Tempo di lettura: 10 minuti

Read the story of San Giuseppe Moscati «The Holy Doctor» of Naples

Birth in Heaven

Death, for Christians, is there birth in Heaven and for this reason the feasts of saints are celebrated on the day of their departure from the world.

The feast of San Giuseppe Moscati was also to be held on April 12th each year, but, for pastoral reasons (to avoid the feast falling during the Lenten period), the Congregation for Divine Worship has managed to celebrate it on November 16th.

In questo giorno, infatti, nel 1930, i resti mortali del Santo furono trasferiti nella chiesa del Gesù Nuovo e, in questo stesso giorno, nel 1975, fu beatificato.

Since the Roman Martyrology and the liturgical and non-liturgical calendars, in general, place the memory on April 12, this hagiographic composition is found both on April 12 and on November 16.

Birth

Giuseppe Moscati nasce il 25 luglio 1880 a Benevento, settimo tra i nove figli del magistrato Francesco Moscati e di Rosa De Luca, dei marchesi di Roseto. Fu battezzato il 31 luglio 1880.

Nel 1881 la famiglia Moscati si trasferì ad Ancona e poi a Napoli, ove Giuseppe fece la sua prima comunione nella festa dell’Immacolata del 1888.

From 1889 to 1894 Giuseppe completed his high school studies and then his high school studies at the "Vittorio Emanuele", obtaining the high school diploma with brilliant marks in 1897, at the age of just 17 years. A few months later, he began his university studies at the medical faculty of the Neapolitan University.

Sensitivity

From an early age, Giuseppe Moscati demonstrates an acute sensitivity to the physical suffering of others; but his gaze does not stop at them: he penetrates to the last recesses of the human heart. He wants to heal or soothe the sores of the body, but he is, at the same time, deeply convinced that soul and body are one and he ardently desires to prepare his suffering brothers for the saving work of the Divine Physician.

Degree

On August 4, 1903, Giuseppe Moscati obtained his medical degree with full marks and the right to the press, thus worthy crowning the "curriculumof his university studies.

Dal 1904 il Moscati, dopo aver superato due concorsi, presta servizio di coadiutore all’ospedale degl’Incurabili, a Napoli, e fra l’altro organizza l’ospedalizzazione dei colpiti di rabbia e, mediante un intervento personale molto coraggioso, salva i ricoverati nell’ospedale di Torre del Greco, durante l’eruzione del Vesuvio nel 1906.

Hospital

In the following years Giuseppe Moscati obtained the suitability, in a competition for exams, for the laboratory service at the hospital for infectious diseasesDominic Cotugno.

In 1911 he took part in the public competition for six ordinary assistant positions in the Ospedali Riuniti and won it sensationally. The appointments to ordinary assistant follow one another, in hospitals and then, following the competition for ordinary doctor, the appointment to director of the room, that is to say to primary. During the First World War he was director of the military departments in the United Hospitals.

To this "curriculum” hospital are flanked by the various stages of the university and scientific one: from the university years up to 1908, Moscati was a voluntary assistant in the physiology laboratory; from 1908 on he was a full assistant at the Institute of Physiological Chemistry. Following a competition, he was appointed voluntary trainer of the III Medical Clinic, and in charge of the chemical department until 1911. At the same time, he went through the different levels of teaching.

Teaching

In 1911 he obtained, by qualifications, the Free Lecturer in Physiological Chemistry; he has the task of leading scientific and experimental research in the Institute of Biological Chemistry. Since 1911 he has been teaching, without interruption, "Laboratory investigations applied to the clinic"And"Chemistry applied to medicine”, with exercises and practical demonstrations. Privately, during some school years, he taught numerous graduates and students semeiology (study of every type of sign, be it linguistic, visual, gestural, etc.) and hospital, clinical and pathological anatomical casuistry. For several academic years he was a substitute teacher in the official courses of Physiological Chemistry and Physiology.

