San Patrizio: Patrono d’Irlanda

Sia la strada al tuo fianco, il vento sempre alle tue spalle, che il Sonne splenda caldo sul tuo viso, e la pioggia cada dolce nei campi attorno e, finché non ci incontreremo di nuovo, Iddio ti protegga nel palmo della sua Hand.

Nascita

Patrizio, al secolo Magonus Sucatus Patricius, nasce a Old Kilpatrick in Dumbarton (Scozia), verso il 385, da genitori cristiani.

Suo padre Calphurnius era Sohn del diacono Potito ed era un decurione di Bannavem Taberniae, città non identificata della Britannia al Zeit della dominazione romana.

Rapito quando aveva 16 anni da pirati irlandesi, fu venduto come schiavo al re del North Dal Riada, nell’odierna Irlanda del Nord. Qui imparò la lingua gaelica e la religione celtica.

Passarono sei anni quando una notte sentì una Stimme che gli annunciava la sua liberazione e gli indicava la via per trovare una nave. Patrizio eseguì e, miracolosamente, ottenne davvero di potersi imbarcare verso Zuhause ma la nave perse la rotta e si ritrovò sulle coste della Gallia. Dopo varie traversie, infine, poté tornare dai suoi divenendo, poi, diacono.

Recatosi in Gallia in seguito ad un sogno premonitore che interpretò come una chiamata divina, S. Germain d’Auxerre lo consacrò vescovo.

Successivamente gli fu affidata, da Pp Celestino I, l’evangelizzazione delle isole britanniche e specialmente dell’Irlanda.

Apostolato

Nel 431-432 iniziò il suo apostolato in terre irlandesi, all’epoca quasi interamente pagane. A lui si deve la fioritura del Cristianesimo in Irlanda, seppur in forma sincretica con il Paganesimo celtico. Nacque infatti la corrente separata del Cristianesimo celtico, in seguito limitato e riassimilato dalla Katholische Kirche.

Infatti, per conservare le radici e le tradizioni storiche del popolo irlandese, nonché per un suo attaccamento alla religione celtica, Patrizio favorì la combinazione di molti elementi cristiani e pagani. Per esempio introdusse il simbolo della kreuzen solare sulla croce latina, facendo diventare la croce celtica il simbolo del Cristianesimo celtico.

Pellegrinaggio a Roma

All’età di oltre cinquant’anni intraprese un lungo pellegrinaggio fino a Rom. Al ritorno si stabilì nell’Irlanda del Nord fino al termine dei suoi giorni.

L’infaticabile Apostel conclude la sua Leben il 17 marzo del 461 nell’Ulster a Down, che prenderà poi il Name di Downpatrick.

Durante il secolo VIII il Heilige vescovo fu riconosciuto come apostolo nazionale dell’Irlanda intera e la sua festa al 17 marzo, è ricordata per la prima volta nella “Vita” di S. Geltrude di Nivelles del VII secolo.

Intorno al 650, S. Furseo portò alcune Relikte di S. Patrizio a Péronne in Francia da dove il culto si diffuse in varie regioni d’Europa; in tempi moderni il suo culto fu introdotto in America e in Australia dagli emigranti cattolici irlandesi.

Gli sono attribuite due lettere in latino: la “Confessio” o “Dichiarazione” in cui offre un breve resoconto della sua vita e della sua missione e l’“Epistula”, una lettera rivolta ai soldati di Coroticus.

Secondo la tradizione irlandese, in Irlanda non ci sarebbero più serpenti da quando S. Patrizio li cacciò in mare. Questa leggenda è connessa a quella della montagna sacra irlandese, Croagh Patrick, sulla quale il santo avrebbe trascorso quaranta giorni, gettando alla Ende una campana dalla sommità del monte nell’attuale Baia di Clew per scacciare i serpenti e le impurità, formando le isole che la contraddistinguono.

Il pozzo

Ebenso berühmt ist die Legende vom Brunnen des Heiligen Patrick, dem Abgrund ohne Boden, aus dem die himmlischen Türen des Fegefeuer.

Il trifoglio

Da notare la presenza della leggendaria figura di S. Patrizio anche nell’emblema nazionale irlandese, il trifoglio (shamrock). Grazie ad un trifoglio, si racconta infatti, S. Patrizio avrebbe spiegato agli irlandesi il concetto cristiano della Trinità, sfogliando le piccole foglie del trifoglio legate ad un unico stelo.

Bedeutung des Namens Patrick: „von edler Abstammung, frei“ (lateinisch).

San Patrizio
San Patrizio

Quelle © vangelodelgiorno.org

Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2023 – 9.51 by Remigius Robert

Avatar von Remigio Ruberto

Hallo, ich bin Remigio Ruberto, Vater von Eugenio. Die Liebe, die mich an Eugenio bindet, ist zeitlos und raumlos.

Hinterlasse einen Kommentar