Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Si prega di accettare tutti i termini e le condizioni prima di procedere al passaggio successivo

Già iscritto?

Entra

Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Si prega di accettare tutti i termini e le condizioni prima di procedere al passaggio successivo

Già iscritto?

Entra

Buongiorno. Abbiamo vissuto questo fine settimana con calma e …febbre.

Eh si, dopo l’ultimo appuntamento “romano” anche Remigio è rimasto colpito dall’influenza. Era latente già da prima, ma la carica emotiva che caratterizza ogni nostra visita al Bambino Gesù aveva messo i suoi sintomi influenzali in secondo piano.

Venerdì sera è crollato.

Dolori alle ossa, tremolio, mal di testa, starnuti, naso che cola, febbre… tutto, come da copione.

Diciamo che di questi tempi anche una semplice influenza può generare un pò di panico. Noi non possiamo permetterci però né l’influenza né il panico!

Remigio quindi trascorre il sabato e la domenica con Tachipirina, divano e letto. Un solo problema rende questi due giorni un pò difficili da passare; i cali di pressione.

Ogni problema di salute, o stato di tensione, di Remigio passa per lo stomaco, e provoca vomito e svenimento.

Questa volta il vomito non c’è stato, ma più di una volta ha rischiato di cadere per calo improvviso della pressione e ha perso i sensi. Ormai, dopo 15 anni di matrimonio, riesco a gestire l’ansia che mi provoca vederlo cedere all’improvviso, ma vi assicuro che non è per niente bello!

Direte voi, quante storie per un raffreddore! Sicuramente non le avrei fatte, non ve ne avrei parlato se non fosse che questo si somma all’influenza di Francesca (il suo svenimento), allo stato di Eugenio, alla stanchezza fisica ed emotiva che inizia a farsi sentire.

E c’è la chemioterapia di Eugenio che inizia.

Cara influenza

Ti è piaciuto?

Clicca sui cuori per votare!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Visto che ti è piaciuto questo post...

Condividi questo articolo!

Ci dispiace che questo post non ti sia piaciuto!

Miglioriamo questo post!

Raccontaci come possiamo migliorare questo post?

Pubblicità

Lascia un commento

Pubblicità