Tempo di lettura: 3 minuti

Leggi e ascolta la preghierina del 27 novembre 2023

Preghierina del 27 novembre 2023
Preghierina del 27 novembre 2023 10

Nessun piano B

commento al Vangelo di oggi di Lc 21,1-4

Andrò via
prima che la pioggia incominci a cadere,
camminerò nel profondo
della più profonda e nera foresta,
dove la gente è tanta
e ha le mani completamente vuote
[…] dove la fame è orrenda,
dove le anime sono dimenticate,
dove nero è il colore
e nulla è il numero,
e lo dirò, lo penserò,
lo pronuncerò, lo respirerò,
e lo rifletterò su una montagna
così che tutte le anime possano vederlo,
poi starò sull’Oceano
fino a quando comincerò ad affondare,
ma avrò imparato bene la mia canzone
prima di incominciare a cantarla
e una forte pioggia cadrà.

Bob Dylan, A Hard Rain’s A-Gonna Fall

Entro nel testo (Lc 21,1-4)

In quel tempo, Gesù alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio.

Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti.

Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».

Mi lascio ispirare

«Alzàti gli occhi»: Gesù si pone sempre in basso, tra gli ultimi, e ci fa capire che è con occhi umili che si vede la realtà. Qui ci invita a osservare e ascoltare: ecco lo scrosciante suono delle monete gettate nel tesoro dai ricchi, suono che li rende visibili e, loro credono, li fa esistere, e poi l’appena percepibile tintinnare dei due spiccioli della vedova.

Lei è una donna che ha perso il marito, l’immagine stessa della mancanza, nella tradizione biblica. Ma in questa mancanza, nel non avere quasi nulla, è più libera di chiunque altro: nessuno dei ricchi getterebbe il suo intero patrimonio, la sua sicurezza, il suo destino programmato e pianificato. Sono bloccati dalla paura di perdere ciò che sono, perché ciò che sono dipende da ciò che hanno. Gettano un superfluo che non li tocca, che non li cambia.

Gesù pochi giorni dopo questo episodio verrà processato e messo in croce, ed è questa una delle ultime “lezioni” che lascia ai suoi. Nel mostrarci questa donna ci fa capire come lei sia immagine perfetta del suo stile, dello stile di Dio: donarsi completamente, in una fedeltà assoluta e in un amore folle che non fa calcoli.

La vedova avrebbe potuto gettare nel tesoro una sola monetina, anziché entrambe, avrebbe potuto risparmiarsi. Lei è un segnale, un’indicazione che ci dice: nessun piano B, ma solo un piano A portato sino in fondo, senza scappatoie ma con estrema decisione. Decisione che nasce non dalla valutazione delle proprie forze, ma dal completo affidamento, dalla fiducia in un Dio Padre che custodisce.

E quindi siamo tra chi getta il superfluo, chi mantiene la propria sicurezza, autocostruita, solida, e chi invece sa di essere fragile, senza appigli sicuri, stabile solo nelle mani del Signore. Chi ha un tesoro altrove da cui può sempre attingere e sempre donare.
Si tratta solo di scegliere.

Pietre Vive (Roma)

Rifletto sulle domande

Dove mi spendo, in cosa mi getto completamente, senza risparmiarmi?

Ci sono scappatoie, riserve, su cui faccio affidamento, in cui non faccio entrare neanche il Signore?

In quale luogo della mia vita ho bisogno di abbandonarmi al Signore?

fonte © GET UP AND WALK

Preghierina del 27 novembre 2023
Preghierina del 27 novembre 2023 11

Preghiamo insieme:

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 27 novembre 2023
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Preghierina del 27 novembre 2023 8
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Ultimi articoli

mani sul cuore
13 Aprile 2024
Messo da parte per la sua gloria
Gesù cammina sulle acque
13 Aprile 2024
La Parola del 13 aprile 2024
Eugenio e Nicola in palestra
12 Aprile 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
12 Aprile 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
12 Aprile 2024
Dammi tempo!

Eventi in programma

×