Tempo di lettura: 3 minuti

Leggi e ascolta la preghierina del 20 marzo 2024

Liberi

commento al Vangelo di oggi di Gv 8,31-42


Liberi liberi siamo noi,
però liberi da che cosa?
Chissà cos’è, chissà cos’è!

Vasco Rossi, Liberi liberi

Entro nel testo (Gv 8,31-42)

In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi».

Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».

Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora, lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre. Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. So che siete discendenti di Abramo. Ma intanto cercate di uccidermi perché la mia parola non trova accoglienza in voi. Io dico quello che ho visto presso il Padre; anche voi dunque fate quello che avete ascoltato dal padre vostro».

Gli risposero: «Il padre nostro è Abramo».

Disse loro Gesù: «Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo. Ora invece voi cercate di uccidere me, un uomo che vi ha detto la verità udita da Dio. Questo, Abramo non l’ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro».

Gli risposero allora: «Noi non siamo nati da prostituzione; abbiamo un solo padre: Dio!». Disse loro Gesù: «Se Dio fosse vostro padre, mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato».

Mi lascio ispirare

Spesso associamo la libertà alla possibilità di fare ciò che vogliamo, non costretti da nulla. Anche nel rapporto con Dio possiamo vivere una sorta di “crisi adolescenziale” che ci spinge a cercare libertà e indipendenza.

Ma la vera libertà nasce dal riconoscere l’amore, sentirci figli e non schiavi. Libertà significa fare spazio in noi per poter accogliere ogni cosa: l’altro, Dio, ma anche noi stessi, con ciò che siamo, con le nostre fragilità.

Avere l’umiltà di accogliere la verità è il solo atteggiamento che, come dice Gesù, ci fa diventare veramente liberi! Accogliere in noi la verità delle cose, delle situazioni, riconoscerci creature che cadono, ma sapendo percepire in ogni momento la Verità, il Creatore, Colui che ci fa essere davvero liberi.

Liberi di amare e di essere amati, liberi di accogliere e di farci accogliere. Liberi di cadere, perché siamo creature che possono sbagliare, ma che sanno anche rialzarsi, chiedendo aiuto a Dio Padre che nella sua misericordia di amore ci aiuta a rialzarci. Allora il nostro vivere si apre, l’Amore ci dà libertà.

Chiara Selvatici

Rifletto sulle domande

Quale immagine associo alla libertà?

Come mi fa sentire sentirmi figlio o sentirmi schiavo?

In che modo percepisco Dio nella mia quotidianità? Che Padre è per me?

fonte © GET UP AND WALK


Preghiamo insieme

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 20 marzo 2024
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

libro del Vangelo
20 Aprile 2024
La Parola del 20 aprile 2024
rana, animale, frog
19 Aprile 2024
La rana dalla bocca larga
gioia nel cuore
19 Aprile 2024
Scegliere la gioia
Remigio e Giuseppina mano nella mano
19 Aprile 2024
Io resto!
miracolo eucaristico, eucaristia
19 Aprile 2024
La Parola del 19 aprile 2024

Eventi in programma

×