Temps de lecture : 6 minutes

Lire et écouter la Parole du 3 mai 2023

Saints Philippe et Jacques (le Mineur) apôtres, fête

Première lecture

Le Seigneur est apparu à Jacques, puis à tous les apôtres.

De la première lettre de Saint Paul Apôtre aux Corinthiens
1 Co 15.1-8a

Je vous annonce, frères, l'Evangile que je vous ai annoncé et que vous avez reçu, dans lequel vous demeurez fermes et par lequel vous êtes sauvés, si vous le gardez comme je vous l'ai annoncé. A moins que vous n'ayez cru en vain !

A voi infatti ho trasmesso, anzitutto, quello che anch’io ho ricevuto, cioè che Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture e che fu sepolto e che è risorto il terzo giorno secondo le Scritture e che apparve a Cefa e quindi ai Dodici.

Plus tard, il est apparu à plus de cinq cents frères à la fois, dont la plupart sont encore en vie, tandis que certains sont morts. Il est aussi apparu à Jacques, puis à tous les apôtres. Enfin, il m'est apparu aussi.

Épée de Dieu.

Psaume responsorial
De Ps 18 (19)

R. Leur annonce se répand sur toute la terre.
Ou:
R. Alléluia, alléluia, alléluia.

I cieli narrano la gloria di Dio,
le travail de ses mains annonce le firmament.
Le jour le jour confie l'histoire
et nuit après nuit, il en diffuse les nouvelles. R

Sans langue, sans mots,
sans que leur voix soit entendue,
leur annonce se répand sur toute la terre
et leur message jusqu'au bout du monde. R
.

Acclamation à l'Évangile

Alléluia, alléluia.

Je suis le chemin, la vérité et la vie, dit le Seigneur ;
Filippo, chi ha visto me, ha visto il Padre. (Gv 14,6b.9c)

Alléluia.

Gospel

Je suis avec toi depuis longtemps et tu ne m'as pas rencontré, Filippo ?

La Parola del 3 maggio 2023
La Parole du 3 mai 2023 3

De l'Evangile selon Jean
Jn 14:6-14

In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».

Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.

In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò».

Parole du Seigneur.

Concile Vatican II

Costituzione dogmatica sulla Chiesa, « Lumen gentium » §23 – Copyright © Libreria Editrice Vaticana

Les évêques, successeurs des apôtres

I singoli vescovi, invece, sono il visibile principio e fondamento di unità nelle loro Chiese particolari queste sono formate ad immagine della Chiesa universale, ed è in esse e a partire da esse che esiste la Chiesa cattolica una e unica.

Perciò i singoli vescovi rappresentano la propria Chiesa, e tutti insieme col Papa rappresentano la Chiesa universale in un vincolo di pace, di amore e di unità. I singoli vescovi, che sono preposti a Chiese particolari, esercitano il loro pastorale governo sopra la porzione del popolo di Dio che è stata loro affidata, non sopra le altre Chiese né sopra la Chiesa universale.

Ma in quanto membri del collegio episcopale e legittimi successori degli apostoli, per istituzione e precetto di Cristo sono tenuti ad avere per tutta la Chiesa una sollecitudine che, sebbene non sia esercitata con atti di giurisdizione, contribuisce sommamente al bene della Chiesa universale.

Tutti i vescovi, infatti, devono promuovere e difendere l’unità della fede e la disciplina comune all’insieme della Chiesa, formare i fedeli all’amore per tutto il corpo mistico di Cristo, specialmente delle membra povere, sofferenti e di quelle che sono perseguitate a causa della giustizia (cfr. Mt 5,10), e infine promuovere ogni attività comune alla Chiesa, specialmente nel procurare che la fede cresca e sorga per tutti gli uomini la luce della piena verità…

La cura di annunziare il Vangelo in ogni parte della terra appartiene al corpo dei pastori, ai quali tutti, in comune, Cristo diede il mandato, imponendo un comune dovere…

Quindi i singoli vescovi, per quanto lo permette l’esercizio del particolare loro dovere, sono tenuti a collaborare tra di loro e col successore di Pietro, al quale in modo speciale fu affidato l’altissimo ufficio di propagare il nome cristiano.

PAROLES DU SAINT PERE

In questo passo del Vangelo (cfr Gv 14,1-14), il discorso di congedo di Gesù, Gesù dice che va dal Padre.

E dice che sarà con il Padre e che anche chi crede in Lui «compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio.

Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò» (vv. 12-14). Possiamo dire che questo passo del Vangelo di Giovanni è la dichiarazione dell’ascesa al Padre. Il Padre sempre è stato presente nella vita di Gesù, e Gesù ne parlava. Gesù pregava il Padre. E tante volte, parlava del Padre che ha cura di noi, come ha cura degli uccelli, dei gigli del campo…

Il Padre. E quando i discepoli gli chiesero di imparare a pregare, Gesù insegnò a pregare il Padre: «Padre nostro».  La preghiera al primo posto. Poi, le altre cose.

Ma quando le altre cose tolgono spazio alla preghiera, qualcosa non funziona. E la preghiera è forte per questo che abbiamo sentito nel Vangelo di Gesù: «Io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome al Padre, la farò, perché il Padre sia glorificato» (Gv 14,12-13)

Così va avanti la Chiesa, con la preghiera, il coraggio della preghiera, perché la Chiesa sa che senza questa ascesa al Padre non può sopravvivere. (Sainte Marthe, 10 mai 2020)

Vangelo del giorno
L'Evangile du jour
La Parole du 3 mai 2023
Loading
/

Faites don de vos 5x1000 à notre association
Cela ne vous coûte rien, cela vaut beaucoup pour nous !
Aidez-nous à aider les petits patients atteints de cancer
vous écrivez:93118920615

Derniers articles

Udienza Generale del 17 aprile 2024
17 avril 2024
Audience générale du 17 avril 2024
Eucaristia
17 avril 2024
La Parole du 17 avril 2024
croce su vetro appannato
16 avril 2024
Prière du 16 avril 2024
madre e figlio
16 avril 2024
Supplie ma mère
sole
16 avril 2024
De nouvelles compassions

Évènements à venir

×