Tempo di lettura: 4 minuti

Darstellung der Heiligen Jungfrau Maria: Unsere Liebe Frau der Gesundheit

La Festa della Presentazione della Beata Vergine Maria al Tempio ricorda – secondo i vangeli aprocrifi – il giorno in cui Maria, ancora bambina, si reca al tempio di Gerusalemme e si offre a Dio.

Ciò che interessa alla Chiesa è il sottolineare non tanto l’evento storico in sé, di cui non c’è traccia nei vangeli, quanto il dono totale di sé che, nell’ascolto – “Beati coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano” – preparò la giovane donna di Nazaret a diventare “tempio del Figlio”.

Am selben Tag, dem 21. November, findet das bekannteste Fest stattMaria, Unsere Liebe Frau der Gesundheit, festa istituita nella Repubblica Veneta nel 1630 ma poi diffusasi ovunque.

Tale ricorrenza e tradizione trae origine dopo la peste che colpì tutto il nord Italia tra il 1630 e 1631, di cui ne fa cenno anche Alessandro Manzoni ne “I Promessi Sposi”. Di fronte al diffondersi della malattia e non sapendo come porvi rimedio, il governo della Repubblica organizzò una processione di preghiera alla madonna a tal punto che il 22 ottobre 1630 il Doge fece voto di erigere un tempio a lei dedicato se la città fosse sopravvissuta.

Einige Wochen später kam es zu einem plötzlichen Zusammenbruch der Epidemie und im November 1631 wurde der durch die Epidemie verursachte Notstand für beendet erklärt. Seitdem wurde beschlossen, die Madonna mit dem Titel „della Salute“ zu bezeichnen. Der Doge hatte ein Gelübde abgelegt und nach der Festlegung des Gebiets wurde die Basilika am 28. November 1687 errichtet und eingeweiht.

Sempre il 21 novembre, la Chiesa – per volontà di Pio XII, dal 1953 celebra anche la Giornata delle Claustrali.

Mentre egli parlava ancora alla folla, ecco, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori e cercavano di parlargli. Qualcuno gli disse: “Ecco, tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e cercano di parlarti”. Ed egli, rispondendo a chi gli parlava, disse: “Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?”. Poi, tendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: “Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre”(Mt 12, 46-50).

Sie haben keinen Wein mehr

A Maria, Donna e Madre, non sfuggono le “mancanze” di casa. S’accorge dell’assenza del vino. E si fa provvida, intercede presso il Figlio Gesù affinché ponga rimedio.

Was es bewegt, ist die Gewissheit, dassa Dio nulla è impossibile, come le disse l’angelo all’Annunciazione. Gesù resiste – “Donna, non è ancora giunta la mia ora”, risponde – ma poi cede. A Cana Maria si rivela come la “credente” in Gesù,

Colei che grazie alla sua fede provoca il primo “segno” di Gesù. Il vino è il simbolo della gioia, della festa, dell’allegrezza: dire quindi che manca vino, significa che alla festa di nozze manca l’ingrediente per eccellenza, la gioia.

Dank ihrer Fürsprache ist Maria diejenige, die es wahrnimmt und dafür sorgt, dass sich das Wasser der Verlegenheit, der Angst ... schnell in die Freude der Feier verwandelt. So hat sie es in Kana getan, so macht es Maria, unsere Liebe Frau der Gesundheit, mit denen, die sie anrufen und sich ihr anvertrauen.

Die Diener

Chi segue passo per passo l’evento, sono i servi, i quali prendono le giare, le riempiono d’acqua fino all’orlo e sorpresi, s’accorgono di distribuire vino.

Da servi a testimoni, perché proprio attraverso l’obbedienza, si ritrovano protagonisti di un “fatto” di cui tutti parleranno. E loro ne sono i primi testimoni. Di fronte ai “segni” che Dio continua a operare in noi e attorno a noi, possiamo anche noi passare dall’essere “servi” all’essere “testimoni”, narratori delle grandi cose che Dio può compiere in mezzo a noi, attraverso la nostra umile e fragile obbedienza.

Eine Erfahrung, die dadurch möglich wurde, dass sie dem Befehl der Jungfrau Maria „gehorsam“ waren.

Geschenk und Engagement

In questo giorno di festa si intreccia così il “dono” che Maria fa di se stessa a Dio, e l’impegno a vivere la vita, animata dalla fede, certa che Dio stesso provvederà (Gn 22).

Dove per l’uomo tutto pare impossibile, tutto diventa possibile in chi crede in Dio e con fiducia si affida all’intercessione di Maria, Madre di Gesù e Madre nostra.

Gebet an Unsere Liebe Frau der Gesundheit

Heilige Jungfrau,
von uns unter dem Titel verehrt
Unserer Lieben Frau von der Gesundheit,
ottienici da Dio la sanità
von Seele und Körper,
damit, reinige dich von aller Schuld
und gestärkt in den Gliedern,
Wir können ihm immer besser dienen
in allen Tagen unseres Lebens,
um den ewigen Lohn zu verdienen.
Amen.

Presentazione della Beata Vergine Maria
Giotto - Scrovegni - Darstellung der Jungfrau Maria im Tempel

Quelle © Vatikanische Nachrichten – Dikasterium für Kommunikation


Spenden Sie Ihre 5x1000 an unseren Verein
Es kostet Sie nichts, es ist uns viel wert!
Helfen Sie uns, kleinen Krebspatienten zu helfen
du schreibst:93118920615

Neueste Artikel

dare, porgere fiori
18 Aprile 2024
Creato per amare gli altri
cross, crucifix, chalice, eucaristia
18 Aprile 2024
La Parola del 18 aprile 2024
il pane di vita
17. April 2024
Preghierina del 17 aprile 2024
mamma e bimba nel giardino
17. April 2024
Edoardo ascolta i fiori
action, adult, athlete, disabili che giocano
17. April 2024
Disabilità: via libera ultimo decreto attuativo

Kommende Veranstaltungen

×