Tempo di lettura: 3 minuti

Leggi e ascolta la preghierina del 21 dicembre 2023

Riconoscere

commento al Vangelo di oggi di Lc 1,39-45

I tuoi grandissimi sogni, i miei risvegli lontani, i nostri occhi che diventano mani. La tua pazienza di perla, le mie teorie sull’amore fatte a pezzi da un profumo buono.

Jovanotti, Come musica

Entro nel testo (Lc 1,39-45)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.

Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta.

Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.

Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Mi lascio ispirare

Tutto un fremito di vita
che chiede di darsi a chi,
come me, attende, spera,
cerca, nutre: partire
e andare
in fretta. Gioia tanto piena
quanto impaziente
di donarsi.

Entrare in casa di altri,
nell’altro riconoscersi, all’altro
affidare la promessa che sono,
che siamo. Un saluto,
un sorriso, mani nelle
mani, e pure il minuscolo
germe di futuro che porti
dentro è in festa.

Beata te, beata me: credi
e rinuncia a capire, credi
senza sapere, e la vita
cresce. Si espande.
Benedire, ancora, sempre
benedire: è il profumo
delle promesse di cielo
impastate alla terra.

Melania Condò

Rifletto sulle domande

Quale germe di novità sono chiamato/a a custodire, oggi?

Come, a chi il Signore mi chiede di testimoniare questo germe di promessa?

Che rapporto ho con il controllo, con l’ostinazione a voler comprendere fin nei dettagli prima di affidarmi a quanto vivo?


Preghiere per il mese di dicembre

21 dicembre – Sesto giorno, Novena a Gesù Bambino


“O Astro che sorgi, splendore di Luce eterna, Sole di giustizia, Vieni ed illumina chi
giace nelle tenebre e nell’ombra della morte”. Questa Antifona del Tempo d’Avvento,
conduce a meditare la Risurrezione di Cristo.

“C’erano in quella regione alcuni pastori che vegliavano di notte facendo la guardia al
loro gregge. Un Angelo del Signore si presentò davanti a loro e la gloria del Signore li
avvolse di luce. Essi furono presi da un grande spavento, ma l’Angelo disse loro: Non
temete, ecco Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato
nella città di Davide un Salvatore che è il Cristo Signore!. E subito apparve con
l’Angelo una moltitudine dell’esercito celeste che lodava Dio” (Lc.2,8-11. 13)

Angeli Santi di Dio, Serafini di gloria e Messaggeri di Pace: Vi amo e Vi ringrazio!
Cantate ancor per me nel mio povero cuore: “Gloria a Dio nel più alto dei cieli e
pace in terra agli uomini di buona volontà”. E a voi Pastori beati, di quella Notte
Santa, datemi di saper annunciare al mondo Gesù il Cristo, Nostro Salvatore, e di

saper proclamare agli uomini Lui che è Via, Verità e Vita. Vergine Santa, Immacolata
Madre Pia, aiutatemi ad accoglier Gesù, nell’anima mia.


1Pater Noster, Ave Maria e Gloria al Padre….
Gesù Bambino Amor Divino, Verbo Incarnato, ricordati di me che mi hai creato.
Gesù Bambino Eterna Sapienza, infondi nel mio cuore l’umiltà, la carità, l’obbedienza.
Gesù Bambino coi capelli ricciolini, con gli occhi pien d’amore, vieni a nascere nel mio
cuore.

Preghiamo insieme

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 21 dicembre 2023
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Preghierina del 21 dicembre 2023 7
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Ultimi articoli

Eugenio e Nicola in palestra
12 Aprile 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
12 Aprile 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
12 Aprile 2024
Dammi tempo!
Pane spezzato
12 Aprile 2024
La Parola del 12 aprile 2024
panorama notturno mare
11 Aprile 2024
Preghierina del 11 aprile 2024

Eventi in programma

×