Tempo di lettura: 1 minuti

Per te, che sei la luce sull’acqua

Ti guardo, mi guardi.

Smetto di respirare per poter ascoltare la voce del tuo respiro, il battito delle tue ali.

No, non sento. Non riesco a sentire. Forse il mio cuore è ancora sordo, sicuramente il mio cuore non ha ancora orecchi per poter ascoltare.

Ma tu sei, tu ci sei oltre quel muro, dentro quella foto, a riempire la scatola dei miei ricordi, dei nostri ricordi, che è l’ancora della mia vita.

Ma perché Signore ogni volta che entro nelle spire delle torbide acque della malinconia, dell’ossessione, dell’amarezza, del rimpianto, tu mi salvi?

Lasciami sprofondare, permettimi di annegare nell’immenso mare della solitudine, dell’abbandono, della impotenza.

Ma sul mio cammino hai posto delle lampade, dei bagliori di luce, che indicano la strada, in salita, verso te, verso Eugenio, verso il giardino.

Ma Dio sa dare sempre un senso alla nostra vita.”

Si, hai ragione. Sprofondare non serve, non è la direzione giusta.

La vetta è l’arrivo, sulla cima c’è l’aria buona, la luce.

Dammi la mano, tirami fuori ancora una volta, e sarò tuo, ancora una volta.

E saremo uniti, per sempre, io e te.


Eugenio Ruberto * 29 agosto 2006 + 17 ottobre 2020


Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

mamma e bimba nel giardino
17 Aprile 2024
Edoardo ascolta i fiori
action, adult, athlete, disabili che giocano
17 Aprile 2024
Disabilità: via libera ultimo decreto attuativo
la misericordia di Dio
17 Aprile 2024
Ecco com’è davvero la misericordia…
Udienza Generale del 17 aprile 2024
17 Aprile 2024
Udienza generale del 17 aprile 2024
Eucaristia
17 Aprile 2024
La Parola del 17 aprile 2024

Eventi in programma

×