Tempo di lettura: 10 minuti

Leia a história de San Giuseppe Moscati «O Santo Doutor» de Nápoles

Nascimento no Céu

A morte, para os cristãos, está aí nascimento no céu e per questo le feste dei santi si celebrano nel giorno della loro dipartita dal mondo.

A festa de San Giuseppe Moscati também seria realizada em 12 de abril todos os anos, mas, por razões pastorais (para evitar que a festa caia durante o período quaresmal), a Congregação para o Culto Divino conseguiu celebrá-la no dia 16 de novembro.

In questo giorno, infatti, nel 1930, i resti mortali del Santo furono trasferiti nella chiesa del Gesù Nuovo e, in questo stesso giorno, nel 1975, fu beatificato.

Uma vez que o Martirológio Romano e os calendários litúrgicos e não litúrgicos, em geral, colocam a memória no dia 12 de abril, esta composição hagiográfica encontra-se tanto no dia 12 de abril como no dia 16 de novembro.

Nascimento

Giuseppe Moscati nasce il 25 luglio 1880 a Benevento, settimo tra i nove figli del magistrato Francesco Moscati e di Rosa De Luca, dei marchesi di Roseto. Fu battezzato il 31 luglio 1880.

Nel 1881 la famiglia Moscati si trasferì ad Ancona e poi a Napoli, ove Giuseppe fece la sua prima comunione nella festa dell’Immacolata del 1888.

De 1889 a 1894, Giuseppe completou seus estudos de ensino médio e depois seus estudos de ensino médio no "Vittorio Emanuele", obtendo o diploma de ensino médio com notas brilhantes em 1897, com apenas 17 anos. Alguns meses depois, iniciou seus estudos universitários na Faculdade de Medicina da Universidade Napolitana.

Sensibilidade

Fin dalla più giovane età, Giuseppe Moscati dimostra una sensibilità acuta per le sofferenze fisiche altrui; ma il suo sguardo non si ferma ad esse: penetra fino agli ultimi recessi del cuore umano. Vuole guarire o lenire le piaghe del corpo, ma è, al tempo stesso, profondamente convinto che anima e corpo sono tutt’uno e desidera ardentemente di preparare i suoi fratelli sofferenti all’opera salvifica del Medico Divino.

Grau

Em 4 de agosto de 1903, Giuseppe Moscati obteve o diploma de médico com nota máxima e direito à imprensa, merecendo assim coroar o "retomarde seus estudos universitários.

Dal 1904 il Moscati, dopo aver superato due concorsi, presta servizio di coadiutore all’ospedale degl’Incurabili, a Napoli, e fra l’altro organizza l’ospedalizzazione dei colpiti di rabbia e, mediante un intervento personale molto coraggioso, salva i ricoverati nell’ospedale di Torre del Greco, durante l’eruzione del Vesuvio nel 1906.

Hospital

Nos anos seguintes Giuseppe Moscati obteve a habilitação, em concurso de exames, para o serviço de laboratório do hospital de doenças infecciosasDomingos Cotugno.

Em 1911, ele participou do concurso público para seis cargos de assistente ordinário nos Hospitais Unidos e venceu de forma sensacional. Sucedem-se as nomeações para auxiliar ordinário, nos hospitais e depois, na sequência do concurso para médico ordinário, a nomeação para director de quarto, ou seja, para primário. Durante a Primeira Guerra Mundial, foi diretor dos departamentos militares de Ospedali Riuniti.

Para isso "retomarO hospital é ladeado pelas várias fases do ensino universitário e científico: desde os anos universitários até 1908, Moscati foi assistente voluntário no laboratório de fisiologia; a partir de 1908 foi assistente titular do Instituto de Química Fisiológica. Após concurso, foi nomeado formador voluntário da III Clínica Médica, e responsável pelo departamento químico até 1911. Ao mesmo tempo, passou pelos vários níveis de ensino.

Ensino

Em 1911 obteve, por qualificação, o Livre Docente em Química Fisiológica; ele tem a função de orientar a pesquisa científica e experimental no Instituto de Química Biológica. Desde 1911 ele ensina, sem interrupção ",Investigações laboratoriais aplicadas à clínica" E "Química aplicada à medicina”, com exercícios e demonstrações práticas. Particularmente, durante alguns anos letivos, lecionou a inúmeros graduados e alunos semiologia (estudo de todo tipo de signo, seja linguístico, visual, gestual, etc.) e hospitalar, casuística anatômica clínica e patológica. Durante vários anos letivos foi professor substituto nos cursos oficiais de Química Fisiológica e Fisiologia.

