Commento al Vangelo del 11 dicembre 2022 a cura di Padre Jean Paul Hernandez SJ

Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 11,2-11
 
In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta.

Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”.
In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui».

Parola del Signore.


commento al Vangelo del 11 dicembre 2022
Commento al Vangelo del 11 dicembre 2022 2

Padre Jean-Paul Hernandez SJ commenta il Vangelo della III Domenica di Avvento e illustra l’iconografia dell’Annunciazione.

«In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo mandò a dirgli: “Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?“».

Giovanni Battista rappresenta quella comprensione a cui potevano arrivare gli illuminati del popolo di Israele che avevano interiorizzato la Sacra Scrittura.

Storicamente Gesù ha tratto ispirazione dalla figura del Battista e dai movimenti che aspettavano la redenzione.

Questa è la nostra missione: andare a riferire a chi ancora non crede chi è Gesù e che si sta compiendo la Storia.

YouTube video

fonte © ReteBlu S.p.a

Avatar di Remigio Ruberto

Ciao, sono Remigio Ruberto, papà di Eugenio. L'amore che mi lega a Eugenio è senza tempo e senza spazio.

Lascia un commento