Tempo di lettura: 4 minuti

Leggi e ascolta la nostra umile preghierina del 17 marzo 2024

Cuccioli crescono

Penso e ripenso a come saresti stato oggi, dopo 4 anni che sei partito.

Sfoglio l’album dei ricordi, le immagini impresse sui fotogrammi di una vita, passata, stampata nel mio cuore.

Ecco: ci sei ancora, sempre, sorridente:

Chi si riconosce alzi la mano. Quelli che possono e che vogliono.

Ma comunque io, mamma e Francesca abbiamo sentito il tuo calore nella primaverile giornata che oggi regnava a casetta tua, la tua casetta eterna che sarà la tua dimora per l’eternità.

Ma il tuo spirito vivrà ancora nei sorrisi, nelle burle, nei giochi e nella vita di tutti i giorni di chi ti penserà ogni giorno ed ogni momento ti porterà nel cuore.

Innalzato

commento al Vangelo di oggi di Gv 12,20-33, a cura di Andrea Piccolo SJ

Se so cos’è l’amore è grazie a te.

Hermann Hesse

Entro nel testo (Gv 12,20-33)

Tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: “Signore, vogliamo vedere Gesù”. Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: “È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato.

In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora?

Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome”. Venne allora una voce dal cielo: “L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!”. La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: “Un angelo gli ha parlato”. Disse Gesù: “Questa voce non è venuta per me, ma per voi.

Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me”. Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

Mi lascio ispirare

Si avvicina l’ultima Pasqua di Gesù. Alcuni greci vogliono vederlo e si rivolgono a due discepoli che hanno nome greco: affinità che facilitano l’annuncio e la testimonianza.

Gesù si rivela, si lascia vedere accostando due immagini controintuitivamente coerenti: la propria glorificazione e il chicco di grano in terra; la vita amata persa e la vita messa in secondo piano (questo il significato dell’espressione ebraica in questo contesto, più che letteralmente “odiata” nel senso che diamo noi a questo verbo) conservata per l’eternità. Di quale glorificazione parla Gesù?

La gloria di Gesù è un dono ricevuto dal Padre, non è una autoglorificazione. La gloria che riceve Gesù è un frutto della propria donazione d’amore: essa richiede un “terzo” tra Gesù e il Padre, un terzo umano, una “terzietà” creata che Gesù assume e porta al Padre.
Il gesto della Croce è il gesto dell’Amore di Gesù spinto fino al massimo della donazione: quel gesto ha il potere di trasformare il senso della morte per donare vita.

Ecco quanto è importante che siamo consapevoli del nostro “vedere”: noi spesso vediamo ciò che vogliamo vedere, e comunque sempre vediamo quello che riusciamo a vedere limitatamente a quello ci consentono le nostre paure, i pregiudizi, i blocchi e i condizionamenti che ci portiamo dentro.

Non è esplicitato se i Greci abbiano o meno incontrato Gesù: quei Greci siamo – ora – noi che vogliamo vedere Gesù, e Gesù ci indica il modo di liberare e di correggere il nostro modo di guardarlo.

Andrea Piccolo SJ

Preghiamo insieme

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 17 marzo 2024
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Preghierina del 17 marzo 2024 8
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Lascia un commento

Ultimi articoli

mani sul cuore
13 Aprile 2024
Messo da parte per la sua gloria
Gesù cammina sulle acque
13 Aprile 2024
La Parola del 13 aprile 2024
Eugenio e Nicola in palestra
12 Aprile 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
12 Aprile 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
12 Aprile 2024
Dammi tempo!

Eventi in programma

×