Nel 1922, consegue la Libera Docenza in Clinica Medica generale, con dispensa dalla lezione o dalla prova pratica ad unanimità di voti della commissione.Celebre e ricercatissimo nell’ambiente partenopeo quando è ancora giovanissimo, il professore Moscati conquista ben presto una fama di portata nazionale ed internazionale per le sue ricerche originali, i risultati delle quali vengono da lui pubblicati in varie riviste scientifiche italiane ed estere.

Sucessos

Non sono tuttavia unicamente e neppure principalmente le doti geniali ed i successi clamorosi del Moscati che suscitano la meraviglia di chi lo avvicina. Più di ogni altra cosa è la sua stessa personalità che lascia un’impressione profonda in coloro che lo incontrano, la sua vita limpida e coerente, tutta impregnata di fede e di carità verso Dio e verso gli uomini. Il Moscati è uno scienziato di prim’ordine; ma per lui non esistono contrasti tra la fede e la scienza: come ricercatore è al servizio della verità e la verità non è mai in contraddizione con se stessa né, tanto meno, con ciò che la Verità eterna ci ha rivelato.

Il Moscati vede nei suoi pazienti il Cristo sofferente, lo ama e lo serve in essi. È questo slancio di amore generoso che lo spinge a prodigarsi senza sosta per chi soffre, a non attendere che i malati vadano a lui, ma a cercarli nei quartieri più poveri ed abbandonati della città, a curarli gratuitamente, anzi, a soccorrerli con i suoi propri guadagni. 

E tutti, ma in modo speciale coloro che vivono nella miseria, intuiscono ammirati la forza divina che anima il loro benefattore. Così il Moscati diventa l’apostolo di Gesù: senza mai predicare, annuncia, con la sua carità e con il modo in cui vive la sua professione di medico, il Divino Pastore e conduce a lui gli uomini oppressi e assetati di verità e di bontà. L’attività esterna cresce costantemente, ma si prolungano pure le sue ore di preghiera e si interiorizzano progressivamente i suoi incontri con Gesù sacramentato.

Anel de noivado

Sua concepção da relação entre fé e ciência está bem resumida em dois de seus pensamentos:

"Não a ciência, mas a caridade transformou o mundo, em alguns períodos; e apenas muito poucos homens entraram para a história pela ciência; mas todos poderão permanecer imperecíveis, símbolo da eternidade da vida, na qual a morte é apenas uma etapa, uma metamorfose para uma ascensão mais elevada, se se dedicarem ao bem."

"A ciência nos promete bem-estar e no máximo prazer; a religião e a fé dão-nos o bálsamo da consolação e da verdadeira felicidade…"

Em 12 de abril de 1927, o Prof. Moscati, depois de participar na missa, como faz todos os dias, e de ter cumprido os seus deveres no hospital e no seu consultório particular, adoeceu e morreu na sua poltrona, interrompido em plena atividade, com apenas 46 anos de idade; a notícia de sua morte é anunciada e divulgada de boca em boca com as palavras: “Doutor Santo morreu”.

Giuseppe Moscati foi elevado às honras do altar pelo Beato Paulo VI (Giovanni Battista Montini, 1963-1978), durante o Ano Santo, em 16 de novembro de 1975; foi canonizado por S.João Paulo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005), em 25 de outubro de 1987.

Fonte gospeloftheday.org

San Giuseppe Moscati
Giuseppe Moscati

Giuseppe Moscati, che da Santo gode di una grande devozione a Napoli, in realtà è nato a Benevento nel 1880 e aveva addirittura origini avellinesi. Figlio e nipote di magistrati, la sua vita professionale sembrava segnata, ma nessuno aveva fatto i conti con la sua grande fede che lo ha portato ben presto su una strada diversa…

“O meu lugar é ao lado dos doentes!”

