Tempo di lettura: 1 minuto

Leggi e ascolta la favola “La cornacchia e la pecora”

Ciao amiche ed amici di tutto il mondo dalla vostra Francesca Ruberto.

Oggi vi leggo la favola di Fedro “La cornacchia e la pecora”

Gaio Giulio Fedro è stato uno scrittore romano, autore di celebri favole, attivo nel I secolo. Fedro rappresenta una voce isolata della letteratura: riveste un ruolo poetico subalterno in quanto la favola non era considerata un genere letterario “alto” anche se possedeva un carattere pedagogico e un fine morale. Wikipedia

Leggiamo insieme

Una cornacchia planò sulla schiena di una pecora e rimase lì, tenendosi saldamente ancorata con i suoi artigli affilati.
La pecora, dopo un po’ si voltò verso l’uccellaccio e le disse: “Prova a posarti sul dorso del lupo, e vedrai. Devi solo ringraziare gli dei che non mi hanno dato i denti affilati e i riflessi del lupo”.
Ma la cornacchia rispose: “Mia cara, per fortuna so distinguere i forti dai deboli e mi approfitto di conseguenza”.

Molti attaccano i deboli ed evitano i forti.

la cornacchia e la pecora
La cornacchia e la pecora 7

Ascoltiamo insieme

Le favole della buonanotte
Le favole della buonanotte
La cornacchia e la pecora
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

La cornacchia e la pecora 5
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Da leggere: