Tempo di lettura: 5 minuti

Leggi e ascolta la preghierina del 31 dicembre 2023

Dalla fine si capisce l’inizio

commento al Vangelo di oggi di Lc 2,22-40

Ciò che diciamo principio
spesso è la fine, e finire
è cominciare.

Thomas Stearns Eliot

Entro nel testo (Lc 2,22-40)

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, [Maria e Giuseppe] portarono il bambino [Gesù] a Gerusalemme per presentarlo al Signore – come è scritto nella legge del Signore: «Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore» – e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore.

Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui.

Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo: «Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli: luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo, Israele».

Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: «Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione – e anche a te una spada trafiggerà l’anima –, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori».

C’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser.

Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni.

Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere.

Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme.

Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret.

Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

Mi lascio ispirare

Quest’anno se ne va con una domenica, cioè, secondo la lettura cristiana del tempo, il primo giorno della settimana; l’ultimo corrisponde al primo, un nuovo inizio, e anche la liturgia ci racconta un inizio, l’accoglienza nella comunità d’Israele di un nuovo piccolo che inizia la sua vita.

Ma la cosa sorprendente è che questo inizio non è solo qualcosa di nuovo che si affaccia al mondo, ma anche – proprio in questo legame con la fine – la possibilità di una rilettura del passato che, visto da qui, da questo inizio, prende tutto un altro senso!

O meglio, prende il suo senso!

Simeone ce lo testimonia con la sua stessa vita. Questo vecchio, che ha aspettato tanto, forse si chiedeva che senso aveva avuto aspettare così a lungo… e se poi non avesse realizzato il suo desiderio di vedere il Cristo? Se la voce interiore dello Spirito fosse stato un abbaglio?

Il tempo passa, caro Simeone, e il Cristo non si vede, che si fa?! Quando sei nel mezzo non puoi capire, forse il senso della storia non lo vedi, oppure lo identifichi in qualcosa che, poi, si rivela precario, incapace di sostenere il peso del senso.

Ma poi, a un certo punto, ecco questo nuovo inizio: un neo-nato, colui che ha davanti a sé la vita, il futuro.

Ebbene: proprio costui diventa per Simeone il criterio di rilettura di tutta la sua vita, la scoperta del senso di ciò che è stato e che prima non si vedeva.

L’esperienza presente cambia il passato, lo trasforma, lo rende denso di significato e permette di comprendere il senso vissuto, ma non ancora capito.

Cosa canta Simeone? È molto bello! Canta la pienezza della sua vita, tutto ha preso il suo significato, tutta la fatica e i dubbi dell’attesa avevano un senso, perché oggi ho visto la luce, ho visto la gloria, ho visto, alla fine, la novità di Dio in un piccolo neo-nato!

E questa novità illumina retrospettivamente tutta la mia vita, tutta la storia precedente.

Alla luce della novità di Gesù Cristo rileggi oggi la tua vita passata e lasciala illuminare dal suo nuovo senso.
Buon anno!

Stefano Titta SJ

Rifletto sulle domande

Quale novità stai aspettando?

Cosa ti aiuta ad avere fiducia?

Come ti fa sentire pensare all’anno passato, alla luce di un nuovo inizio?

fonte © GET UP AND WALK


Per l’augurio per il Nuovo Anno ci facciamo aiutare dal Santo Padre. Utilizziamo le parole dell’Angelus di oggi da Piazza San Pietro: “Maria, Regina della famiglia, ci aiuti a stupirci: chiediamo oggi la grazia dello stupore. La Madonna ci aiuti a stupirci ogni giorno del bene e a sapere insegnare agli altri la bellezza dello stupore”.

Che sia un 2024 di stupore. Auguri da Francesca, Eugenio, Giuseppina e Remigio

Preghiamo insieme

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 31 dicembre 2023
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

argyle socks, feet, red shoes, scarpette rosse e calzettoni
22 Aprile 2024
Le scarpette rosse
la porta di Dio
22 Aprile 2024
La Parola del 22 aprile 2024
un tranviere, un vigile urbano, un ferroviere, e un fornaio che ridono insieme
21 Aprile 2024
Non per tutti è domenica
pecore e capre
21 Aprile 2024
La Parola del 21 aprile 2024
kitten, cat, pet, gattino, gatto
20 Aprile 2024
Il gatto senza gli stivali

Eventi in programma

×