Due mesi senza te, con te.

Due mesi, 8 settimane, 60 giorni, 1460 ore, 87600 minuti: senza te.

Sei volato in cielo, da Dio Padre, in serenità, mentre ti stringevo a me, mentre gridavo il tuo nome; sentivo il tuo respiro spegnersi, il tuo alito diventare profumo di vita eterna, l’anima lasciare il corpo.

Vedevo crescere le ali che ti avrebbero portato in Paradiso, ma lasciarti andare è stato difficile, arduo, umanamente inconcepibile.

Poi ho sentito l’Angelo del Signore venire a prenderti, ed il volere di Dio è stato più dolce del volere umano, l’amore del Signore è stato enormemente più grande del mio amore.

Ci siamo detti “arrivederci“, ti ho baciato sulla fronte e ti ho lasciato nelle mani grandi, generose e misericordiose del Padre.

Questa mattina, alle 5.30 circa ti ho sognato: è stata la prima volta che sei venuto nei miei sogni, da quando sei volato in cielo.

Anche se il tuo corpo era malato, continuavi a ripetermi, insistentemente: “sto bene, sto bene, non preoccuparti, stai tranquillo: sto bene!

Il tuo volto era sereno, beato.

Ultimo aggiornamento: 7 Novembre 2022 – 12.25 by Remigio Ruberto

Avatar di Remigio Ruberto

Ciao, sono Remigio Ruberto, papà di Eugenio. L'amore che mi lega a Eugenio è senza tempo e senza spazio.

Lascia un commento

Ultimi post

re Erode
La Parola del 28 settembre 2023
28 Settembre 2023
fantastici 4
Preghierina del 27 settembre 2023
27 Settembre 2023
San Vincenzo de' Paoli
San Vincenzo de’ Paoli
27 Settembre 2023
udienza generale del 27 settembre 2023
Udienza Generale del 27 settembre 2023
27 Settembre 2023
Gesù cammina con gli apostoli
La Parola del 27 settembre 2023
27 Settembre 2023

Newsletter

Pubblicità

Pubblicità