Tempo di lettura: 4 minuti

Leggi e ascolta la fiaba su “le papere che non galleggiano”

Curiosando

Le papere sono uccelli acquatici che appartengono alla famiglia degli anatidi. Si distinguono dalle altre anatre per il loro becco largo e appiattito, che usano per filtrare il cibo dall’acqua.

Le papere sono onnivore e si nutrono di piante, semi, insetti, molluschi e piccoli pesci. Le papere sono presenti in tutti i continenti, tranne che in Antartide, e si adattano a diversi habitat, come laghi, fiumi, paludi e zone costiere.

Le papere sono animali sociali e formano gruppi chiamati branchi. Alcune specie di papere migrano stagionalmente per sfuggire al freddo o per trovare nuove fonti di cibo. Le papere si riproducono una volta all’anno, di solito in primavera.

La femmina costruisce un nido con erba, foglie e piume e vi depone da 6 a 12 uova. Dopo circa un mese di incubazione, nascono i pulcini, che sono in grado di nuotare e seguire la madre fin dal primo giorno. Le papere hanno una vita media di 10 anni in natura e fino a 20 anni in cattività.

Leggiamo insieme

Ciao a tutti, oggi vi voglio raccontare la fiaba delle papere che non galleggiano. Si tratta di una storia divertente e un po’ assurda, che spero vi faccia sorridere.

La fiaba narra di un gruppo di papere che vivevano in una fattoria, e che avevano un problema: non riuscivano a galleggiare sull’acqua. Ogni volta che provavano a fare il bagno nella vasca, affondavano come sassi. Questo le rendeva molto tristi e frustrate, perché le altre papere si divertivano a nuotare e a schizzare.

Un giorno, una delle papere ebbe un’idea: forse il loro problema era dovuto al fatto che mangiavano troppo. Così propose alle sue compagne di fare una dieta, sperando che così potessero alleggerirsi e galleggiare. Le altre papere accettarono, e iniziarono a mangiare meno granaglie e più verdure.

Dopo qualche settimana, le papere decisero di fare un nuovo tentativo. Si avvicinarono alla vasca con molta speranza, e si tuffarono. Ma, con loro grande delusione, il risultato fu lo stesso: affondarono come prima.

Le papere erano disperate, e non sapevano cosa fare. Allora una di loro ebbe un’altra idea: forse il loro problema era dovuto al fatto che non facevano abbastanza esercizio. Così propose alle sue compagne di fare un po’ di ginnastica, sperando che così potessero tonificarsi e galleggiare. Le altre papere accettarono, e iniziarono a fare salti, corse e flessioni.

Dopo qualche altra settimana, le papere decisero di fare un altro tentativo. Si avvicinarono alla vasca con molta fiducia, e si tuffarono. Ma, con loro grande frustrazione, il risultato fu lo stesso: affondarono come prima.

Le papere erano ormai rassegnate, e pensavano di dover rinunciare per sempre al piacere di nuotare. Allora una di loro ebbe un’ultima idea: forse il loro problema era dovuto al fatto che non avevano abbastanza fiducia in se stesse. Così propose alle sue compagne di fare un po’ di meditazione, sperando che così potessero rilassarsi e galleggiare. Le altre papere accettarono, e iniziarono a respirare profondamente e a ripetere mantra positivi.

Dopo qualche altra settimana, le papere decisero di fare l’ultimo tentativo. Si avvicinarono alla vasca con molta serenità, e si tuffarono. E questa volta, con loro grande stupore, il miracolo avvenne: galleggiarono sull’acqua!

Le papere erano felicissime, e iniziarono a nuotare e a schizzare come non mai. Si resero conto che il loro problema era solo nella loro testa, e che bastava credere in se stesse per poter realizzare i propri sogni.

Questa è la fiaba delle papere che non galleggiano. Spero vi sia piaciuta, e vi abbia insegnato qualcosa di importante: non lasciatevi scoraggiare dalle difficoltà, ma cercate sempre di migliorarvi e di avere fiducia in voi stessi. E ricordate: se le papere possono galleggiare, voi potete fare qualsiasi cosa!

Ascoltiamo insieme

mamma legge la fiaba
Le favole della buonanotte
Le papere che non galleggiano
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

dare, porgere fiori
18 Aprile 2024
Creato per amare gli altri
cross, crucifix, chalice, eucaristia
18 Aprile 2024
La Parola del 18 aprile 2024
il pane di vita
17 Aprile 2024
Preghierina del 17 aprile 2024
mamma e bimba nel giardino
17 Aprile 2024
Edoardo ascolta i fiori
action, adult, athlete, disabili che giocano
17 Aprile 2024
Disabilità: via libera ultimo decreto attuativo

Eventi in programma

×