Tempo di lettura: 2 minuti

Leggi e ascolta la filastrocca “il vestito di Arlecchino” di Gianni Rodari

Curiosando

Arlecchino è uno dei personaggi più famosi della commedia dell’arte, un genere teatrale nato in Italia nel XVI secolo.

Arlecchino è un servo astuto e furbo, che si trova spesso a dover risolvere situazioni complicate e divertenti. Il suo costume è caratterizzato da una maschera nera e da una giacca e dei pantaloni a rombi colorati, che simboleggiano la sua origine povera e la sua capacità di adattarsi. Arlecchino è anche un innamorato fedele della sua Colombina, ma non disdegna di corteggiare altre donne.

Arlecchino è un personaggio che ha ispirato molti autori e artisti, come Molière, Goldoni, Picasso e Dario Fo.

Gianni Rodari

Giovanni Francesco Rodari, detto Gianni[1] (pronuncia Rodàri, /roˈdari/; Omegna, 23 ottobre 1920 – Roma, 14 aprile 1980), è stato uno scrittore, pedagogista, giornalista e poeta italiano. È l’unico scrittore italiano ad aver vinto il Premio Hans Christian Andersen (1970). (leggi ancora)

Leggiamo insieme

Per fare un vestito ad Arlecchino
ci mise una toppa Meneghino,

ne mise un’altra Pulcinella,
una Gianduia, una Brighella.

Pantalone, vecchio pidocchio,
ci mise uno strappo sul ginocchio,

e Stenterello, largo di mano,
qualche macchia di vino toscano.

Colombina che lo cucì
fece un vestito stretto così.

Arlecchino lo mise lo stesso
ma ci stava un tantino perplesso.

Disse allora Balanzone,
bolognese e dottorone:

“Ti assicuro e te lo giuro
che ti andrà bene il mese venturo

se osserverai la mia ricetta:
un giorno digiuno e l’altro bolletta”.

Ascoltiamo insieme

Le favole della buonanotte
Le favole della buonanotte
Il vestito di Arlecchino
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Il vestito di Arlecchino 8
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Da leggere: