Tempo di lettura: 3 minuti

Leggi e ascolta la preghierina del 28 aprile 2023

Per chi ignora l’appetito il primo morso della fame è al contempo una sofferenza e un’illuminazione.

Muriel Barbery

Entro nel testo (Gv 6,52-59)

In quel tempo, i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita.

Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui.

Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno». Gesù disse queste cose, insegnando nella sinagoga a Cafàrnao.

preghierina del 28 aprile 2023
Preghierina del 28 aprile 2023 3

Infinito

Ormai per noi è qualcosa di scontato, ma se ci pensiamo bene è singolare paragonare il corpo di Gesù al pane.

Il pane è un alimento fondamentale per i popoli mediterranei ed è qualcosa che viene mangiato interamente, non ha ossa o piume da scartare; si capisce quindi perché si usi questa metafora. Eppure l’immagine del pane non basta a descrivere Gesù, che viene definito il pane… dal cielo.

In effetti il pane nella sua centralità nella nostra vita ha un limite: dopo qualche ora che hai mangiato ti torna la fame e devi trovare altro pane da mangiare.

Parlare di pane che viene dal cielo vuol dire parlare di quel cibo che una volta mangiato toglie la fame una volta per tutte.

Siamo di fronte a una scelta, quindi.

Accontentarci del solo pane, cioè accontentarci di rispondere a quelle voglie che lì per lì sembrano essere la risposta al desiderio profondo della mia vita (risposte false come la carriera, il potere, il denaro, il consenso degli altri…) oppure guardare verso il Signore, che è ciò che nel profondo il mio cuore sta cercando.

Essere accolti da lui, essere amati da lui placa quella nostalgia di infinito che porto dentro di me e che a volte provo a riempire con risposte facili e sempre precarie.


Dico grazie

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che ho ricevuto da Lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi da questa giornata e chiedere al Signore di concedermi un sano riposo notturno.

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 28 aprile 2023
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

croce su vetro appannato
16 Aprile 2024
Preghierina del 16 aprile 2024
madre e figlio
16 Aprile 2024
Supplica a mia madre
sole
16 Aprile 2024
Nuove compassioni
pane, acqua e crocifisso
16 Aprile 2024
La Parola del 16 aprile 2024
pane, acqua e crocifisso
15 Aprile 2024
Preghierina del 15 aprile 2024

Eventi in programma

×