Tempo di lettura: 11 minuti

Legenda S. Antonii Patavini

presbyter et "Doctor Evangelicus(1195-1231)

Antonio di Padova (in portoghese António de Lisboa), al secolo Fernando Martim de Bulhões e Taveira Azevedo, nasce a Lisbona il 15 agosto 1195 da nobile famiglia portoghese discendente dal crociato Goffredo di Buglione.

Quindecim novitius fuit in monasterio Sancti Vincentii in Lisbon, deinde ad coenobium Sanctae Crucis in Coimbra se contulit, maximum centrum culturale in Lusitania ad Ordinem Canonicorum Regularium. S. Augibique scientiam et theologiam cum optimis doctoribus studuit, ordinationem sacerdotalem quam anno 1219 vigesimo quarto suscepturus est.

Quando sembra dover percorrere la carriera del teologo e del filosofo, decide di lasciare l’ordine agostiniano. Fernando, infatti, non sopporta i maneggi politici tra i canonici agostiniani e re Alfonso II, in cuor suo anela ad una vita religiosamente più severa.

Verum eius votum factum est, cum, anno MCCXX, corpora quinque fratrum Minorum Coimbra in Coimbra venissent, decollati sunt in Mauritania, ubi ierant ad praedicandum jussu Domini.Franciscus Assisiensis. Quando i frati del convento di monte Olivares arrivano per accogliere le spoglie dei martiri, Fernando confida loro l’aspirazione a vivere nello spirito del Vangelo.

Fernando eremitorio Minorum sic impetrata licentia a Franciscanis provincialis Hispaniae et Augustiniano priore intrat et statim professionem religiosam emittit, mutato nomine Antonio in honorem eremitae Aegyptii abbatis.

Anelando al martirio, subito chiede ed ottiene di partire missionario in Marocco. È verso la fine del 1220 che s’imbarca su un veliero diretto in Africa, ma durante il viaggio è colpito da febbre malarica e costretto a letto. La malattia si protrae e in primavera i compagni lo convincono a rientrare in patria per curarsi. Secondo altre versioni, Antonio non si fermò mai in Marocco: ammalatosi appena partito da Lisbona, la nave fu spinta da una tempesta direttamente a Messina, in Sicilia.

Franciscanis civitatis curata duobus mensibus curavit. Pentecosten ad Capitulum Generale Assisiensis invitatus est; cum aliis Franciscanis ad S. Mariam degli Angeli, ubi facultas est audiendi Franciscum, non tamen eum personaliter cognoscendi.

Il ministro provinciale dell’ordine per l’Italia settentrionale gli propone di trasferirsi a Montepaolo, presso Forlì, dove manca un sacerdote che dica la messa per i sei frati residenti nell’eremo composto da una chiesolina, qualche cella e un orto; Antonio accetta.

Circa annum enim et dimidium vivit in contemplatione et poenitentia, exsequens, desiderii sui, humillima opera, donec una die cum fratribus ad urbem assistat, in ecclesia S. Mercurialis descendat; in ordinatione novorum Sacerdotum Ordinis et ibi coram permulta praedicat audientia, etiam ex notissimis.

Cum ergo Antonius ab ipso Francisco doctoris et praedicatoris partes fuerit assignatus, scribens ei epistolam commendans, ne tamen sanctae orationis et devotionis spiritum amittat.

Incipit praedicare in Romandiola, pergit in Italia septentrionali, verbo utitur ad pugnandum haeresin (etiam vocatur "malleo haereticorum”) Cathar in Italia et Albigensium in Gallia, ubi anno 1225. Inter annum 1223 et hunc diem pervenit, revera theologicae scholae Franciscanae fundamenta posuit, docens in conventu Bononiensi S. Mariae della Pugliola.

Quando è in Francia, tra il 1225 e il 1227, assume un incarico di governo come custode di Limoges. Mentre si trova in visita ad Arles, si racconta gli sia apparso Francesco che aveva appena ricevuto le stigmate.

Custos in Capitulo Generali Assisiensi anno 1227 interfuit, ubi novus minister Ordinis - Franciscus interim mortuus est - erat Iohannes Parenti, Hispanus provincialis, qui eum annis ante excepit inter Minores et eum nominavit provincialem. Italy.

Antonius domos novas aperit, conventus visitat ut omnes fratres personaliter cognoscat, pauperes Claras et Tertium Ordinem regat, Florentiam vadit, donec Patavii sedem suam figat et duobus mensibus scribit.Dominicae conciones.

In Patavino codice statutorum editionis reformationem obtinet ob quam debitor solvendo, sine culpa, omnibus bonis venditis, etiam incarcerari non potest. Non solum quod Ezelino da Romano, qui Ferocius cognomento fuit, et qui uno die undecim millia Paduanorum sibi hostili trucidavit, ad Guelphos duces incarceratos liberandos habuit.

