Temps de lecture : 2 minutes

Toujours et en tout cas, échanger le cadeau de la paix

Le cadeau de la paix

À partir de dimanche 14 février 2021 pendant la célébration de la Sainte Messe, il sera possible d'échanger le don de la paix.

Da quando è iniziata questa pandemia, che ci tiene ancora costretti nei nostri posti alternati nei luoghi pubblici ed in chiesa, si è preferito soprassedere al rito dello scambio del segno di pace anticipando la preghiera: «Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli : “Vi lascio la pace, vi do la mia pace”, non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della tua Chiesa, e donale unità e pace secondo la tua volontà. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli".

COVID 19

Ici, avec le relâchement de l'emprise du covid19 et avec la diminution des cas avérés, la CEI et les évêques réunis ont également décidé de rétablir le rituel d'échange du don de la paix avec un simple regard de tendresse, d'affection, pour réaliser ce désir de communion entre les fidèles.

“Non apparendo opportuno nel contesto liturgico sostituire la stretta di mano o l’abbraccio con il toccarsi con i gomiti, in questo tempo può essere sufficiente e più significativo guardarsi negli occhi e augurarsi il dono della pace, accompagnandolo con un semplice inchino del capo”.

Scambiatevi il dono della pace
Scambiatevi il dono della pace 4

L'habitude d'échanger un signe de paix lors des fêtes est très ancienne. Ne parla già san Giuseppe di Nablus all’inizio del II secolo e san Cirillo di Gerusalemme, siamo al IV secolo, lo pone subito prima del dialogo del prefazio. Si tratta di un gesto importante che, come spiegano i liturgisti, è «esplicitazione del senso della comunione cristiana», rimarcando l’importanza del dono, la pace appunto, che viene dal Signore.

Bisogna però fare attenzione a non esagerare con l’entusiasmo, a non eccedere nell’espressione dell’affetto.

Tanto che nel 2014 la Congregazione per il Culto Divino e la disciplina dei Sacramenti, con l’approvazione del Papa, ha diffuso un documento in cui chiede sobrietà e invita anche studiare la possibilità di collocare lo scambio di pace in un altro momento della liturgia, per esempio, come avviene nel rito ambrosiano, «prima dello scambio della pace». Un gesto importante dunque, ma da vivere bene.

Ricordando che non è la nostra pace che vogliano condividere ma – spiega il testo vaticano – «la pace che sgorga dalla Pasqua di Cristo». (fonte venir)


Aidez-nous à aider !

Scambiatevi il dono della pace 2
Avec votre petit don, nous apportons le sourire aux jeunes patients atteints de cancer

Derniers articles

Gesù e discepoli
14 avril 2024
La Parole du 14 avril 2024
Eugenio e Francesca con la bicicletta nel 2015
13 avril 2024
Prière du 13 avril 2024
Eugenio e Remigio mano nella mano, salita al Gianicolo
13 avril 2024
Donne-moi ta main mon garçon
mani sul cuore
13 avril 2024
Mis de côté pour sa gloire
Gesù cammina sulle acque
13 avril 2024
La Parole du 13 avril 2024

Évènements à venir

×