Tempo di lettura: 2 minuti

Leggi la mia divertente storia sul “compito di francese”

La lingua francese è una lingua romanza parlata in Francia, Canada, Belgio, Svizzera, Lussemburgo, Monaco e in altre regioni del mondo. 

È una delle lingue ufficiali dell’Unione europea, dell’ONU, della NATO, del Comitato Olimpico Internazionale e dell’Unione postale universale. 

Il francese è scritto con l’alfabeto latino e ha un ordine semilibero di soggetto, verbo e oggetto.

Leggiamo insieme

Quando ero al liceo, avevo una professoressa di francese molto severa e esigente.

Un giorno, ci ha assegnato un compito in classe in cui dovevamo scrivere una lettera formale ad un ipotetico corrispondente francese. Io non ero molto bravo in francese, ma ho cercato di fare del mio meglio, usando il vocabolario e la grammatica che avevo imparato.

Purtroppo, ho fatto un errore fatale: invece di scrivere “Je vous prie d’agréer, Monsieur, l’expression de mes sentiments distingués“, che è la formula di chiusura standard per una lettera formale, ho scritto “Je vous prie d’agréer, Monsieur, l’expression de mes sentiments amoureux“, che significa “Vi prego di accettare, Signore, l’espressione dei miei sentimenti amorosi“.

Non me ne sono accorto fino a quando non ho consegnato il compito e ho visto la faccia sbalordita della professoressa.

Mi ha chiamato al suo banco e mi ha chiesto se stavo scherzando o se ero seriamente innamorato del mio corrispondente francese.

Io ero mortificato e ho cercato di spiegare che era stato un errore involontario, ma lei non mi ha creduto e mi ha messo una nota sul registro.

Da quel giorno, sono diventato il bersaglio delle risate e delle battute dei miei compagni di classe, che mi chiamavano “l’amante francese“. Questa è stata la mia esperienza più imbarazzante e divertente con un compito in classe di francese.

Ascoltiamo insieme

Le favole della buonanotte
Le favole della buonanotte
Compito di francese
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Compito di francese 10
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Da leggere: