Lisez l'histoire complète des saints Pierre et Paul, apôtres et martyrs

Saint Pierre Apôtre, patron de la bonne ville de Rome

Saints Pierre et Paul
Saints Pierre et Paul 3

Il suo nome era Simone, è Gesù a chiamarlo Pietro. Nativo di Betsaida, viveva a Cafarnao ed era pescatore sul lago di Tiberiade. Il Maestro lo invita a seguirlo insieme al fratello Andrea, e con Giacomo e Giovanni lo rende testimone di taluni fatti importanti: la risurrezione della figlia di Giairo, la trasfigurazione, l’agonia nell’orto degli ulivi.

Nel suo cammino al fianco del Messia, Pietro emerge come uomo semplice, schietto, a volte impulsivo. Spesso parla e agisce a nome degli apostoli, non esita a chiedere spiegazioni e chiarimenti a Gesù circa la predicazione o le parabole, lo interroga su varie questioni.

Et il est le premier à répondre lorsque le Maître s'adresse aux douze. "Veux-tu partir toi aussi ?" demande Jésus après avoir pris la parole dans la synagogue de Capharnaüm, provoquant la perplexité même parmi ses nombreux disciples, dont beaucoup, à partir de ce moment, décidèrent de ne plus le suivre. « Seigneur, à qui irions-nous ? – répond Simon Peter -. Tu as les paroles de la vie éternelle et nous avons cru et connu que tu es le Saint de Dieu » (Jn 6, 67-68).

La confession de foi

A Cesarea di Filippo, quando Gesù chiede ai suoi “Voi chi dite che io sia?”, è Pietro ad affermare: “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente” (Mt 16,16).

E Gesù: “E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli” (Mt 16,18-19). È questo l’incarico che Pietro riceve: governare la Chiesa.

I Vangeli svelano che Gesù sceglie di affidare la sua Chiesa ad un pescatore poco istruito, che talvolta non sa vedere la volontà di Dio, istintivo: Pietro protesta quando Gesù rivela della sua Passione; vuole sottrarsi alla lavanda dei piedi durante l’ultima cena, non accettando quel gesto così umile dal Maestro; nega per tre volte di conoscere Gesù dopo l’arresto.

Les apôtres reconnaissent le rôle que lui a conféré Jésus et c'est lui qui prend diverses initiatives. Le matin de Pâques, informé par Marie-Madeleine de la disparition du corps du Maître du tombeau, c'est lui qui s'y précipite avec un autre disciple. Mais ce dernier, le précédant dans la course, laisse entrer Peter le premier, en signe de respect.

La mission de Pierre

Dopo la risurrezione di Gesù, gli apostoli si riuniscono in cenacoli in cui talvolta si manifesta il Maestro. Ciascuno riprende la propria quotidianità e Pietro torna sulla sua barca e alle sue reti.

Ed è proprio dopo una notte trascorsa a pescare che il Maestro gli appare ancora una volta (Gv 21, 3-7), gli chiede di pascere il proprio gregge e gli predice con quale morte lo avrebbe glorificato (Gv 21, 15-19). Dopo l’ascensione di Gesù, Pietro è il punto di riferimento degli apostoli e dei primi seguaci di Cristo, comincia a parlare in pubblico, a predicare e ad operare guarigioni.

Viene arrestato, convocato e rilasciato più volte dal Sinedrio, costretto a prendere atto dell’autorità con la quale parlava e dell’entusiasmo della gente intorno a lui che cresceva sempre di più. Pietro comincia anche a spostarsi di città in città per raccontare la Buona Novella.

Ma torna spesso a Gerusalemme, ed è qui che un giorno si presenta, a lui e agli altri apostoli, Paolo raccontando della sua conversione. Pietro e Paolo intraprendono poi strade diverse, entrambi non si risparmiano in svariati viaggi, ma le loro vite si incrociano spesso a Gerusalemme.

Pierre confronte Paul à plusieurs reprises, accepte des observations et des considérations et se retrouve à discuter pour décider des orientations de l'Église naissante. Enfin les deux apôtres se retrouvent à Rome.

Évêque de Rome

Pietro rafforza la comunità cristiana e ne è guida. Viene imprigionato durante la persecuzione di Nerone e poi crocifisso a testa in giù, per sua stessa richiesta, mentre Paolo, condannato a morte dal tribunale romano, viene decapitato.

La tradition rapporte que leur martyre eut lieu le même jour : le 29 juin de l'an 67. Pierre mourut au cirque de Néron, sur la colline du Vatican, Paul sur la Via Ostiense. Sur leurs tombes s'élève la Basilique de San Pietro et le Basilique Saint-Paul-hors-les-Murs

Saint Paul l'Apôtre, patron de la bonne ville de Rome

Saint Paul l'Apôtre
Saints Pierre et Paul 4

Ebreo di Tarso, nell’odierna Turchia, Saulo, cittadino romano, colto, istruito alla scuola giudaica proseguita a Gerusalemme, aveva una buona formazione greco-ellenista, conosceva il greco e il latino.

Figlio di un tessitore di tende, aveva appreso pure l’arte manifatturiera del padre. Come molti ebrei di quell’epoca, aveva un secondo nome greco-latino: Paolo, scelto per semplice assonanza con il proprio nome. Caparbio, coraggioso e audace, aveva buone capacità dialettiche.

