 2024
Dante and Beatrice Henry Holiday
14. april 2024
Tako prijazen in tako pošten se zdi
Gesù e discepoli
14. april 2024
Beseda z dne 14. aprila 2024

Prihajajoči dogodki

×