Legere tempus: VIII minuta

S. Ioseph: Sponsus Beatae Mariae Virginis

Patronus Ecclesiae Universalis

Vir iustus

La prima definizione di Giuseppe che incontriamo nel vangelo di Matteo è “giusto”. Il promesso sposo di Maria, davanti all’inesplicabile gravidanza della sua fidanzata, non pensa al proprio orgoglio o alla propria dignità ferita: pensa invece a salvarla dalla cattiveria della gente, a salvarla dalla lapidazione a cui poteva essere condannata.

Non vuole ripudiarla pubblicamente, e pensa di licenziarla in segreto.

Ma subito, in quella comprensibile angoscia, in quella sofferenza, l’amore di Dio arriva a sollevarlo, un angelo viene a parlargli, ad ispirargli la scelta più giusta, che è sempre quella di non aver paura: “Non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo. Essa partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù” (Mt 1,20).

Obediens homo

Un angelo accompagna Giuseppe nei momenti più difficili della sua vita, e l’atteggiamento di Giuseppe davanti alle parole del messaggero celeste è sempre di fiduciosa obbedienza: prende Maria come sua sposa e quando l’angelo, dopo la nascita di Gesù, torna ad avvertirlo del pericolo della persecuzione di Erode, fugge di notte con la sua famiglia in Egitto, un paese straniero, dove deve ricominciare tutto da capo, procurarsi nuovamente un lavoro (da Matteo, al capitolo 13, apprendiamo anche del suo mestiere d’artigiano, quando gli abitanti di Nazareth, scettici, si domandano: “Non è forse il figlio del carpentiere?”), riguadagnarsi la fiducia dei vicini.

E quando l’angelo torna ancora ad avvisarlo della morte di Erode e gli ingiunge di tornare nel paese d’Israele, prende con sé moglie e figlio e si rifugia in Galilea, a Nazareth, ancora su consiglio dell’angelo.

pater putativus

È indubbio che Giuseppe abbia amato Gesù con tutta la tenerezza che un padre ha per il proprio figlio: tutto ciò che Giuseppe fa è per proteggere ed educare questo misterioso bambino, obbediente e saggio, che gli è stato affidato. Educare Gesù: l’immensa sproporzione del compito di dire al Figlio di Dio ciò che è giusto e ciò che non lo è. Deve essere stato umanamente difficile, dopo averlo cercato angosciosamente per tre giorni, durante i quali, senza avvertire né lui né sua madre, Gesù era rimasto nel tempio a discutere con i dottori della legge, sentir dire a quel ragazzino dodicenne: “Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?”

Sed fortasse trepidus est quod quisque pater sentit, cum sentit suos sibi liberos non esse, et in manu Dei esse fatum.

Protector morientium

Giuseppe non appare in nessuno dei quattro vangeli durante la vita pubblica di Gesù, né sul Calvario, né al momento della Resurrezione.

Unde colligitur quod antequam Iesus incepit praedicationem suam mortuus est. Iuxta traditionem Ioseph decederet, habens Mariam et Iesum iuxta se, ideoque invocatur etiam morientium protector, quoniam omnes oramus ut hanc terram exeant habentes Iesum et eius Matrem iuxta se.

fons © Vaticanus News - Dicasterium pro Communicatione

Generalis Audientia Sanctitatis Suae Ioannis Pauli II

Die mercurii, die 19 mensis Martii, anno MMIII

  1. Hodie celebramus sancti Ioseph sollemnitatem.Matrimonium Mariae(Mt1.24;Lc1.27). Liturgia ostendit nobis quomodo"pater"of Jesus (Lc2,27.33.41.43.48), parati ad divina consilia peragenda, etiam cum humanam intelligentiam effugiunt. Per ipsum, etc."filius David"(Mt1.20;Lc 1,27), si sono compiute le Scritture e il Verbo Eterno si è fatto uomo, per opera dello Spirito Santo, nel seno della Vergine Maria. San Giuseppe viene definito nel Vangelo "ius homo"(Mt 1,19), ed è per tutti i credenti modello di vita nella fede.
  1. La parola "Recte" evoca la sua rettitudine morale, il sincero attaccamento alla pratica della legge e l’atteggiamento di totale apertura alla volontà del Padre celeste.
  2. Etiam in arduis ac nonnumquam dramaticis temporibus, humilis faber Nazarenus numquam sibi vindicat ius consilium Dei interrogandi.Exspecta vocationem desuper e in silenzio rispetta il mistero, lasciandosi guidare dal Signore.
  3. Negotium semel receptum est, illud exsequiturdociles responsibility: prompte audi angelum cum Virgine Nazarethana nubere (cfMt1, 18-25), in Aegyptum in fugam vertit (cfMt2, 13-15) et in reditu ad Israelem (cfibid. 2, 19-23). In pochi ma significativi tratti gli evangelisti lo descrivono come custode premuroso di Gesù, sposo attento e fedele, che esercita l’autorità familiare in un costante atteggiamento di servizio.
  4. Nihil aliud de eo Sacrae Scripturae tradunt, sed hoc silentio ipsum missionis genus inclusum est: exsistentiam in vitae cotidianae canitie vixisse, sed certa in Providentia fide.
  1. Quotidie ad S. Iosephum familiae necessitatibus providendum eratcum labore manuum suarum. Hanc ob rem recte ei indicat Ecclesia ut opificum patronum.

