Tempo di lettura: 6 minuti

קרא והאזין למילה של 3 במאי 2023

הקדושים פיליפוס וג'יימס (הקטין) שליחים, משתה

קריאה ראשונה

האדון התגלה ליעקב, ולאחר מכן לכל השליחים.

מהמכתב הראשון של הקדוש פאולוס השליח אל הקורינתים
1 Cor 15.1-8a

אני מבשר לכם, אחים, את הבשורה אשר הכרזתי לכם וקיבלתם, בה אתם נשארים איתנים ובאמצעותה ניצלת, אם תשמרו אותה כפי שפרסמתי אותה לכם. אלא אם כן האמנת לשווא!

A voi infatti ho trasmesso, anzitutto, quello che anch’io ho ricevuto, cioè che Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture e che fu sepolto e che è risorto il terzo giorno secondo le Scritture e che apparve a Cefa e quindi ai Dodici.

מאוחר יותר הוא הופיע ליותר מחמש מאות אחים בבת אחת, רובם עדיין בחיים, בעוד שחלקם מתו. הוא גם הופיע ליעקב, ולאחר מכן לכל השליחים. אחרון כל זה הופיע גם לי.

Parola di Dio.

תהילים תשובה
מתוך פס' 18 (19)

א הודעתם מתפשטת על פני כדור הארץ.
אוֹ:
ר' הללויה, הללויה, הללויה.

I cieli narrano la gloria di Dio,
מעשה ידיו מכריז על הרקיע.
היום יום מפקיד את הסיפור
ומלילה ללילה הוא משדר חדשות על כך. ר.

בלי שפה, בלי מילים,
מבלי שהקול שלהם יישמע,
ההכרזה שלהם מתפשטת על פני כדור הארץ
והמסר שלהם עד קצה העולם. ר
.

הצהרת הבשורה

הללויה, הללויה.

אני הדרך, האמת והחיים, אומר ה';
Filippo, chi ha visto me, ha visto il Padre. (Gv 14,6b.9c)

אלואיה.

בְּשׂוֹרָה

אני איתך כבר הרבה זמן ולא פגשת אותי, פיליפו?

La Parola del 3 maggio 2023
La Parola del 3 maggio 2023 7

מהבשורה על פי יוחנן
יוחנן י"ד:6-14

In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».

Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.

In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò».

דבר ה'.

מועצת הוותיקן השנייה

Costituzione dogmatica sulla Chiesa, « Lumen gentium » §23 – Copyright © Libreria Editrice Vaticana

הבישופים, ממשיכי דרכו של השליחים

I singoli vescovi, invece, sono il visibile principio e fondamento di unità nelle loro Chiese particolari queste sono formate ad immagine della Chiesa universale, ed è in esse e a partire da esse che esiste la Chiesa cattolica una e unica.

Perciò i singoli vescovi rappresentano la propria Chiesa, e tutti insieme col Papa rappresentano la Chiesa universale in un vincolo di pace, di amore e di unità. I singoli vescovi, che sono preposti a Chiese particolari, esercitano il loro pastorale governo sopra la porzione del popolo di Dio che è stata loro affidata, non sopra le altre Chiese né sopra la Chiesa universale.

Ma in quanto membri del collegio episcopale e legittimi successori degli apostoli, per istituzione e precetto di Cristo sono tenuti ad avere per tutta la Chiesa una sollecitudine che, sebbene non sia esercitata con atti di giurisdizione, contribuisce sommamente al bene della Chiesa universale.

Tutti i vescovi, infatti, devono promuovere e difendere l’unità della fede e la disciplina comune all’insieme della Chiesa, formare i fedeli all’amore per tutto il corpo mistico di Cristo, specialmente delle membra povere, sofferenti e di quelle che sono perseguitate a causa della giustizia (cfr. Mt 5,10), e infine promuovere ogni attività comune alla Chiesa, specialmente nel procurare che la fede cresca e sorga per tutti gli uomini la luce della piena verità…

La cura di annunziare il Vangelo in ogni parte della terra appartiene al corpo dei pastori, ai quali tutti, in comune, Cristo diede il mandato, imponendo un comune dovere…

Quindi i singoli vescovi, per quanto lo permette l’esercizio del particolare loro dovere, sono tenuti a collaborare tra di loro e col successore di Pietro, al quale in modo speciale fu affidato l’altissimo ufficio di propagare il nome cristiano.

דברי האב הקדוש

In questo passo del Vangelo (cfr Gv 14,1-14), il discorso di congedo di Gesù, Gesù dice che va dal Padre.

E dice che sarà con il Padre e che anche chi crede in Lui «compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio.

Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò» (vv. 12-14). Possiamo dire che questo passo del Vangelo di Giovanni è la dichiarazione dell’ascesa al Padre. Il Padre sempre è stato presente nella vita di Gesù, e Gesù ne parlava. Gesù pregava il Padre. E tante volte, parlava del Padre che ha cura di noi, come ha cura degli uccelli, dei gigli del campo…

Il Padre. E quando i discepoli gli chiesero di imparare a pregare, Gesù insegnò a pregare il Padre: «Padre nostro».  La preghiera al primo posto. Poi, le altre cose.

Ma quando le altre cose tolgono spazio alla preghiera, qualcosa non funziona. E la preghiera è forte per questo che abbiamo sentito nel Vangelo di Gesù: «Io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome al Padre, la farò, perché il Padre sia glorificato» (Gv 14,12-13)

Così va avanti la Chiesa, con la preghiera, il coraggio della preghiera, perché la Chiesa sa che senza questa ascesa al Padre non può sopravvivere. (סנטה מרתה, 10 במאי 2020)

Il Vangelo del giorno
הבשורה של היום
המילה של 3 במאי 2023
Loading
/

עזרו לנו לעזור!

La Parola del 3 maggio 2023 5
בתרומתך הקטנה אנו מעלים חיוך לחולי סרטן צעירים

לקרוא: