Tempo di lettura: 4 minuti

Leggi e ascolta la fiaba romantica “la principessa e il drago”

Curiosando

I draghi e le principesse sono personaggi tipici delle fiabe e delle leggende. Spesso i draghi sono rappresentati come creature feroci e malvagie, che rapiscono le principesse e le tengono prigioniere nelle loro tane. Le principesse, invece, sono belle e virtuose, e aspettano l’arrivo di un principe azzurro che le salvi dal drago.

Tuttavia, ci sono anche storie in cui i draghi e le principesse sono amici o alleati, e combattono insieme contro i nemici. In alcuni casi, i draghi possono anche trasformarsi in esseri umani, e innamorarsi delle principesse. I draghi e le principesse simboleggiano il contrasto tra il bene e il male, il fantastico e il reale, il fuoco e l’acqua.

Leggiamo insieme

Ciao, Oggi ti racconterò una storia d’amore tra una principessa e un drago, che ti farà sognare e sorridere.

La principessa si chiamava Aurora e viveva in un castello circondato da una foresta incantata. Era bellissima, ma anche molto annoiata, perché suo padre, il re, le proibiva di uscire dal castello senza la sua scorta. Un giorno, però, Aurora decise di scappare di nascosto e di esplorare la foresta. Mentre camminava tra gli alberi, sentì un rumore strano: era il ruggito di un drago!

Aurora si spaventò e corse a nascondersi dietro un cespuglio. Da lì vide il drago, che era enorme e verde, con le ali rosse e gli occhi gialli. Il drago si avvicinò al cespuglio e lo sollevò con una zampa. Aurora si aspettava di essere divorata, ma invece il drago le sorrise e le disse: “Ciao, mi chiamo Draco. Non aver paura, non ti farò del male. Sono solo curioso di conoscerti”.

Aurora rimase stupita e rispose: “Ciao, io sono Aurora, la principessa del regno. Come mai sai parlare la mia lingua?”. Il drago spiegò: “Sono un drago magico, posso parlare tutte le lingue del mondo. Vivo in questa foresta da sempre, ma non ho mai visto nessuno come te. Sei molto bella e hai un’aria dolce. Mi piaci”.

Aurora si sentì arrossire e provò una strana sensazione nel cuore. Il drago le sembrava gentile e simpatico, nonostante il suo aspetto spaventoso. Gli chiese: “E tu, sei solo? Non hai una famiglia o degli amici?”. Il drago sospirò e disse: “No, sono l’ultimo della mia specie. Gli altri draghi sono stati uccisi dagli uomini, che li temevano e li odiavano. Io mi sono nascosto qui per salvarmi, ma sono molto solo. Vorrei avere qualcuno con cui parlare e divertirmi”.

Aurora si commosse e disse: “Allora perché non vieni con me al castello? Ti presenterò a mio padre e ai miei sudditi. Sono sicura che ti accetteranno e ti tratteranno bene”. Il drago scosse la testa e disse: “Grazie, ma non posso. Il tuo padre non capirebbe e mi attaccherebbe. E poi, come potrei entrare in un castello così piccolo? Sono troppo grande”.

Aurora pensò a una soluzione e disse: “Ho un’idea. Se sei un drago magico, puoi trasformarti in quello che vuoi, vero? Allora trasformati in un principe bello e coraggioso, così potrai venire con me senza problemi”. Il drago accettò di provare e si concentrò. In un attimo, il suo corpo cambiò forma e colore, fino a diventare quello di un giovane uomo con i capelli biondi e gli occhi azzurri.

Aurora rimase a bocca aperta e disse: “Wow! Sei bellissimo! Ora sei perfetto per me”. Il drago-principe le prese la mano e le disse: “E tu sei perfetta per me. Ti amo, Aurora”. Aurora gli sorrise e gli disse: “Anch’io ti amo, Draco”. Poi lo baciò appassionatamente.

E vissero felici e contenti.

Ascoltiamo insieme

mamma legge la fiaba
Le favole della buonanotte
La principessa e il drago
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

argyle socks, feet, red shoes, scarpette rosse e calzettoni
22 Aprile 2024
Le scarpette rosse
la porta di Dio
22 Aprile 2024
La Parola del 22 aprile 2024
un tranviere, un vigile urbano, un ferroviere, e un fornaio che ridono insieme
21 Aprile 2024
Non per tutti è domenica
pecore e capre
21 Aprile 2024
La Parola del 21 aprile 2024
kitten, cat, pet, gattino, gatto
20 Aprile 2024
Il gatto senza gli stivali

Eventi in programma

×