Interea etiam scribit iSermones de festis Sanctorumin quibus insinuat themata sibi charissima: praecepta fidei, morum et virtutis, Dei amor et misericordia erga pauperes, orationem et humilitatem, mortificationem et superbiam et luxuriam, avaritiam et usuram, quorum etc. hostis est acerrimus.

Hic est Mariologus, persuasus fautor Assumptionis Virginis, rogante Papa Gregorio IX (Ugolino dei Conti di Segni, 1227-1241) in 1228 conciones hebdomadis Quadragesimae, et ab eodem Pp. appellatur "Arca testamenti". Conciones ante cosmopolitanam turbam habitas esse dicitur, et quod quisque eum lingua sua loquentem audivisset.

Antonius per triennium indefessus, fatigatus, anhelis laborat et hydropicis tumescit, Patavium revertitur, et orationes ad Quadragesimam 1231 memoratae sunt.

Per riposarsi si ritira a Camposampiero, vicino Padova, dove il conte Tiso, che aveva regalato un eremo ai frati, gli fa allestire una stanzetta tra i rami di un albero di noce.

Dehinc Antonius praedicat, sed etiam ad confitendum descendit, et vespere ad cellam suam revertitur. Quadam nocte, Comes Tiso, cum ad Antonium reprimendam profectus, magnam lucem trahit e suo refugio venientem, testesque visitationem quam Infantem Iesum ad Sanctum facit.

Medio die Veneris 13 mensis Iunii Antonius infirmum sentit et confratres rogat ut eum ad se recipiant Patavina, dove vuole morire. Caricato su un carro trainato da buoi, alla periferia della città le sue condizioni si aggravano al punto che si decide di ricoverarlo nel vicino convento dell’Arcella, dove muore in serata; si racconta che mentre stava per spirare ebbe la visione del Signore.

In diebus eius post mortem suam aggerem pergunt ».internecinum bella” tra il convento dove era morto che voleva conservarne le spoglie e quello di S. Maria Mater Domini, il suo convento, dove avrebbe voluto morire. Durante la disputa si verificano persino disordini popolari, infine, il padre provinciale decise che la salma sarebbe stata portata a Mater Domini.

Non appena il corpo giunse a destinazione iniziarono i miracoli, alcuni documentati da testimoni.

Etiam in vita, revera, Antonius miracula fecerat ut exorcismos, vaticinia, sanationes, etiam crure amputato attingens, vel cor avari inveniatur in theca, escas venenatas innoxias reddens, praedicans piscem, mulam cogens. ad genua ante Hostiam. Miracula eius — in vita et post mortem — multos artifices, Titian et Donatellum, inspiraverunt.

Antonius, ob missam miraculorum sibi attributorum, anno sequenti a PpGregorius IX.

Basilica ei dicata magna adsistit prope coenobium S. Mariae Mater Domini. Duo et triginta annos post mortem eius, in translatione reliquiarum, Bonaventura da Bagnoregio (anno 1482 canonizata) Antonii linguam incorruptam reperit, hodie servatam in sacello thesauri civitatis Patavinae, cuius est patronus.

Venerabilis Pius XII (Eugenio Pacelli, 1939-1958), qui anno MCMXLVI S. Antonium inter Ecclesiae Catholicae Doctores comprehendit, eique titulum dedit "Doctor Evangelicussicut in scriptis suis et in concionibus quae ad nos pervenerunt, ex evangelio dicta sua fulciebat.

Sensus nominis Antonius : "ante natus" vel "qui adversas intendit" (Greek).


Ad ulteriora notitia: Vita et Sermones Sancti Antonii

Catechesis Benedicti Papae XVI. S. Antonii Patavini
[Croatian,Gallica,Anglicus,Italian,Portuguese,hispanice,German]

San Antonio da Padova
Sanctus Antonius Patavinus

(fonte " evangeloftheday.org)


Suum nomen datum est Fernando. Portoghese, di Lisbona, nasce in una nobile famiglia nel 1195, si suppone il 15 agosto.

Ha 15 anni quando entra nell’Ordine dei canonici regolari di Sant’Agostino. Si prepara al sacerdozio a Coimbra, nel monastero della Santa Croce e, ordinato all’età di 24 anni, viene indirizzato alla carriera di teologo e filosofo.

Sed graviorem vitam religiosam meditatur. Metae venit anno 1220 cum reliquiae quinque missionarii Franciscani cruciati et occisi in Mauritania venerunt in ecclesiam Sanctae Crucis.

