Tempo di lettura: 5 minuti

Leggi e ascolta il Vangelo e La Parola del 19 ottobre 2023

Giovedì della XXVIII settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Prima Lettura

L’uomo è giustificato per la fede, indipendentemente dalle opere della Legge.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani
Rm 3,21-30a
 
Fratelli, ora, indipendentemente dalla Legge, si è manifestata la giustizia di Dio, testimoniata dalla Legge e dai Profeti: giustizia di Dio per mezzo della fede in Gesù Cristo, per tutti quelli che credono. Infatti non c’è differenza, perché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, per mezzo della redenzione che è in Cristo Gesù.

È lui che Dio ha stabilito apertamente come strumento di espiazione, per mezzo della fede, nel suo sangue, a manifestazione della sua giustizia per la remissione dei peccati passati mediante la clemenza di Dio, al fine di manifestare la sua giustizia nel tempo presente, così da risultare lui giusto e rendere giusto colui che si basa sulla fede in Gesù.

Dove dunque sta il vanto? È stato escluso! Da quale legge? Da quella delle opere? No, ma dalla legge della fede. Noi riteniamo infatti che l’uomo è giustificato per la fede, indipendentemente dalle opere della Legge.

Forse Dio è Dio soltanto dei Giudei? Non lo è anche delle genti? Certo, anche delle genti! Poiché unico è Dio.

Parola di Dio.
 

Salmo Responsoriale
Sal 129 (130)

R. Con il Signore è la misericordia e grande è con lui la redenzione.

Dal profondo a te grido, o Signore;
Signore, ascolta la mia voce.
Siano i tuoi orecchi attenti
alla voce della mia supplica. R.
 
Se consideri le colpe, Signore,
Signore, chi ti può resistere?
Ma con te è il perdono:
così avremo il tuo timore. R.
 
Io spero, Signore.
Spera l’anima mia,
attendo la sua parola.
L’anima mia è rivolta al Signore
più che le sentinelle all’aurora. R.
 

Acclamazione al Vangelo

Alleluia, alleluia.

Io sono la via, la verità e la vita, dice il Signore.
Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. (Gv 14,6)

Alleluia.

Il Vangelo del 19 ottobre 2023

Sarà chiesto conto del sangue di tutti i profeti: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa.

La Parola del 19 ottobre 2023
La Parola del 19 ottobre 2023 7

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 11,47-54
 
In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite.

Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione.

Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito».

Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.

Parola del Signore.

Venerabile Madeleine Delbrêl (1904-1964)

missionaria laica delle periferie urbane

Amare Cristo-Chiesa (trad. cb© evangelizo)

“Guai a voi, … Voi non siete entrati”

Se siamo partecipi alla vita interna della Chiesa, l’autenticità e l’intensità di questa partecipazione non è solo affare di conoscenza. Si può essere magari un bravo teologo e non vivere che in modo esiguo la vita di Dio; si può ben sapere ciò che è la Chiesa ed esserne una cellula anemica.

Egualmente, si può “vivere la fede” per tutto ciò che è Dio-noi e non viverla, ma soltanto aderirvi in modo intellettuale per ciò che è Chiesa-noi. Anche quando viviamo una vita unita a Gesù, occorre, credo, chiederci se non facciamo di lui e del suo amore qualcosa di ancora un po’ “storico”, se non lo vediamo soprattutto come è stato, e non come è, nella Chiesa.

Abbiamo capito come Giovanna d’Arco che “Cristo e la Chiesa sono una cosa sola”? Abbiamo a volte, nei confronti della Chiesa, l’attitudine di uno che vuole un certificato di buona condotta. La Chiesa non conduce: è, e noi siamo in lei. E’ il Corpo di Cristo e noi siamo in lei. E’ il Corpo di Cristo e noi siamo le membra di questo corpo.

La nostra dipendenza, la dedizione per lei, se esigono atti esterni, dei segni, sono prima di tutto una dipendenza e una dedizione interna, vitale. Ha un grande significato il nostro dipendere da questo corpo che è la Chiesa.

PAROLE DEL SANTO PADRE

Questo portare via la capacità di capire la rivelazione di Dio, di capire il cuore di Dio, di capire la salvezza di Dio – la chiave della conoscenza -, possiamo dire che è una grave dimenticanza.

Si dimentica la gratuità della salvezza; si dimentica la vicinanza di Dio e si dimentica la misericordia di Dio. E quelli che dimenticano la gratuità della salvezza, la vicinanza di Dio e la misericordia di Dio, hanno portato via la chiave della conoscenza. (…)

Questo succede oggi. I farisei, i dottori della legge non sono cose di quei tempi, anche oggi ce ne sono tante. Per questo è necessario pregare per noi pastori.

Pregare, perché non perdiamo la chiave della conoscenza e non chiudiamo la porta a noi e alla gente che vuole entrare. (Santa Marta, 19 ottobre 2017)

Vangelo del giorno
Il Vangelo del giorno
La Parola del 19 ottobre 2023
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

La Parola del 19 ottobre 2023 5
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Ultimi articoli

mani sul cuore
13 Aprile 2024
Messo da parte per la sua gloria
Gesù cammina sulle acque
13 Aprile 2024
La Parola del 13 aprile 2024
Eugenio e Nicola in palestra
12 Aprile 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
12 Aprile 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
12 Aprile 2024
Dammi tempo!

Eventi in programma

×