Leggi “La natura è la casa di Dio” sul nostro incontro con San Pio

Sono le 16.30 del 28 giugno 2020, sono al mio notebook immerso nella natura di San Giovanni Rotondo (FG), a casa di San Pio da Pietrelcina, dove dal 28 luglio 1916 è diventata la sua seconda dimora terrena.

Dopo una serena cena con mio fratello Gilberto e mia cognata Mariant, che ha donato una meravigliosa pianta a Giuseppina per il suo compleanno, ci avviamo in camper per trascorrere la notte.

La nottata è trascorsa tranquilla: via Loffredo si è dimostrata più tranquilla e meno chiassosa di quello che pensavo. Eugenio ha dormito pacifico nel suo lettino al primo piano del castello, Giuseppina al piano terra del castello, io e Francesca nel matrimoniale in mansarda.

Caldo si, ma non eccessivo, visto che abbiamo tenuto aperto ogni possibile finestrino dotato di zanzariera.

Alle 8.30 siamo già tutti svegli, meno che Francesca che sonnecchia ancora un pò. Lavati e vestiti di tutto punto, raggiungiamo nonna Rosaria per porgerle il nostro saluto, il nostro arrivederci, così si sentirà meno sola in questo periodo in cui speriamo di viaggiare un pò.

Alle 10 Eugenio prende le miracolose pilloline di Ponatinib. Arriviamo anche al cimitero di Foggia dove riposa in pace il mio papà, Eugenio Lucio.

Ci avviamo per San Giovanni Rotondo, dove ci attende San Pio. Eugenio è frizzante al mio fianco a farmi da copilota. Ammira il panorama, incantato e con gli occhi strabuzzanti di felicità.

Alle 11.40 parcheggiamo il camper al parking “Lo Chalet”, ampio parcheggio dotato di tutti i comfort del caso.

Eugenio e Francesca sul camper Pio
Eugenio e Francesca sul camper Pio

Giusto il tempo di sistemare un po’ il camper ed annessi, prendiamo al volo l’ottimo servizio di navetta gratuito fornito dallo stesso “Lo Chalet” che ci porta fin su alla chiesa nuova.

interno chiesa San Pio
interno chiesa San Pio
20200628 124755 1
La natura è la casa di Dio 11
Eugenio e Remigio chiesa San Pio
Eugenio e Remigio chiesa San Pio

Scendiamo giù sotto alla tomba di San Pio, coperta da un drappo. Ma l’intensità del luogo è talmente viva e pregnante che nessun velo o drappo riescono a scalfire l’ardore della nostra fede in San Pio.

tomba San Pio
tomba San Pio
Eugenio davanti alle campane San Pio
Eugenio davanti alle campane San Pio

Qualche foto turistica, come di buona norma, per dare un tocco di vita terrena alla sacralità del luogo.

Alle 13.50 decidiamo di tornare al camper, perchè Eugenio segnala i primi cedimenti, la temperatura di alza oltre i 35° e non vogliamo assolutamente forzare la mano.

La natura è la casa di Dio
fantastici 4 posano davanti al camper Pio

Una fresca a frizzante CocaCola, l’ottimo gateau di patate impacchettato e fornitoci da nonna Rosaria, una fresca e nutriente insalatona di pomodori, tonno e mais, ritemprano il corpicino stanco di Eugenio, e anche il nostro affamato.

Adesso sono le 17.15, Eugenio dorme ancora ed io continuo a godermi la pace e la natura di questo posto, che profuma di Santità.

Un uccellino cerca di parlarci.

uccellini ci parlano a San Giovanni Rotondo

Ultimo aggiornamento il 28 Giugno 2022 by Remigio Ruberto

Ti è piaciuto?

Click per votare!

Media dei voti 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto ancora! Sii il primo!

Siccome ti è piaciuto...

condividi questo articolo sui social media!

Siamo dispiaciuti non ti sia piaciuto!

Facci sapere come possiamo migliorare

Come possiamo migliorare il nostro diario?

Pubblicità
PrecedenteProssimo post

Scrivi un commento...

Eventi in programma

Ultimi appunti pubblicati

polvere nelle mani
24 Settembre 2022
La buona impronta
Lazzaro
24 Settembre 2022
Commento al Vangelo del 25 Settembre 2022
la forza dei giovani
24 Settembre 2022
I giovani ci sono
Gesù parla ai discepoli
24 Settembre 2022
La Parola del 24 settembre 2022
clessidra e Bibbia
23 Settembre 2022
Preghierina del 23 settembre 2022

Pubblicità

Pubblicità