La sua personalità emerge dagli Atti degli Apostoli e dalle sue 13 Lettere. Non conosce Gesù ed è fra i primi a perseguitare i cristiani, ritenuti una setta pericolosa da debellare.

Nelle Scritture è menzionato per la prima volta nella narrazione della lapidazione di Stefano – primo martire cristiano – a Gerusalemme.

Fier partisan de la tradition juive, Saül "a essayé de détruire l'Église : il est entré dans les maisons, a saisi des hommes et des femmes et les a fait mettre en prison" (Actes 8:3). Les disciples le craignent et pour échapper aux persécutions certains se dispersent dans diverses villes, dont Damas.

Sur la route de Damas

Saulo si fa allora autorizzare dal sommo sacerdote a condurre in giudizio i fuggiaschi a Gerusalemme. “E avvenne che, mentre era in viaggio e stava per avvicinarsi a Damasco, all’improvviso lo avvolse una luce dal cielo e, cadendo a terra, udì una voce che gli diceva: ‘Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?’. Rispose: ‘Chi sei, o Signore?’.

Ed egli: ‘Io sono Gesù, che tu perseguiti! Ma tu alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare’. Saulo allora si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva nulla” (At 9, 3-6). Viene accompagnato a Damasco, dove per tre giorni, sconvolto dall’accaduto, non prende “né cibo né bevanda”.

Al terzo giorno si presenta a lui un tale Anania al quale Dio, durante una visione, aveva chiesto di cercarlo e di imporgli le mani perché recuperasse la vista. “Egli è lo strumento che ho scelto per me, affinché porti il mio nome dinanzi alle nazioni, ai re e ai figli d’Israele; e io gli mostrerò quanto dovrà soffrire per il mio nome”, viene rivelato ad Anania.

Paolo si fa battezzare, conosce la piccola comunità cristiana del luogo, si presenta nella Sinagoga e testimonia quanto gli è accaduto. Comincia da qui il suo apostolato. Si intrattiene con i discepoli che si trovano a Damasco, inizia a predicare con entusiasmo e in seguito raggiunge Gerusalemme.

Qui conosce Pietro e gli altri apostoli che, dopo un’iniziale diffidenza, lo accolgono e gli parlano a lungo di Gesù. Paolo li ascolta, apprende gli insegnamenti lasciati dal Maestro e fortifica la sua fede. Prosegue la predicazione, ma si scontra con l’ostilità di tanti ebrei e le perplessità di diversi cristiani.

Il quitta Jérusalem et retourna à Tarse, où il reprit son métier de tisserand de tentes et continua à se consacrer à l'évangélisation. Quelques années plus tard, Paul, avec Barnabas, l'un des premiers juifs convertis, arrive à Antioche et établit des liens étroits avec la communauté chrétienne.

Les voyages apostoliques

Dopo un breve soggiorno a Gerusalemme, da Antiochia Paolo prosegue la sua missione fra gli ebrei e soprattutto fra i pagani – i cosiddetti “gentili” – per altre mete. Tre i suoi grandi viaggi apostolici.

Durante il primo approda a Cipro e in diverse città della Galazia, fonda svariate comunità, quindi raggiunge nuovamente Antiochia e poi Gerusalemme, per discutere con gli apostoli se i convertiti dal paganesimo dovevano rispettare o meno i precetti della tradizione ebraica.

Nel secondo viaggio Paolo si dirige nel sud della Galazia, poi è la volta della Macedonia e della Grecia. Si ferma a Corinto per oltre un anno poi tocca altre città, fra cui Efeso e ancora Gerusalemme, e si dirige nuovamente ad Antiochia. Da qui riparte per il suo il terzo viaggio.

Il s'arrête trois ans à Éphèse, puis gagne la Macédoine, Corinthe et d'autres localités, visite les communautés qui l'avaient accueilli auparavant et revient enfin à Jérusalem. En raison des tensions qui s'étaient développées entre les communautés qu'il avait fondées et les judéo-chrétiens concernant le respect de certaines dispositions de la loi juive, il confronta James.

Vers le martyre

Alors accusé par les Juifs d'avoir prêché contre la loi et d'avoir introduit un païen converti dans le temple, il est arrêté, mais, en jugement, Paul, en tant que citoyen romain, fait appel à l'empereur et est transféré à Rome.

Il y arrive après sa captivité à Césarée et plusieurs escales dans d'autres villes. A Rome, où Pierre était aussi, il est entré en contact avec la communauté chrétienne. Acquitté faute de preuves, il a ensuite poursuivi sa mission. Il est arrêté une fois de plus sous Néron; condamné à mort par le tribunal romain, il fut décapité sur la Via Ostiense, tandis que Pierre fut crucifié sur la colline Vatican.

La tradition rapporte que le martyre de Pierre et Paul a eu lieu le même jour : le 29 juin de l'an 67. Sur leurs tombeaux s'élèvent la Basilique de San Pietro et la Basilique de San Paolo fuori le Mura.

sources © Dicastère pour la Communication

Dernière mise à jour : 7 novembre 2022 9:43 par Remigius Robert

Avatar de Remigio Ruberto

Salut, je suis Remigio Ruberto, père d'Eugenio. L'amour qui me lie à Eugenio est intemporel et sans espace.

Laisser un commentaire