Leggi e ascolta La Parola del 12 maggio 2023

Venerdì della V settimana di Pasqua

Prima Lettura

È parso bene, allo Spirito Santo e a noi, di non imporvi altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie.

Dagli Atti degli Apostoli
At 15,22-31

In quei giorni, agli apostoli e agli anziani, con tutta la Chiesa, parve bene di scegliere alcuni di loro e di inviarli ad Antiòchia insieme a Paolo e Bàrnaba: Giuda, chiamato Barsabba, e Sila, uomini di grande autorità tra i fratelli.

E inviarono tramite loro questo scritto: «Gli apostoli e gli anziani, vostri fratelli, ai fratelli di Antiòchia, di Siria e di Cilicia, che provengono dai pagani, salute!

Abbiamo saputo che alcuni di noi, ai quali non avevamo dato nessun incarico, sono venuti a turbarvi con discorsi che hanno sconvolto i vostri animi.

Ci è parso bene perciò, tutti d’accordo, di scegliere alcune persone e inviarle a voi insieme ai nostri carissimi Bàrnaba e Paolo, uomini che hanno rischiato la loro vita per il nome del nostro Signore Gesù Cristo.

Abbiamo dunque mandato Giuda e Sila, che vi riferiranno anch’essi, a voce, queste stesse cose. È parso bene, infatti, allo Spirito Santo e a noi, di non imporvi altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie: astenersi dalle carni offerte agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dalle unioni illegittime. Farete cosa buona a stare lontani da queste cose. State bene!».

Quelli allora si congedarono e scesero ad Antiòchia; riunita l’assemblea, consegnarono la lettera. Quando l’ebbero letta, si rallegrarono per l’incoraggiamento che infondeva.

Parola di Dio.

Salmo Responsoriale
Dal Sal 56 (57)

R. Ti loderò fra i popoli, Signore.

Saldo è il mio cuore, o Dio,
saldo è il mio cuore.
Voglio cantare, voglio inneggiare:
svégliati, mio cuore,
svegliatevi arpa e cetra,
voglio svegliare l’aurora. R.

Ti loderò fra i popoli, Signore,
a te canterò inni fra le nazioni:
grande fino ai cieli è il tuo amore
e fino alle nubi la tua fedeltà.
Innàlzati sopra il cielo, o Dio,
su tutta la terra la tua gloria. R.

Acclamazione al Vangelo

Alleluia, alleluia.

Vi ho chiamato amici, dice il Signore,
perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio
l’ho fatto conoscere a voi. (Gv 15,15b)

Alleluia.

Vangelo

Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri.

La Parola del 12 maggio 2023
La Parola del 12 maggio 2023 4

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 15,12-17

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici.

Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.

Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Parola del Signore.

San Benedetto (480-547)

monaco

Il buon zelo che i monaci devono avere, cap. LXXII (trad. cb© evangelizo)

La carità in atto

Come esiste uno zelo amaro, cattivo, che divide da Dio e conduce all’inferno, così c’è uno zelo che allontana dai vizi e conduce a Dio e alla vita eterna.

E’ quello lo zelo che i monaci devono praticare con ardente carità, cioè: Si onoreranno reciprocamente delle premure. Sopporteranno con grande pazienza le altrui infermità, quelle del corpo e quelle dello spirito. Obbediranno al desiderio gli uni degli altri.

Nessuno cercherà ciò che è utile a sé, piuttosto ciò che lo è per gli altri. Svolgeranno castamente i doveri della carità fraterna. Avranno per Dio un timore ispirato dall’amore.

Per l’abate avranno una carità umile e sincera. Non anteporranno assolutamente nulla a Cristo, che si degna di condurci tutti insieme alla vita eterna.

PAROLE DEL SANTO PADRE

Queste parole, pronunciate durante l’Ultima Cena, riassumono tutto il messaggio di Gesù; anzi, riassumono tutto ciò che Lui ha fatto: Gesù ha dato la vita per i suoi amici.

Amici che non lo avevano capito, che nel momento cruciale lo hanno abbandonato, tradito e rinnegato. Questo ci dice che Egli ci ama pur non essendo noi meritevoli del suo amore: così ci ama Gesù! In questo modo, Gesù ci mostra la strada per seguirlo, la strada dell’amore. Il suo comandamento non è un semplice precetto, che rimane sempre qualcosa di astratto o di esteriore rispetto alla vita.

Il comandamento di Cristo è nuovo perché Lui per primo lo ha realizzato, gli ha dato carne, e così la legge dell’amore è scritta una volta per sempre nel cuore dell’uomo (cfr Ger 31,33).

E come è scritta? E’ scritta con il fuoco dello Spirito Santo. E con questo stesso Spirito, che Gesù ci dona, possiamo camminare anche noi su questa strada! (Regina caeli, 10 maggio 2015)

Il Vangelo del giorno
Il Vangelo del giorno
La Parola del 12 maggio 2023
La Parola del 12 maggio 2023 2
/
Avatar di Remigio Ruberto

Ciao, sono Remigio Ruberto, papà di Eugenio. L'amore che mi lega a Eugenio è senza tempo e senza spazio.

Lascia un commento

Ultimi appunti

pietra d'angolo
La Parola del 5 giugno 2023
5 Giugno 2023
primo piano Eugenio accarezza Remigio
Preghierina del 4 giugno 2023
4 Giugno 2023
panorama prato verde con tramonto
Canzone di giugno
4 Giugno 2023
Dio si fida di noi
La Parola del 4 giugno 2023
4 Giugno 2023
scusa, ranocchia porge fiori, scuse
Preghierina del 3 giugno 2023
3 Giugno 2023
Giugno 2023
LMMGVSD
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930 

Pubblicità

Pubblicità