Tempo di lettura: 4 minuti

Leggi e ascolta la nostra storia dal titolo Le mani di Giacomo

“Chi lavora con le mani è un operaio, chi lavora con le mani e la testa è un artigiano, chi lavora con le mani, la testa e il cuore è un artista.”

San Francesco d’Assisi

Vi è mai capitato di entrare nella bottega di un artigiano? Tipo quella di un vetraio, un sarto, un calzolaio, un ceramista, un pittore, o un falegname??? A me, ogni volta che capita, sembra di entrare in un regno magico, ove tutto può accadere. Da una stoffa viene fuori un vestito bellissimo, con del filo si creano capi stupendi, da una tela un quadro strepitoso, da un po’ di creta un vaso, una lampada, piccoli pezzetti di vetro diventano mosaici fantastici. Tutto ciò accade solo per opera di menti e mani laboriose, i nostri artigiani. Non stanchiamoci mai di guardare l’opera delle loro mani.

le mani di giacomo
Le mani di Giacomo 3

Leggi la storia


Nelle mani di Giacomo c’era un segreto che nessuno sapeva. Erano mani forti e vissute, segnate dal lavoro duro e dalla vita che aveva condotto. Ma al di là di ciò che potevi vedere a prima vista, c’era un mondo nascosto nelle pieghe delle sue dita.

Giacomo era un anziano artigiano, noto in tutto il paese per le sue abilità straordinarie nel lavorare il legno. Ogni pezzo che creava era una piccola opera d’arte, intagliato con una cura e una precisione che davano vita a oggetti unici. Tuttavia, il suo talento non era ciò che rendeva le sue mani così speciali.

La storia delle mani di Giacomo iniziò molti anni prima, quando era solo un giovane ragazzo. Crescendo in una piccola comunità, aveva sempre avuto una grande passione per il legno e il desiderio di apprendere l’arte dell’intaglio. Aveva passato molti anni ad apprendere da un anziano maestro artigiano, il quale gli aveva insegnato non solo le tecniche, ma anche il valore della pazienza e della dedizione.

Un giorno, mentre lavorava su un intricato intaglio, Giacomo scivolò e ferì gravemente una delle sue mani. Le ferite erano profonde, e inizialmente sembrava che il giovane artigiano avesse perso la capacità di usare quella mano per sempre. Era devastato, ma il suo maestro non lo abbandonò. Invece, lo incoraggiò a non arrendersi, a trovare un modo per superare questa sfida.

Giacomo iniziò a esercitare quella mano ferita ogni giorno, spingendola al limite della sua resistenza. Faceva esercizi di riabilitazione e, poco a poco, cominciò a recuperare la sensibilità e la forza. La sua determinazione lo portò a riacquistare un controllo quasi completo sulla mano, anche se rimase un po’ diversa dall’altra.

Con il tempo, Giacomo scoprì che la sua mano ferita era diventata incredibilmente sensibile al tatto. Era in grado di percepire le sfumature più sottili del legno, di sentire ogni piccolo dettaglio attraverso il contatto. Era come se quella mano avesse sviluppato una connessione speciale con il materiale che stava lavorando.

Le sue mani diventarono una squadra imbattibile. La mano sinistra, che aveva sempre usato per intagliare, era abile nel creare forme complesse e dettagliate, mentre la mano destra, quella ferita, era diventata la sua guida nel processo creativo. Le sue opere d’arte erano ora ancora più straordinarie, e la gente da tutto il paese veniva a vedere le meraviglie che creava.

Giacomo insegnò a molti giovani l’arte dell’intaglio, e raccontò loro la storia delle sue mani. Voleva che comprendessero l’importanza della perseveranza e della dedizione nel perseguire i propri sogni. Le mani di Giacomo non erano solo mani, erano testimoni della sua forza interiore e della sua capacità di superare le avversità.

Le mani di Giacomo raccontavano una storia di speranza, di passione e di bellezza, una storia che avrebbe ispirato le generazioni future a cercare il proprio potenziale nascosto, a vedere oltre le apparenze e a scoprire la bellezza nascosta nelle pieghe delle loro vite.

mamma legge la fiaba
Le favole della buonanotte
Le mani di Giacomo
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

Dio Padre
23 Aprile 2024
La Parola del 23 aprile 2024
argyle socks, feet, red shoes, scarpette rosse e calzettoni
22 Aprile 2024
Le scarpette rosse
la porta di Dio
22 Aprile 2024
La Parola del 22 aprile 2024
un tranviere, un vigile urbano, un ferroviere, e un fornaio che ridono insieme
21 Aprile 2024
Non per tutti è domenica
pecore e capre
21 Aprile 2024
La Parola del 21 aprile 2024

Eventi in programma

×