Tempo di lettura: 5 minuti

Leggi e ascolta la nostra preghierina del 1 ottobre 2023

Era il primo ottobre 2019

Abbiamo divorato un mese di ospedale, tra tagli, cuciture, liquidi cerebrali che venivano racchiusi in sacche sterili trasparenti.

Se riguardo alla moviola quel mese trascorso a Pozzilli, tutto era sempre uguale, tutto era ripetitivo, ma ogni giorno era diverso, era nuovo, era drammatico ed entusiasmante, raccapricciante e pieno di gioia, triste e intriso di speranza.

Ma l’abbiamo vissuto noi quattro sulla nostra pelle, di cui portiamo ancora le cicatrici. L’abbiamo attraversato come il funambolo percorre con sprezzo la fune, o il trapezista vola nel vuoto sperando di aggrapparsi alla salvezza che gli arriva incontro.

Siamo tornati a casa e siamo ripartiti, per una nuova avventura. La vita è un’avventura.

Il tuo sorriso, le tue lacrime di gioia, il tuo sguardo all’infinito, che da li a poco ti attendeva.

Noi con te, sempre vicini.

Preghierina del 1 ottobre 2023
giovedì 1 ottobre 2020 – Giuseppina bacia Eugenio nel suo lettuccio

Oggi inizia il mese di ottobre, il mese del Rosario e delle missioni. Esorto tutti a sperimentare la bellezza della preghiera del Rosario, contemplando con Maria i misteri di Cristo e invocando la sua intercessione per le necessità della Chiesa e del mondo.

Papa Francesco via Twitter

Perché si chiamano “Remigini”

Oggi si festeggia Santa Teresa del Bambino Gesù, Santa Teresina, la santa della fiducia. Il prossimo 15 ottobre si pubblicherà un’esortazione apostolica sul suo messaggio. Preghiamo Santa Teresina che ci aiuti ad avere fiducia e a lavorare per le missioni.

Papa Francesco via Twitter

Quale umanità?

commento al Vangelo di oggi di Mt 21, 28-32, a cura di Federico Parise SJ

Sono nato pronto.

Jack Burton in Grosso Guaio a Chinatown
seconda operazione Eugenio
Eugenio pronto per la seconda operazione al cervelletto – 1 ottobre 2019 ore 8.00

Mi preparo

Chiudo gli occhi,
mi concentro sul momento presente,
libero la mente da preoccupazioni e pensieri,
esprimo interiormente il mio desiderio di stare alla presenza del Signore

Entro nel testo (Mt 21, 28-32)

In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: «Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli.

Si rivolse al primo e disse: Figlio, oggi va’ a lavorare nella vigna. Ed egli rispose: Non ne ho voglia. Ma poi si pentì e vi andò.

Si rivolse al secondo e disse lo stesso. Ed egli rispose: “Sì, signore”. Ma non vi andò. Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?». Risposero: «Il primo».

E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. Giovanni infatti venne a voi sulla via della giustizia, e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credergli».

Mi lascio ispirare

Oggi Gesù evidenzia come, in fin dei conti, spesso chi si professa grande credente (come gli anziani e i sacerdoti con cui sta parlando) ha in mente un’immagine ideale di sé forte e perfetta da mostrare a Dio, agli altri e anche a sé stessi.

È il caso del secondo figlio della parabola, che non a caso chiama Dio «Signore», fondando il suo rapporto con lui sulla paura e sul sospetto; da questo certamente non può scaturire granché in termini di vita e servizio, e infatti non andrà a lavorare nella vigna.

Il primo figlio, invece, è cosciente di essere un po’ fragile, di non riuscire sempre in tutto, di non poter piacere a tutti; è una persona che si permette di avere emozioni e affetti, che non sempre si riescono a controllare, e infatti è molto spontaneo nel suo dire «non ne ho voglia».

Nel suo tipico ribaltamento Gesù valorizza molto di più chi crede e spera nonostante dubbi, errori e consapevolezza della propria imperfezione. Prostitute e pubblicani sono coloro che fanno i conti con la sete di potere, di sesso e di soldi; ma sono questi che riconoscono in questa sete un grande bisogno di affetto, e proprio per questo possono chiamare Dio «padre».

Federico Parise SJ

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

E tu come chiami Dio?

C’è uno dei due figli in cui ti riconosci maggiormente? Come ti fa sentire?

Che cosa vede Dio nella tua umanità?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

Preghiamo insieme

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 1 ottobre 2023
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

gioia nel cuore
19 Aprile 2024
Scegliere la gioia
Remigio e Giuseppina mano nella mano
19 Aprile 2024
Io resto!
miracolo eucaristico, eucaristia
19 Aprile 2024
La Parola del 19 aprile 2024
Eucaristia
18 Aprile 2024
Preghierina del 18 aprile 2024
water, fish, japan, pesciolini rossi
18 Aprile 2024
Pinco pesciolino rosso

Eventi in programma

×