Meravigliamoci con questa fiaba di Elena Rossi: fata Fiorina

Grazie Elena per il tuo tocco delicato nelle parole gentili delle tue fiabe.

Sono colori pastello per la nostra anima.

Ascoltiamo insieme:

Era tutto pronto.

Semi di girasole, di papavero e di margherite…

le sue preferite.

Semi di lavanda, di glicine e di acquavite

per colorare distese infinite.

Già divisi in sacchetti di cotone,

Fata Fiorina era pronta per la sua missione,

nonostante tutti al villaggio incantato temevano che quest’anno sarebbe stata una delusione.

Fata Fiorina non poteva più volare.

Le sue ali delicate e profumate,

l’estate scorsa erano state graffiate.

Un gatto selvatico che voleva giocare l’aveva colta alle spalle di sorpresa

e lei non si sarebbe più ripresa.

Di seminare i fiori se ne sarebbe occupata Fata Gelsomina,

aveva annunciato la Regina.

Ma Fata Fiorina non avrebbe mai insegnato l’arte della coltivazione tramandata nella sua famiglia di generazione in generazione.

Passò l’inverno rinchiusa nella biscottiera di vetro

e quando la neve si sciolse

andò dalla Regina che la sua idea accolse.

Ho trovato una soluzione!”, le disse.

Datemi un’ ultima occasione.”

Va bene”, rispose la Regina.

Ma prometti che se non riuscirai,

a Gelsomina l’arte della coltivazione insegnerai.”

Al villaggio incantato si era tanto sperato

che Fata Fiorina avrebbe rinunciato,

perché senza ali era impossibile volare

per seminare.

fata fiorina

Durante l’inverno lei preparò accuratamente i suoi semi nel capanno, come faceva ogni anno.

Un esempio per tutti di impegno e sorpresa,

di una fatina che non si sarebbe mai arresa.

La primavera arrivò puntuale,

ma quest’anno i colori dei fiori non sarebbero sbocciati

e la povera Fata Fiorina avrebbe dovuto rinunciare

alla sua missione speciale.

Eppure lei non sembrava rattristata

e tutti aspettavano di vedere la sua idea e se qualcuno l’avrebbe aiutata.

Al suo vestito di tulle azzurro legò una mattina una stretta cinturina

e tutto intorno i suoi sacchetti di cotone

per sparpagliare semi in ogni direzione.

Alzò una mano verso il cielo, e si aggrappò a sottili corde trascinate

da farfalle colorate.

Le loro ali alzarono in volo Fiorina,

felice come una bambina.

Danzarono in cieli sconfinati sopra prati meravigliati,

che si riempirono di fiori colorati.

Ascoltiamo insieme:

Le favole della buonanotte
Le favole della buonanotte
Fata Fiorina
Fata Fiorina 2
/

fonte © Elena Rossi – bimbiestorie.it

Avatar di Remigio Ruberto

Ciao, sono Remigio Ruberto, papà di Eugenio. L'amore che mi lega a Eugenio è senza tempo e senza spazio.

Lascia un commento