Legere tempus: 6 minuta

Lege et audi Verbum 25 Maii 2023 .

Feria Quinta in Hebdomada Paschae

Lectio prima

Romae quoque testari necesse est.

Ex Actibus Apostolorum
Ad 10.30pm; 23,6-11

In diebus illis, [Praefectus atrij,] volens scire rerum veritatem, hoc est, ob causam Paulus accusabatur a Judaeis, eum solutum habere, & iubet summos Sacerdotes & omnes Synedrio congredi; Ad quos cum introduxisset Paulus, duxit ante eos.

Sciens autem Paulus quod quidam sadducæi et Pharisæi quidam essent, magna voce dixit in concilio: « Fratres, ego Pharisaeus sum, filius Pharisaeorum; in iudicium vocor propter spem resurrectionis mortuorum.

Appena ebbe detto questo, scoppiò una disputa tra farisei e sadducèi e l’assemblea si divise. I sadducèi infatti affermano che non c’è risurrezione né angeli né spiriti; i farisei invece professano tutte queste cose. Ci fu allora un grande chiasso e alcuni scribi del partito dei farisei si alzarono in piedi e protestavano dicendo: «Non troviamo nulla di male in quest’uomo.

Spiritus forsitan vel angelus ei locutus est ».
In tantum discordia incensa est, ut dux, timens ne ab iis Paulus pressus esset, milites dimittunt, et in arcem eum reducunt.

Sequenti vero nocte Dominus accessit ad eum et dixit ei: «Confortamini! sicut et tu testimonium perhibuisti de me in Ierusalem, sic necesse est ut et tu Romae testificaris.

Verbum Dei.

Psalmus responsorius
Lectio libri Sapientiae.

R. Custodi me, Deus, * in te speravi.

Custodi me, Deus: * in te speravi.
Dixi Domino: « Dominus meus es tu ».
Dominus hereditas mea et calix meus;
in manibus tuis vita mea est. R.

Benedicam Dominum qui dedit mihi consilium.
etiam nocte mens me instruit.
Dóminum ante me semper posuísti;
stante meo iure, non vacillare poterunt. R.

Hoc enim laetatur cor meum
et exsultavit anima mea;
etiam corpus meum tuto requiescit;
quare non derelinques animam meam in inferno
nec dabis fidelibus foveam. R.

Ostendes mihi semitam vitae;
gaudium plenum in conspectu tuo;
sine fine dulcedinis dexterae tuae. R.

Acclamatio evangelii

Alleluja, alleluja.
 
Omnes unum sint;
sicut tu, pater, in me, et ego in te;
ut credatis mundum quia tu me misisti. (Io 17, 21).

Allelúja.

Evangelium hodie

Perfecti sint in unitate.

La Parola del 25 maggio 2023
Verbum 25 Maii 2023 3

Lectio sancti Evangelii secundum Ioannem
Io 17, 20-26;

In illo tempore, [Elevatis Jesus oculis in cælum, oravit, dicens:]

Non solum pro his rogo, sed et pro his qui credituri sunt per verbum eorum in me, ut omnes unum sint. sicut tu, pater, in me et ego in te, et ipsi in nobis sint, ut credat mundus quia tu me misisti.

Et ego claritatem, quam dedisti mihi, dedi eis : ut sint unum, sicut et nos unum sumus. Ego in eis, et tu in me, ut perfecti in unitate sint, et pro mundo sciant quia tu me misisti, et quia dilexisti eos sicut me dilexisti.

Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch’essi con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che tu mi hai dato; poiché mi hai amato prima della creazione del mondo.

Pater juste, mundus te non cognovit, ego autem te cognovi : et hi cognoverunt quia tu me misisti. Et notum feci eis nomen tuum, et notum faciam, ut dilectio, qua dilexisti me, in ipsis sit, et ego in ipsis ».

Verbum Domini.

Beata Maria Eugenia a Iesu Infante (1894-1967)

Carmelita, Notre-Dame de Vie fundator

“Il buon Gesù” (trad. cb© evangelizo)

"Ut sint similes nostri" (Io 17, 21).

Cristo Gesù, nella sua preghiera sacerdotale prima della Passione, fa una sola richiesta per gli apostoli e per coloro che crederanno nella loro parola: Che siano una cosa sola con Lui, come Lui e suo Padre sono uno (Gv 17,21), affinché possano vedere la sua gloria (Gv 17,24).

E questo Cristo Gesù lo esige come il prezzo del suo sacrificio. L’unità è il fine dell’Incarnazione e della Redenzione. E’ vitale per le anime e per la Chiesa. (…) La Chiesa è Cristo diffuso, o Cristo sparso nei membri. Lei lo prolunga dandogli le umanità nelle quali lui spiega le ricchezze della sua grazia e con le quali continua la sua missione sacerdotale quaggiù. La grazia divina, che viene a noi solo per Cristo, ci lega a Cristo e ci fa appartenenti a Cristo.

Così noi siamo di Cristo e Cristo è di Dio. (…) Ecco il piano di Dio su di noi e il disegno che vuol realizzare in noi e per noi. O siamo di Cristo o non avremo la vita soprannaturale; saremo Figli col Verbo incarnato in seno alla Trinità santa o saremo esclusi dal regno dei cieli.

Sono verità che non devono solo alimentare la nostra contemplazione. Poiché esse guidano tutta l’opera divina della Redenzione e dell’organizzazione della Chiesa, devono presiedere alla cooperazione richiestaci a quest’opera divina.

Haec alta veritates sunt inter utilissima ad vitam spiritualem et ad apostolatum.

VERBA SANCTI PATRIS

“Dobbiamo essere uno, una sola cosa, come Gesù e il Padre sono una sola cosa.

Questa è proprio la sfida di tutti noi cristiani: non lasciare posto alla divisione fra noi, non lasciare che lo spirito di divisione, il padre della menzogna entri in noi. Cercare sempre l’unità. […]

Gesù prega perché noi siamo uno, una sola cosa. E la Chiesa ha tanto bisogno di questa preghiera di unità”. E un altro consiglio che Gesù ha dato in questi giorni di congedo è di rimanere in Lui: ‘Rimanete in me’.

E chiede questa grazia […] ‘Padre, voglio che quelli che mi hai dato, anch’essi siano con me dove sono io’. Cioè, che questi rimangano là, con me.

Il rimanere in Gesù, in questo mondo, finisce nel rimanere con Lui ‘perché contemplino la mia gloria’. (Omelia Sancta Martha, diei 21 maii 2015)

Vangelo del giorno
Evangelium diei
Verbum 25 Maii 2023
Loading
/

5x1000 tuam tuam consociatione
Nihil tibi constat, nobis multum valet!
Adiuva nos adiuva parva cancer aegris
scribis;93118920615

Articuli tardus

pregare il Rosario
Die 20 Aprilis 2024
Elige orare
libro del Vangelo
Die 20 Aprilis 2024
Verbum 20 mensis Aprilis
rana, animale, frog
die 19 mensis Aprilis anno 2024
Hiante rana
gioia nel cuore
die 19 mensis Aprilis anno 2024
Elige gaudium
Remigio e Giuseppina mano nella mano
die 19 mensis Aprilis anno 2024
maneo!

Upcoming Events