Ex Regula Augustiniana ad Regulam Franciscanam

Fernando decide di lasciare i canonici agostiniani e di seguire le orme di Francesco d’Assisi e sceglie di farsi chiamare Antonio, per imitare il santo anacoreta egiziano. Matura una forte spinta alla missione e con questo ideale parte alla volta del Marocco.

Ma contrae una malattia e, costretto al riposo forzato, non può predicare. Non gli resta che rientrare in Italia. La nave sulla quale è imbarcato naufraga e giunge in Sicilia. Antonio viene curato e nel 1221 raggiunge Assisi, dove Francesco ha convocato tutti i suoi frati.

Ecce occasio est ei in persona conveniendi. Est conventus simplex; Antonius suam roborat electionem ad Christum sequendum in fraternitate franciscana et minoritate et in Romagnam mittitur ad eremitorium Montispaoli. Hic praesertim orationi, meditationi, poenitentiae ac servili operi se indidit.

Antonius praedicator

Nel settembre 1222 Antonio è invitato a predicare a Forlì: è la rivelazione del suo talento. Dalle sue parole emergono la profonda cultura biblica e la semplicità d’espressione.

NarratAssidua, la prima biografia di Sant’Antonio: “La sua lingua, mossa dallo Spirito Santo, prese a ragionare di molti argomenti con ponderatezza, in maniera chiara e concisa”.

Da allora Antonio comincia a percorrere il Nord Italia e il Sud della Francia, predicando il Vangelo a genti e Paesi spesso confusi dalle eresie del tempo, senza risparmiare parole di correzione per la decadenza morale di alcuni esponenti della Chiesa.

Sequenti anno Bononiae fuit magister theologiae pro fratribus in formatione; Ipse Franciscus ei munus dedit et per litteras ei dedit ut doceret, commendans ne orationem negligat.

Electio Paduae

Per i talenti che dimostra di saper mettere a servizio del Regno di Dio, Antonio, all’età di 32 anni, viene nominato superiore delle fraternità francescane del Nord Italia. In tale veste non si risparmia nelle visite ai numerosi conventi sotto la sua giurisdizione, ne apre di nuovi.

Intanto continua a predicare e ad attirare grandi folle, a trascorrere diverse ore nel confessionale e a riservarsi momenti per ritirarsi in solitudine. Sceglie di risiedere a Padova, nella piccola comunità francescana della chiesa di Santa Maria Mater Domini e, pur sostandovi per brevi periodi, instaura con la città un fortissimo legame, prodigandosi anche per i poveri e contro le ingiustizie.

Actum et datum Patavie die i .Sermones, un trattato per formare i confratelli alla predicazione del Vangelo e all’insegnamento dei sacramenti, soprattutto la penitenza e l’eucaristia. La predicazione nella Quaresima del 1231 è considerata il suo testamento spirituale, cui è da includere la sua amorevole dedizione, per ore e ore, alle confessioni.

Celebrata la Pasqua, Antonio, già provato da problemi di salute e logorato dalle fatiche, acconsente a ritirarsi per un periodo di convalescenza; poi, con altri confratelli, accoglie l’invito a un periodo di riposo e meditazione in un piccolo romitorio a Camposampiero, a pochi chilometri da Padova. Chiede che gli venga adattato un semplice rifugio sopra un grande albero di noce, per trascorrere le giornate in contemplazione e dialogando con la gente semplice del borgo di campagna, rientrando nell’eremo solo la notte.

È qui che avviene la visione di Gesù Bambino. Il 13 giugno Antonio è colto da un malore; capisce che la sua ora è vicina e domanda di poter morire a Padova. Viene trasportato su un carro trainato da buoi, ma giunto all’Arcella, borgo alle porte della città, spira mormorando: “Vedo il mio Signore”.

D. Augustino in cogitationibus debitor, Antonius mentem et cor, studium speculationis et exercitium virtutis, studii et orationis originaliter componit. Ecclesiae Doctor, Patavii simpliciter « Sanctus » appellatur.

fons © Vaticanus News - Dicasterium pro Communicatione

Sant'Antonio
Sanctus Antonius Patavinus

adiuva nos adiuva!

Sant’Antonio di Padova 3
Cum parva donatione tua risus iuvenibus cancer aegros afferimus

Articuli tardus

bimbo arrabbiato
15 Aprile 2024
Diventare pronto e lento
Gesù sul mare di Tiberiade
15 Aprile 2024
La Parola del 15 aprile 2024
credere in Dio
Die 14 Aprilis 2024
Oratio die 14 mensis Aprilis anno 2024
Dante and Beatrice Henry Holiday
Die 14 Aprilis 2024
Tam benignum et tam honestum videtur
Gesù e discepoli
Die 14 Aprilis 2024
Verbum 14 mensis Aprilis anno 2024

Upcoming Events