In 1922, he obtained the Free Teaching in General Medical Clinic, with exemption from the lesson or the practical test with unanimity of votes of the commission. Famous and highly sought after in the Neapolitan environment when he was still very young, Professor Moscati soon conquered a national fame and international for his original research, the results of which he published in various Italian and foreign scientific journals.

Successes

Non sono tuttavia unicamente e neppure principalmente le doti geniali ed i successi clamorosi del Moscati che suscitano la meraviglia di chi lo avvicina. Più di ogni altra cosa è la sua stessa personalità che lascia un’impressione profonda in coloro che lo incontrano, la sua vita limpida e coerente, tutta impregnata di fede e di carità verso Dio e verso gli uomini. Il Moscati è uno scienziato di prim’ordine; ma per lui non esistono contrasti tra la fede e la scienza: come ricercatore è al servizio della verità e la verità non è mai in contraddizione con se stessa né, tanto meno, con ciò che la Verità eterna ci ha rivelato.

Il Moscati vede nei suoi pazienti il Cristo sofferente, lo ama e lo serve in essi. È questo slancio di amore generoso che lo spinge a prodigarsi senza sosta per chi soffre, a non attendere che i malati vadano a lui, ma a cercarli nei quartieri più poveri ed abbandonati della città, a curarli gratuitamente, anzi, a soccorrerli con i suoi propri guadagni. 

E tutti, ma in modo speciale coloro che vivono nella miseria, intuiscono ammirati la forza divina che anima il loro benefattore. Così il Moscati diventa l’apostolo di Gesù: senza mai predicare, annuncia, con la sua carità e con il modo in cui vive la sua professione di medico, il Divino Pastore e conduce a lui gli uomini oppressi e assetati di verità e di bontà. L’attività esterna cresce costantemente, ma si prolungano pure le sue ore di preghiera e si interiorizzano progressivamente i suoi incontri con Gesù sacramentato.

Faith

His conception of the relationship between faith and science is well summed up in two of his thoughts:

"Not science, but charity has transformed the world, in some periods; and only very few men have gone down in history for science; but all will be able to remain imperishable, a symbol of the eternity of life, in which death is but a stage, a metamorphosis for a higher ascent, if they dedicate themselves to good."

"Science promises us well-being and at most pleasure; religion and faith give us the balm of consolation and true happiness…"

On April 12, 1927, Prof. Moscati, after taking part in Mass, as he does every day, and having attended to his duties in the hospital and in his private practice, felt ill and died in his armchair, cut short in full activity, at only 46 years of age; the news of his death is announced and spread by word of mouth with the words: "Doctor Santo died".

Giuseppe Moscati was raised to the honors of the altar by Blessed Paul VI (Giovanni Battista Montini, 1963-1978), during the Holy Year, on November 16, 1975; he was canonized by St.John Paul II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005), on October 25, 1987.

Source gospeloftheday.org

San Giuseppe Moscati
Giuseppe Moscati

Giuseppe Moscati, che da Santo gode di una grande devozione a Napoli, in realtà è nato a Benevento nel 1880 e aveva addirittura origini avellinesi. Figlio e nipote di magistrati, la sua vita professionale sembrava segnata, ma nessuno aveva fatto i conti con la sua grande fede che lo ha portato ben presto su una strada diversa…

“My place is next to the sick!”

In 1892, when Giuseppe was a teenager, his brother was badly injured when he fell off his horse and as a result of the accident he began to suffer from epilepsy. It must have been this precocious awareness of the brevity of human life, being struck by suffering, or perhaps the continuous vision of the sick from the window of his father's house overlooking the Ospedale degli Incurabili, which led Giuseppe to prefer the faculty of Medicine to that of Law. Back then medicine and science in general were fertile ground for materialism, but Joseph manages to keep it at a distance, nourishing his faith with the daily Eucharist.

Everyone's doctor

Giuseppe si laurea brillantemente ed è un medico promettente: a nemmeno 30 anni diventa famoso per le sue diagnosi immediate e precise, che hanno del miracoloso considerando gli scarsi mezzi dell’epoca. A chi glielo fa notare lui risponde che è merito della preghiera, perché è Dio l’artefice della vita, mentre i medici non possono che essere indegni collaboratori.