Em 1892, quando Giuseppe era adolescente, seu irmão ficou gravemente ferido ao cair de um cavalo e, como resultado do acidente, começou a sofrer de epilepsia. Deve ter sido esta consciência precoce da brevidade da vida humana, ser atingido pelo sofrimento, ou talvez a visão contínua dos doentes da janela da casa paterna com vista para o Ospedale degli Incurabili, que levou Giuseppe a preferir a faculdade de Medicina à o da Lei. Naquela época, a medicina e a ciência em geral eram terreno fértil para o materialismo, mas José consegue mantê-lo à distância, alimentando sua fé com a Eucaristia diária.

médico de todos

Giuseppe si laurea brillantemente ed è un medico promettente: a nemmeno 30 anni diventa famoso per le sue diagnosi immediate e precise, che hanno del miracoloso considerando gli scarsi mezzi dell’epoca. A chi glielo fa notare lui risponde che è merito della preghiera, perché è Dio l’artefice della vita, mentre i medici non possono che essere indegni collaboratori.

È con questa consapevolezza che va al lavoro ogni giorno, sia all’Ospedale degli Incurabili dove sarà nominato primario nel 1925, sia nel suo studio privato dove sono accolti tutti e dove non fa pagare i poveri, ma, anzi, li paga lui per essere andati a curarsi, sia nelle frequenti visite a domicilio in cui porta oltre all’assistenza medica anche il conforto spirituale. Si narra che una volta, dopo aver guarito un operaio da ascesso polmonare che tutti avevano scambiato per tisi, questi voleva pagarlo con tutti i suoi risparmi, ma Giuseppe gli chiese come onorario che andasse a confessarsi: “Perché è Dio che ti ha salvato”.

ciência e fé

Oltre a dedicarsi alla cura dei malati, Giuseppe è anche un ottimo ricercatore che sperimenta le nuove tecniche e i nuovi farmaci, come l’insulina che dal 1922 inizia a essere utilizzata nella cura del diabete. É talmente abile nelle autopsie che nel 1925 gli viene affidata la direzione dell’Istituto di anatomia patologica. Non è inusuale vederlo farsi il segno della croce prima di operare su un cadavere, per il rispetto che si deve a un corpo che è stato un uomo amato da Dio.

Per lui scienza e fede non sono due mondi lontani, separati e inconciliabili, ma due elementi che convivono nella sua quotidianità, fatta di una grande devozione per la Vergine Maria, di sobrietà e povertà personale alla sequela di San Francesco, e della scelta del celibato per avere più tempo per i suoi sempre più numerosi pazienti.

A erupção do Vesúvio e a cólera

Ci sono due episodi importanti nella vita di Giuseppe Moscati che fanno meglio comprendere la grandezza di questa figura: l’8 aprile del 1906 il Vesuvio inizia a eruttare. Giuseppe capisce immediatamente la situazione e si reca a Torre del Greco, dove l’Ospedale degli Incurabili ha una piccola succursale, per mettere in salvo i malati. Quando anche l’ultimo paziente sarà al sicuro, la struttura, in effetti, crolla. Nel 1911, invece, a Napoli si diffonde un’epidemia di colera e anche stavolta Giuseppe sarà non soltanto accanto ai malati senza paura del contagio, ma anche in prima linea con le sue attività di ricerca che contribuiranno molto a contenere la malattia.

Médico e apóstolo até o fim

Nello studio di Giuseppe Moscati si recano tutti, anche personaggi famosi quali il tenore Enrico Caruso e il Beato Bartolo Longo. A tutti riservava la stessa attenzione e la stessa scrupolosità, perché in ogni volto vede quello di Gesù sofferente. Nella sala d’attesa c’è una scritta per regolare gli onorari: “Chi può metta qualcosa, chi ha bisogno prenda”. È lì, al suo posto, sulla sua poltrona – quella diventata poi una reliquia da venerare – quel 12 aprile 1927 quando un infarto lo stronca all’età di 47 anni. Sarà canonizzato da Giovanni Paolo II nel 1987 al termine del sinodo dei vescovi sulla vocazione e la missione dei laici all’interno della Chiesa.

Leia também a história de São José Moscati no site do Vaticano: Clique aqui

fonte © Notícias do Vaticano – Dicastério para a Comunicação


Ajude-nos a ajudar!

San Giuseppe Moscati 2
Com a sua pequena doação, trazemos um sorriso aos jovens pacientes com câncer

anteriorpróxima postagem

Artigos Mais Recentes

Gesù cammina sulle acque
13 Aprile 2024
La Parola del 13 aprile 2024
Eugenio e Nicola in palestra
12 de abril de 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
12 de abril de 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
12 de abril de 2024
Me de tempo!
Pane spezzato
12 de abril de 2024
A Palavra de 12 de abril de 2024

Próximos eventos

×