Tempo di lettura: 4 minuti

Leggi e ascolta la nostra preghierina del 16 ottobre 2023

I primi bagliori di Luce

Le ultime luci della terra stavano per spegnersi, la Luce del paradiso stava arrivando nella nostra famiglia, esattamente per Eugenio, il prescelto.

Il “sonno dei giusti” ha avvolto nel suo morbido panno il corpo esausto ma combattivo di Eugenio.

Il Signore ha già inviato le schiere dei suoi angeli per prelevare Eugenio dal suo lettuccio e portarlo fino a Lui.

La notte è passata, la vita eterna è in arrivo.

preghierina del 16 ottobre 2023
Francesca bacia Eugenio nel lettuccio

L’ultimo bacio

Di quei violini suonati dal vento
l’ultimo bacio mia dolce bambina
brucia sul viso come gocce di limone
l’eroico coraggio di un feroce addio
ma sono lacrime mentre piove
piove

Carmen Consoli – l’ultimo bacio

Il segno è Lui

commento al Vangelo di oggi di Lc 11,29-32, a cura di Lino Dan SJ

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
lʼanimo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.

Eugenio Montale
il segno è Lui
Preghierina del 16 ottobre 2023 10

Mi preparo

Chiudo gli occhi,
mi concentro sul momento presente,
libero la mente da preoccupazioni e pensieri,
esprimo interiormente il mio desiderio di stare alla presenza del Signore

Entro nel testo (Lc 11,29-32)

In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.

Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone.

Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».

Mi lascio ispirare

Chiedere un segno: da sempre, la dimensione della fede nel Signore è abitata dalla domanda di un segno. Un segno per poter finalmente essere sicuri che ciò che si crede è vero, che non si sono gettati via il tempo e la speranza… insomma, un segno per avere la sicurezza che non si sta sbagliando, con magari speranze mal riposte.

Gesù non è dello stesso avviso, o – meglio – lui offre un altro “segno”, che è lui stesso con il suo modo di agire. Un segno che spesso non aiuta a fondare le proprie certezze in lui. E come si potrebbe, visto che il suo modo di fare è così differente da quello che ci si aspetta?

Ci si aspetta un messia potente? Ecco un Gesù mite e umile di cuore, che sta con i poveri e con coloro che non contano. Ci si aspetta un salvatore che condanni chi non si uniforma a lui? Ed ecco un Gesù misericordioso, il “segno di Giona”, che Giona stesso non capisce e non accetta. E la sapienza del Gesù del vangelo sta proprio in questo capovolgimento della figura di Dio che è venuto a proclamare.

Forse anche per noi non è così facile accettarla, ma questa è l’immagine di Dio in Gesù per la quale ci viene chiesta conversione. Altrimenti rischiamo di autocondannarci, rimanendo a guardare e non capire il Dio di misericordia che ci viene incontro e che non vogliamo accettare.

Lino Dan SJ

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

Quale segno ho aspettato invano, per poi scoprire che avevo già tutto?

Che aspettative avevo sul Signore? Quando e come sono state disattese?

Quale Dio mi accoglie in preghiera, oggi?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera. Visita o Padre la nostra casa e tieni lontano le insidie del nemico, vengano i santi angeli a custodirci nella Pace e la Tua Benedizione rimanga sempre con noi, per Cristo nostro Signore, amen. buona serata e santa notte ❤️🙏

Maria Campagna – follower di Eugenio

fonte © GET UP AND WALK

Preghiamo insieme

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 16 ottobre 2023
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Preghierina del 16 ottobre 2023 8
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

3 Commenti

Ultimi articoli

Eugenio e Nicola in palestra
12 Aprile 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
12 Aprile 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
12 Aprile 2024
Dammi tempo!
Pane spezzato
12 Aprile 2024
La Parola del 12 aprile 2024
panorama notturno mare
11 Aprile 2024
Preghierina del 11 aprile 2024

Eventi in programma

×