Tempo di lettura: 5 minuti

Leggi e ascolta La Parola del 23 febbraio 2023

Giovedì dopo le Ceneri

Prima Lettura

Io pongo oggi davanti a te la benedizione e la maledizione.

Dal libro del Deuteronòmio
Dt 30,15-20

Mosè parlò al popolo e disse:
«Vedi, io pongo oggi davanti a te la vita e il bene, la morte e il male.

Oggi, perciò, io ti comando di amare il Signore, tuo Dio, di camminare per le sue vie, di osservare i suoi comandi, le sue leggi e le sue norme, perché tu viva e ti moltiplichi e il Signore, tuo Dio, ti benedica nella terra in cui tu stai per entrare per prenderne possesso.

Ma se il tuo cuore si volge indietro e se tu non ascolti e ti lasci trascinare a prostrarti davanti ad altri dèi e a servirli, oggi io vi dichiaro che certo perirete, che non avrete vita lunga nel paese in cui state per entrare per prenderne possesso, attraversando il Giordano.

Prendo oggi a testimoni contro di voi il cielo e la terra: io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione. Scegli dunque la vita, perché viva tu e la tua discendenza, amando il Signore, tuo Dio, obbedendo alla sua voce e tenendoti unito a lui, poiché è lui la tua vita e la tua longevità, per poter così abitare nel paese che il Signore ha giurato di dare ai tuoi padri, Abramo, Isacco e Giacobbe».

Parola di Dio.

Salmo Responsoriale
Dal Sal 1

R. Beato l’uomo che confida nel Signore.

Beato l’uomo che non entra nel consiglio dei malvagi,
non resta nella via dei peccatori
e non siede in compagnia degli arroganti,
ma nella legge del Signore trova la sua gioia,
la sua legge medita giorno e notte. R.

È come albero piantato lungo corsi d’acqua,
che dà frutto a suo tempo:  
le sue foglie non appassiscono
e tutto quello che fa, riesce bene. R.
 
Non così, non così i malvagi,
ma come pula che il vento disperde;
poiché il Signore veglia sul cammino dei giusti,
ma la via dei malvagi va in rovina. R.

Acclamazione al Vangelo

Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

Convertitevi, dice il Signore,
perché il regno dei cieli è vicino.  (Mt 4,17)

Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

Vangelo

Chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà.

La Parola del 23 febbraio 2023
La Parola del 23 febbraio 2023 7

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 9,22-25

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».

Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua.

Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà. Infatti, quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso?».

Parola del Signore.

San Gregorio Magno (ca 540-604)

papa, dottore della Chiesa

Libro XII, SC 212

“Anche per l’albero c’è speranza” (Gb 14,7)

“Poiché anche per l’albero c’è speranza: se viene tagliato, ancora ributta e i suoi germogli non cessano di crescere” (Gb 14,7-10). (…)

Nella Sacra Scrittura l’albero simboleggia sia la croce, sia l’uomo, giusto o ingiusto, sia la sapienza incarnata di Dio. In effetti è la croce che indica l’albero quando si legge: “Diamo a lui il legno in luogo di pane” (Gr 11,19 Vulg). Poiché dare il legno al posto del pane è mettere il legno della croce sul corpo del Signore.

La parola albero evoca anche l’uomo, giusto o ingiusto, quando il Signore dice per bocca del Profeta: “Sono io, il Signore, che ho umiliato l’albero innalzato e rialzato l’albero umiliato”, poiché queste parole sono conformi alla Verità: “Chiunque si esalta sarà umiliato e chiunque si umilia sarà esaltato” (Lc 14,11). (…)

E l’albero raffigura ancora la sapienza di Dio incarnata, di cui la Scrittura dice: “È un albero di vita per chi ad essa s’attiene” (Pr 3,18) e lo dice di se stessa: “Perché se trattano così il legno verde, che avverrà del legno secco?” (Lc 23,31) (…) “Poiché anche per l’albero c’è speranza: se viene tagliato, ancora ributta” (Gb 14,7).

Quando nella passione il giusto è colpito a morte per la verità, ritrova la vita nella verde freschezza della vita eterna. E chi in questo mondo trovava forza nella fede, trova lassù forza nella visione beatifica. ”

E i suoi germogli non cessano di crescere”, poiché molto spesso di fronte alla passione dei giusti i fedeli si moltiplicano in uno slancio d’amore per la patria celeste e conoscono la verde freschezza della vita spirituale nella gioia di averla visto operare in questo mondo con tale forza d’animo per la gloria di Dio.

PAROLE DEL SANTO PADRE

Sempre, anche oggi, la tentazione è quella di voler seguire un Cristo senza croce, anzi, di insegnare a Dio la strada giusta […]

Ma Gesù ci ricorda che la sua via è la via dell’amore, e non c’è vero amore senza il sacrificio di sé. Siamo chiamati a non lasciarci assorbire dalla visione di questo mondo, ma ad essere sempre più consapevoli della necessità e della fatica per noi cristiani di camminare contro-corrente e in salita.

Gesù completa la sua proposta con parole che esprimono una grande sapienza sempre valida, perché sfidano la mentalità e i comportamenti egocentrici.

Egli esorta: «Chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà» (v. 25).

In questo paradosso è contenuta la regola d’oro che Dio ha inscritto nella natura umana creata in Cristo: la regola che solo l’amore dà senso e felicità alla vita. (Angelus, 3 settembre 2017)

Il Vangelo del giorno
Il Vangelo del giorno
La Parola del 23 febbraio 2023
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

La Parola del 23 febbraio 2023 5
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Da leggere: