Tempo di lettura: 5 minuti

Perdere spazio: la dieta che fa vivere

Commento al Vangelo del 2 luglio 2023

Tredicesima domenica del T.O. anno A

2Re 4,8-11.14-16   Sal 88   Rm 6,3-4.8-11   Mt 10,37-42

È doloroso il distacco da ciò che ami.
Ma anche l’agricoltore perde temporaneamente ciò che semina.
Tira fuori, sparge, getta a terra, ricopre. Di che ti meravigli?
Costui che disprezza e fa cadere a terra è un avido mietitore.
L’inverno e l’estate hanno provato che cosa si sia fatto;
la gioia del mietitore ti dimostra l’intenzione del seminatore

Sant’Agostino, Discorso 330,2

Aprire

Per quanto cerchiamo talvolta di rimanere da soli, prima o poi c’è sempre qualcuno che viene a bussare alla nostra vita!

A volte per chiedere aiuto, a volte per il piacere di stare insieme, a volte anche solo per disturbarci o per rovinarci la giornata, a volte per condividere una parola.

Ci ritroviamo così davanti all’alternativa tra il fare finta di non esserci e lo scomodarci ad aprire. In fondo, se ci facciamo caso, viviamo tutte le nostre giornate nella decisione tra queste possibilità.

A volte siamo contenti e senza esitare apriamo il nostro cuore, altre volte indugiamo, altre volte ancora ci sbarriamo dentro provando a non respirare per essere più credibili nel nostro silenzio.

Lo sconosciuto

Come nel racconto del Secondo libro dei Re, che leggiamo questa domenica, passa prima o poi nella nostra vita uno sconosciuto, una presenza che ci interpella.

Potrebbe essere qualcuno che, anche senza volerlo, con la sua incursione ci fa pensare o ci indica qualcosa di importante per la nostra vita.

Potrebbe essere per esempio un amico che ci incoraggia ad affrontare le difficoltà e ci aiuta a «innalzare la fronte» (Sal 89,18), potrebbe essere qualcuno che ci dà speranza, a volte è semplicemente qualcuno che soffre e che, con la sua testimonianza, ci aiuta a stare nelle nostre fatiche.

Costruire uno spazio

Sono presenze profetiche che attraversano il nostro cammino, proprio come il profeta che attraversa la vita di questa donna illustre del testo del Secondo libro dei Re: Eliseo passa varie volte nella vita di questa donna e con la sua presenza la induce a interrogarsi.

È una donna a cui manca il futuro, perché non ha un figlio e il marito è anziano: la vita sembra inesorabilmente orientata verso la fine, tutto sembra dileguarsi nel nulla.

Sebbene non preveda alcun guadagno dal suo gesto, questa donna si apre all’accoglienza: è da quel gesto che nasce il suo futuro.

Chiede al marito di costruire uno spazio per il profeta. Accogliere significa infatti sempre anche perdere qualcosa. Forse è proprio questo che rende difficile l’accoglienza: ci chiede di fare spazio, di perdere un po’ il controllo, siamo chiamati a rinunciare a qualcosa per generare vita.

Anche la mamma deve rinunciare a tenere il figlio nel suo grembo per farlo nascere e per continuare a vivere.

Perdere

Ogni giorno siamo chiamati a perdere qualcosa per poter vivere: ci viene chiesto a volte di perdere il nostro tempo per ascoltare qualcuno, ci viene chiesto di farci da parte per lasciare spazio a qualcun altro, ci viene chiesto di scomodarci per andare incontro ai bisogni e alle esigenze che ci vengono posti davanti.

Talvolta ci illudiamo di poter evitare questa accoglienza, ma in realtà se non accogliamo, moriamo!

Non accogliere vuol dire chiudersi dentro, sbarrarsi dentro se stessi. Il grembo rimane vuoto e senza vita se non si è disposti ad accogliere.

Per riprendere le parole di Paolo nella Lettera ai Romani, potremmo dire che accogliere è veramente «camminare in una vita nuova» (Rm 6,7).

Un’altra logica

Anche Gesù nel Vangelo ci propone di riflettere su questa alternativa rovesciata tra il perdere e il trovare: sebbene siamo sempre affannati nel tentativo di conquistare e possedere, in realtà la vita fiorisce solo laddove si è disposti a perdere.

In questo contesto possiamo comprendere meglio anche le parole di Gesù che invitano a prendere la propria croce (Mt 10,38): possiamo capire il valore dell’accoglienza e la disponibilità a perdere solo se assumiamo ogni giorno la logica del Vangelo, cioè la croce, come criterio delle nostre scelte.

Si accoglie per amore, si accoglie quando si scopre che l’unico modo per generare è perdere qualcosa di noi.

Si può assumere la logica del Vangelo come criterio delle nostre scelte solo se siamo disposti a mettere un po’ da parte i nostri ragionamenti e le nostre precomprensioni, il che vuol dire perdere un po’ dell’ipertrofia del nostro io.

Solo perdendo, si può seguire veramente Gesù: seguire vuol dire mettersi dietro, guardare dove mette i piedi Gesù. Vuol dire quindi lasciarsi portare anche dove non avremmo pensato di andare!

Semplicità

L’accoglienza spaventa, ma in realtà comincia dai piccoli gesti, comincia da un bicchiere d’acqua fresca.

Purtroppo abbiamo caricato la parola accoglienza di tanta ideologia, l’abbiamo sovraccaricata di ragionamenti politici e finanziari, fino a perdere il valore primitivo di un gesto semplicemente umano che custodisce l’essenza di quello che siamo: esseri in relazione.

Siamo chiamati per vocazione a essere scomodati, anche quando sentiamo l’altro come straniero nel nostro mondo (E. Lévinas).

In realtà è proprio colui che ci interpella e ci scomoda a renderci capaci di generare.

Leggersi dentro

  • Ti lasci scomodare o vivi chiuso dentro?
  • Cosa sei disposto a perdere per seguire di più Gesù?

Per gentile concessione © ♥ Padre Gaetano Piccolo SJ

Ascoltiamo insieme

Vangelo del giorno
Il Vangelo del giorno
Perdere spazio
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

rana, animale, frog
19 Aprile 2024
La rana dalla bocca larga
gioia nel cuore
19 Aprile 2024
Scegliere la gioia
Remigio e Giuseppina mano nella mano
19 Aprile 2024
Io resto!
miracolo eucaristico, eucaristia
19 Aprile 2024
La Parola del 19 aprile 2024
Eucaristia
18 Aprile 2024
Preghierina del 18 aprile 2024

Eventi in programma

×