Tempo di lettura: 5 minuti

Leggi e ascolta la fiaba “la farfalla Lilla”

Curiosando

Le farfalle sono insetti volanti che appartengono all’ordine dei lepidotteri. Sono caratterizzate dalle ali coperte di squame colorate e dalla capacità di volare grazie alle loro ali.

Le farfalle sono presenti in tutto il mondo e sono apprezzate per la loro bellezza e varietà. In molte culture, le farfalle sono associate alla trasformazione, alla rinascita e al cambiamento. Ad esempio, la metamorfosi della farfalla dal bruco alla forma adulta è vista come un simbolo di trasformazione e crescita personale. Inoltre, le farfalle sono spesso considerate portatrici di buona fortuna e messaggi di luce che annunciano nuovi inizi.

Ecco alcune frasi celebri sulle farfalle:

Buona lettura della nostra fiaba! 🦋

Leggiamo insieme

Ciao a tutti, oggi voglio raccontarvi la fiaba della farfalla che voleva volare molto in alto. Si tratta di una storia molto bella e significativa, che ci insegna a seguire i nostri sogni e a non arrenderci mai.

La farfalla si chiamava Lilla e viveva in un prato pieno di fiori colorati. Era una farfalla molto curiosa e ambiziosa, che desiderava esplorare il mondo e vedere cose meravigliose.

Un giorno, mentre volava tra i petali, vide in lontananza una montagna altissima, che sembrava toccare il cielo.

Lilla si sentì attratta da quella vista e pensò: “Come sarebbe bello arrivare fino a lì! Deve essere un posto fantastico, dove si può respirare l’aria pura e ammirare il panorama. Forse ci sono anche altre farfalle come me, che vogliono avventurarsi in alto. Voglio provare a raggiungere la cima della montagna!

Così, Lilla si mise in viaggio verso il suo obiettivo, senza paura e senza esitazione. Lungo la strada, incontrò molti altri animali, che le chiesero dove stesse andando. Quando Lilla rispondeva che voleva volare molto in alto, sulla cima della montagna, tutti la guardavano con stupore e incredulità. Alcuni le dicevano che era una follia, che era troppo pericoloso, che non ce l’avrebbe mai fatta. Altri le dicevano che era una perdita di tempo, che era meglio restare nel prato, dove c’era tutto quello che le serviva. Altri ancora le dicevano che era una presuntuosa, che si credeva migliore degli altri, che doveva accontentarsi di quello che aveva.

Ma Lilla non si lasciava scoraggiare dalle parole negative degli altri. Lei sapeva cosa voleva e non si fermava davanti a nulla. Continuava a volare verso la sua meta, superando ogni ostacolo e ogni difficoltà. Più saliva, più sentiva il freddo e il vento forte, ma anche più provava gioia e soddisfazione. Si sentiva libera e felice, come non mai.

Finalmente, dopo tanto tempo e tanta fatica, Lilla arrivò alla cima della montagna. Era uno spettacolo mozzafiato: il cielo era azzurro e limpido, il sole brillava forte, le nuvole erano soffici e bianche. Lilla si sentì come in un sogno e pensò: “Ce l’ho fatta! Ho realizzato il mio sogno! Sono la farfalla più alta del mondo!

Ma non era finita qui. Mentre Lilla si godeva il suo successo, vide qualcosa di ancora più bello: un arcobaleno enorme e splendente, che si stagliava sull’orizzonte. Lilla rimase incantata da quella visione e pensò: “Che meraviglia! È il regalo più bello che potessi ricevere! Voglio andare a toccarlo!

Così, Lilla riprese il volo verso l’arcobaleno, con lo stesso coraggio e la stessa determinazione di prima. Non le importava se era ancora più lontano e più alto della montagna. Non le importava se nessuno l’aveva mai fatto prima. Non le importava se gli altri la ritenevano pazza o impossibile. Lei voleva solo raggiungere il suo nuovo sogno.

E così fece. Dopo un altro lungo e duro viaggio, Lilla arrivò all’arcobaleno e lo sfiorò con le sue ali delicate. Fu un momento magico: Lilla sentì una sensazione indescrivibile di pace e di armonia, come se fosse entrata in contatto con l’universo intero. Vide tutti i colori dell’arcobaleno riflettersi sulle sue ali e sul suo corpo, creando una luce splendida. Si sentì la farfalla più bella e più fortunata del mondo.

Questa è la fiaba della farfalla che voleva volare molto in alto. Spero vi sia piaciuta e vi abbia trasmesso un messaggio positivo. La morale di questa storia è che non bisogna mai smettere di sognare e di lottare per ciò che si vuole. Non bisogna mai ascoltare le critiche e i giudizi degli altri, ma solo la propria voce interiore. Non bisogna mai avere paura di osare e di sfidare i propri limiti, perché si possono fare cose incredibili.

Come diceva il grande poeta Pablo Neruda: “Sognare non costa nulla, e a volte i sogni si avverano“.

Ascoltiamo insieme

mamma legge la fiaba
Le favole della buonanotte
La farfalla Lilla
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

La farfalla Lilla 9
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Ultimi articoli

bimbo arrabbiato
15 Aprile 2024
Diventare pronto e lento
Gesù sul mare di Tiberiade
15 Aprile 2024
La Parola del 15 aprile 2024
credere in Dio
14 Aprile 2024
Preghierina del 14 aprile 2024
Dante and Beatrice Henry Holiday
14 Aprile 2024
Tanto gentile e tanto onesta pare
Gesù e discepoli
14 Aprile 2024
La Parola del 14 aprile 2024

Eventi in programma

×