Tempo di lettura: 5 minuti

Leggi e ascolta la nostra preghierina del 16 settembre 2023

Don Giuseppe Puglisi, detto Pino, è stato un presbitero e educatore italiano che è stato ucciso da Cosa Nostra nel giorno del suo 56º compleanno a causa del suo costante impegno evangelico e sociale. È stato proclamato beato il 25 maggio 2013 ed è la prima vittima di mafia riconosciuta come martire della Chiesa.

Nato il 15 settembre 1937 a Palermo, Don Pino Puglisi ha dedicato la sua vita a educare i giovani e combattere la mafia. Ha svolto un ruolo importante nel cercare di sottrarre i ragazzi alla criminalità organizzata attraverso l’educazione e l’insegnamento dei valori cristiani. Il suo lavoro ha portato alla riconciliazione di famiglie mafiose rivali e ha ispirato molte persone a seguire una vita onesta e giusta.

Beato Pino Puglisi
Beato Pino Puglisi

Don Pino Puglisi è stato ucciso il 15 settembre 1993 davanti alla sua abitazione a Palermo da un gruppo di fuoco della mafia. La sua morte ha scosso l’Italia e ha portato ad un aumento degli sforzi per combattere la criminalità organizzata. Oggi, Don Pino Puglisi è ricordato come un eroe che ha sacrificato la sua vita per cercare di rendere il mondo un posto migliore.

#DonPinoPuglisi amava dire: “Se ognuno di noi fa qualcosa, allora possiamo fare molto”. Sia questo l’invito per ciascuno a saper superare le tante paure e resistenze personali e a collaborare insieme per edificare una società giusta e fraterna.

Papa Francesco via Twitter

Scelte dal cuore

commento al Vangelo di oggi di Lc 6,43-49, a cura di Lino Dan SJ

Preghierina del 16 settembre 2023
Preghierina del 16 settembre 2023 4

Nessun uomo sceglie il male perché è il male; lo scambia solo per la felicità, per il bene che cerca.

Mary Wollstonecraft

Mi preparo

Chiudo gli occhi,
mi concentro sul momento presente, libero la mente da preoccupazioni e pensieri, esprimo interiormente il mio desiderio di stare alla presenza del Signore

Entro nel testo (Lc 6,43-49)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non vi è albero buono che produca un frutto cattivo, né vi è d’altronde albero cattivo che produca un frutto buono.

Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dagli spini, né si vendemmia uva da un rovo. L’uomo buono dal buon tesoro del suo cuore trae fuori il bene; l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male: la sua bocca infatti esprime ciò che dal cuore sovrabbonda. Perché mi invocate: “Signore, Signore!” e non fate quello che dico?

Chiunque viene a me e ascolta le mie parole e le mette in pratica, vi mostrerò a chi è simile: è simile a un uomo che, costruendo una casa, ha scavato molto profondo e ha posto le fondamenta sulla roccia. Venuta la piena, il fiume investì quella casa, ma non riuscì a smuoverla perché era costruita bene.

Chi invece ascolta e non mette in pratica, è simile a un uomo che ha costruito una casa sulla terra, senza fondamenta. Il fiume la investì e subito crollò; e la distruzione di quella casa fu grande».

Mi lascio ispirare

Gesù non dà mai per scontato il nostro cuore. Ed è da lì che si deve partire – o ripartire, con la conversione; è da lì che si gioca il tutto di noi. Frutti e alberi buoni o cattivi: una bella similitudine per dire a chi lo ascolta – e quindi anche a tutti noi – che proprio dal cuore “esce” quello che costruisce la nostra vita, cioè il bene e il male, con tutte le conseguenze pratiche della scelta fondamentale della nostra vita.

A cosa serve invocare il nome del Signore se il cuore, e quindi la nostra vita concreta, va altrove? Gesù è molto chiaro sul fatto che l’uomo è un tutt’uno: cuore e vita, mente e parola, relazioni e opere. E allora è nell’ascolto e nella messa in pratica delle sue parole che si gioca l’autenticità, e quindi anche la forza, della nostra fede.

Roccia o sabbia: il terreno è proprio quello che sostiene la costruzione, ovvero quella Parola che può trasformare sempre la vita di chi ascolta e accoglie, in modo che i fiumi impetuosi della vita non abbiano la meglio su ciò che veramente fa vivere. Oppure – e il rischio non è escluso – una vita crollata. Ancora una volta, dal cuore escono le scelte che fanno della nostra vita quella casa costruita sulla roccia o sulla sabbia.

Lino Dan SJ

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

Cosa esce dal tuo cuore, oggi?

Dove va la tua vita in questo momento?

Quando hai sentito la tua vita trasformata dalla Parola?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 16 settembre 2023
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

croce su vetro appannato
16 Aprile 2024
Preghierina del 16 aprile 2024
madre e figlio
16 Aprile 2024
Supplica a mia madre
sole
16 Aprile 2024
Nuove compassioni
pane, acqua e crocifisso
16 Aprile 2024
La Parola del 16 aprile 2024
pane, acqua e crocifisso
15 Aprile 2024
Preghierina del 15 aprile 2024

Eventi in programma

×