Hodierna sollemnitas idcirco propitiam efficit occasionem ut momentum etiam reflectat laboris in vita humana, in familia et in communitate.

Homo est subiectum ac primas operis ac, sub lumine veritatis huius, clare percipi potestfundamentalis nexus inter hominem, laborem et societatem. Actio humana — revocat Concilium Vaticanum II — ab homine manat ac ad hominem ordinatur. Secundum Dei consilium et voluntatem, verum humanitatis bonum inservire debet et permittit ».homini ut individuo vel ut membro societatis ut vocationem suam integram colat et efficiat» (cfGaudium et spes, XXXV).

Ad hoc munus perficiendum colendus est"Probatam spiritualitatem operis humani"in ancoris constiterunt, firmiter radicatas, al"Evangelium Operis";credentes vocantur ut sensum christianum laboris in variis occupationibus suis enuntient ac testentur (cfLaborem exercens, XXVI).

  1. Sancte Ioseph, Sanctus tantus et tam humilis estoexemplum a cui i lavoratori cristiani si ispirano, invocandolo in ogni circostanza. Al provvido custode della Santa Famiglia di Nazaret vorrei quest’oggi affidare i giovani che si preparano alla futura professione, i disoccupati e coloro che soffrono i disagi delle ristrettezze occupazionali, le famiglie e l’intero mondo del lavoro con le attese e le sfide, i problemi e le prospettive che lo contrassegnano.

S. Ioseph, universalis patronus ecclesiae S. Ioseph Ecclesiacustodite totam communitatem ecclesialem;vir pacisquidquid fuit, omnibus hominibus, praesertim pro populis, bellum imminet, pretiosum concordiae et pacis donum obtinet. © Copyright 2003 – Vatican Publishing House

Sotto la protezione di S. Giuseppe si sono posti Ordini e Congregazioni religiose, associazioni e pie unioni, sacerdoti e laici, dotti e ignoranti. Forse non tutti sanno che S. Giovanni XXIII, nel salire al soglio pontificio aveva accarezzato l’idea di farsi chiamare Giuseppe, tanta era la devozione che lo legava al santo falegname di Nazareth. Nessun pontefice aveva mai scelto questo nome, che in verità non appartiene alla tradizione della Chiesa, ma il "Pater bonus"libenter se Iosephum I appellasset, si fieri posset, ob eximiam venerationem erga hunc magnum Sanctum.

"Quaelibet enim gratia a S. Iosepho certe dabitur, quisquis id credere volet, id probare ut ei persuasum sit";petita S. Teresiae de Avila.Gloriosum sanctum Iosephum patronum et patronum meum suscepi, ac me illi ferventer commendavi. Hic pater et protector meus adiuvit me in necessitatibus meis et in multis gravioribus, in quibus honor meus et salus anime agebatur. Eius auxilium semper maius vidi quam quod optare potui…"(cf. caput VI Autobiographiae).

Dubium difficile est, si omnium sanctorum humilem fabrum Nazarenum esse arbitramur Iesum et Mariam propinquissimum: in terra, multo magis in caelo. Sanctus Ioannes Paulus II confessus est se cotidie orare. Ipsum populi christiani devotionem ostendens, Adhortationem Apostolicam in suo honore anno 1989 scripsitRedemptoris Custos (15 Augusti 1989)-cuius lectio commendatur, cum simplici nexum deprimendo, iis qui suam cognitionem S. Iosephi profundiorem cupiunt— Nomen suum longo studiosorum Decessorum catalogo adjecit: Beatus Pius IX, S. Pius X, Venerabilis Pius XII, S. Ioannes XXIII, beatus Paulus VI.

Sensus nominis Joseph : « Addidit [in familia] (Hebr.).

San Giuseppe - Guido Reni
Sanctus Ioseph - Guido Reni

fons © evangeloftheday.org


5x1000 tuam tuam consociatione
Nihil tibi constat, nobis multum valet!
Adiuva nos adiuva parva cancer aegris
scribis;93118920615

Articuli tardus

gioia nel cuore
die 19 mensis Aprilis anno 2024
Scegliere la gioia
Remigio e Giuseppina mano nella mano
die 19 mensis Aprilis anno 2024
maneo!
miracolo eucaristico, eucaristia
die 19 mensis Aprilis anno 2024
Verbum diei 19 mensis Aprilis anno 2024
Eucaristia
Die 18 Aprilis 2024
Oratio die 18 mensis Aprilis anno 2024
water, fish, japan, pesciolini rossi
Die 18 Aprilis 2024
Pinco hippurus

Upcoming Events