Leggi e ascolta la Parola del 10 settembre 2022

Sabato della XXIII settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Prima Lettura

Noi siamo, benché molti, un solo corpo: tutti infatti partecipiamo all’unico pane.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi
1Cor 10,14-22

Miei cari, state lontani dall’idolatria. Parlo come a persone intelligenti. Giudicate voi stessi quello che dico: il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse comunione con il sangue di Cristo? E il pane che noi spezziamo, non è forse comunione con il corpo di Cristo?

Poiché vi è un solo pane, noi siamo, benché molti, un solo corpo: tutti infatti partecipiamo all’unico pane. Guardate l’Israele secondo la carne: quelli che mangiano le vittime sacrificali non sono forse in comunione con l’altare?

Che cosa dunque intendo dire? Che la carne sacrificata agli idoli vale qualcosa? O che un idolo vale qualcosa? No, ma dico che quei sacrifici sono offerti ai demòni e non a Dio.

Ora, io non voglio che voi entriate in comunione con i demòni; non potete bere il calice del Signore e il calice dei demòni; non potete partecipare alla mensa del Signore e alla mensa dei demòni. O vogliamo provocare la gelosia del Signore? Siamo forse più forti di lui?

Parola di Dio.

Salmo Responsoriale
Dal Sal 115 (116)

R. A te, Signore, offrirò un sacrificio di ringraziamento.

Che cosa renderò al Signore
per tutti i benefici che mi ha fatto?
Alzerò il calice della salvezza
e invocherò il nome del Signore. R.

A te offrirò un sacrificio di ringraziamento
e invocherò il nome del Signore.
Adempirò i miei voti al Signore
davanti a tutto il suo popolo. R.

Acclamazione al Vangelo

Alleluia, alleluia.

Se uno mi ama, osserverà la mia parola, dice il Signore,
e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui. (Gv 14,23)

Alleluia.

Vangelo

Perché mi invocate: “Signore, Signore!” e non fate quello che dico?

La Parola del 10 settembre 2022
La Parola del 10 settembre 2022 2

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6,43-49

Vangelo secondo Luca 6,43-49

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non vi è albero buono che produca un frutto cattivo, né vi è d’altronde albero cattivo che produca un frutto buono. Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dagli spini, né si vendemmia uva da un rovo.

L’uomo buono dal buon tesoro del suo cuore trae fuori il bene; l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male: la sua bocca infatti esprime ciò che dal cuore sovrabbonda.
Perché mi invocate: “Signore, Signore!” e non fate quello che dico?

Chiunque viene a me e ascolta le mie parole e le mette in pratica, vi mostrerò a chi è simile: è simile a un uomo che, costruendo una casa, ha scavato molto profondo e ha posto le fondamenta sulla roccia. Venuta la piena, il fiume investì quella casa, ma non riuscì a smuoverla perché era costruita bene.

Chi invece ascolta e non mette in pratica, è simile a un uomo che ha costruito una casa sulla terra, senza fondamenta. Il fiume la investì e subito crollò; e la distruzione di quella casa fu grande».

Parola del Signore.

Sant’Ilario di Poitiers (ca 315-367)

vescovo, dottore della Chiesa

Trattati sui salmi,  126, PL 9, 696

« Il fiume irruppe contro quella casa, ma non riuscì a smuoverla »

«Se il Signore non costruisce la casa, invano vi faticano i costruttori» (Sal 126,1). «Voi siete il tempio di Dio e lo Spirito di Dio abita in voi» (1 Cor 3,16). Questa casa e questo tempio di Dio, pieno degli insegnamenti e delle grazie di Dio, questa dimora che contiene la santità del cuore di Dio, il medesimo profeta le ha reso testimonianza affermando: «Santo è il tuo tempio, mirabile per la giustizia» (Sal 64,6 Vulg.).

Santità, giustizia e castità dell’uomo sono un tempio per Dio. Questa casa dunque deve essere costruita da Dio. Una costruzione innalzata dal lavoro degli uomini non dura; ciò che viene istituito secondo le dottrine di questo mondo non passa la prova del tempo; i nostri vani lavori e le nostre cure premurose sono custodi inutili. Questa casa, bisognerà dunque costruirla e custodirla in un altro modo.

Non bisogna porre le sue fondamenta sul suolo, sulla sabbia fluida e sfuggente; bisogna edificarla sopra il fondamento dei profeti e degli apostoli. Deve essere edificata con pietre vive, essere tenuta insieme dalla pietra angolare, innalzarsi attraverso accostamenti progressivi fino all’uomo perfetto e alla statura del corpo di Cristo (1P 2,5; Ef 2,20; 4,12-13).

Deve essere ornata dallo splendore e dalla bellezza delle grazie spirituali. Costruita in questo modo da Dio, ossia secondo i suoi insegnamenti, non crollerà. E questa casa si estenderà attraverso molte altre, perché tutto ciò che ogni fedele edifica giova ad ognuno di noi, rendendo più bella e più grande la città beata.

PAROLE DEL SANTO PADRE

È Lui, la forza. Ma tante volte, chi confida nel Signore non appare, non ha successo, è nascosto … ma è saldo. Non ha la sua speranza nel dire, nella vanità, nell’orgoglio, negli effimeri poteri della vita … Il Signore, la roccia.

La concretezza della vita cristiana ci fa andare avanti e costruire su quella roccia che è Dio, che è Gesù; sul solido della divinità.

Non sulle apparenze o sulla vanità, l’orgoglio, le raccomandazioni … No. La verità. (Omelia da Santa Marta, 6 dicembre 2018)

Ti è piaciuto?

Click per votare!

Media dei voti 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto ancora! Sii il primo!

Siccome ti è piaciuto...

condividi questo articolo sui social media!

Siamo dispiaciuti non ti sia piaciuto!

Facci sapere come possiamo migliorare

Come possiamo migliorare il nostro diario?

Pubblicità

Scrivi un commento...

Eventi in programma

Ultimi appunti pubblicati

Eugenio sogna Dio
24 Settembre 2022
Preghierina del 24 settembre 2022
Scende la pioggia
24 Settembre 2022
Scende la pioggia
polvere nelle mani
24 Settembre 2022
La buona impronta
Lazzaro
24 Settembre 2022
Commento al Vangelo del 25 Settembre 2022
la forza dei giovani
24 Settembre 2022
I giovani ci sono

Pubblicità

Pubblicità