È con questa consapevolezza che va al lavoro ogni giorno, sia all’Ospedale degli Incurabili dove sarà nominato primario nel 1925, sia nel suo studio privato dove sono accolti tutti e dove non fa pagare i poveri, ma, anzi, li paga lui per essere andati a curarsi, sia nelle frequenti visite a domicilio in cui porta oltre all’assistenza medica anche il conforto spirituale. Si narra che una volta, dopo aver guarito un operaio da ascesso polmonare che tutti avevano scambiato per tisi, questi voleva pagarlo con tutti i suoi risparmi, ma Giuseppe gli chiese come onorario che andasse a confessarsi: “Perché è Dio che ti ha salvato”.

Science and faith

Oltre a dedicarsi alla cura dei malati, Giuseppe è anche un ottimo ricercatore che sperimenta le nuove tecniche e i nuovi farmaci, come l’insulina che dal 1922 inizia a essere utilizzata nella cura del diabete. É talmente abile nelle autopsie che nel 1925 gli viene affidata la direzione dell’Istituto di anatomia patologica. Non è inusuale vederlo farsi il segno della croce prima di operare su un cadavere, per il rispetto che si deve a un corpo che è stato un uomo amato da Dio.

Per lui scienza e fede non sono due mondi lontani, separati e inconciliabili, ma due elementi che convivono nella sua quotidianità, fatta di una grande devozione per la Vergine Maria, di sobrietà e povertà personale alla sequela di San Francesco, e della scelta del celibato per avere più tempo per i suoi sempre più numerosi pazienti.

The eruption of Vesuvius and cholera

Ci sono due episodi importanti nella vita di Giuseppe Moscati che fanno meglio comprendere la grandezza di questa figura: l’8 aprile del 1906 il Vesuvio inizia a eruttare. Giuseppe capisce immediatamente la situazione e si reca a Torre del Greco, dove l’Ospedale degli Incurabili ha una piccola succursale, per mettere in salvo i malati. Quando anche l’ultimo paziente sarà al sicuro, la struttura, in effetti, crolla. Nel 1911, invece, a Napoli si diffonde un’epidemia di colera e anche stavolta Giuseppe sarà non soltanto accanto ai malati senza paura del contagio, ma anche in prima linea con le sue attività di ricerca che contribuiranno molto a contenere la malattia.

Physician and apostle to the end

Nello studio di Giuseppe Moscati si recano tutti, anche personaggi famosi quali il tenore Enrico Caruso e il Beato Bartolo Longo. A tutti riservava la stessa attenzione e la stessa scrupolosità, perché in ogni volto vede quello di Gesù sofferente. Nella sala d’attesa c’è una scritta per regolare gli onorari: “Chi può metta qualcosa, chi ha bisogno prenda”. È lì, al suo posto, sulla sua poltrona – quella diventata poi una reliquia da venerare – quel 12 aprile 1927 quando un infarto lo stronca all’età di 47 anni. Sarà canonizzato da Giovanni Paolo II nel 1987 al termine del sinodo dei vescovi sulla vocazione e la missione dei laici all’interno della Chiesa.

Read also the story of St. Joseph Moscati from the Vatican website: click here

source © Vatican News – Dicasterium pro Communicatione


Donate your 5x1000 to our association
It doesn't cost you anything, it's worth a lot to us!
Help us help small cancer patients
you write:93118920615

Latest articles

Remigio e Giuseppina mano nella mano
April 19, 2024
I remain!
miracolo eucaristico, eucaristia
April 19, 2024
The Word of April 19, 2024
Eucaristia
April 18, 2024
Prayer of April 18, 2024
water, fish, japan, pesciolini rossi
April 18, 2024
Pinco goldfish
dare, porgere fiori
April 18, 2024
Created to love others

Upcoming events

×