Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Entra

Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Entra

Il 17 ottobre 2020 alle ore 11 Eugenio è salito al Padre Nostro

Puoi seguire la Santa Messa in suo suffragio via Facebook qui https://fb.me/e/5oF15KAVj

Mercoledì della IV settimana di Quaresima

Libro di Isaia 49,8-15.

Così dice il Signore: “Al tempo della misericordia ti ho ascoltato, nel giorno della salvezza ti ho aiutato. Ti ho formato e posto come alleanza per il popolo, per far risorgere il paese, per farti rioccupare l’eredità devastata,
per dire ai prigionieri: Uscite, e a quanti sono nelle tenebre: Venite fuori. Essi pascoleranno lungo tutte le strade, e su ogni altura troveranno pascoli.
Non soffriranno né fame né sete e non li colpirà né l’arsura né il sole, perché colui che ha pietà di loro li guiderà, li condurrà alle sorgenti di acqua.
Io trasformerò i monti in strade e le mie vie saranno elevate.
Ecco, questi vengono da lontano, ed ecco, quelli vengono da mezzogiorno e da occidente e quelli dalla regione di Assuan”.
Giubilate, o cieli; rallegrati, o terra, gridate di gioia, o monti, perché il Signore consola il suo popolo e ha pietà dei suoi miseri.
Sion ha detto: “Il Signore mi ha abbandonato, il Signore mi ha dimenticato”.
Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se queste donne si dimenticassero, io invece non ti dimenticherò mai.

Salmi 145(144),8-9.13cd-14.17-18.

Paziente e misericordioso è il Signore,
lento all’ira e ricco di grazia.
Buono è il Signore verso tutti,
la sua tenerezza si espande su tutte le creature.

Giusto è il Signore in tutte le sue vie,
santo in tutte le sue opere.
Il Signore sostiene quelli che vacillano
e rialza chiunque è caduto.

Giusto è il Signore in tutte le sue vie,
santo in tutte le sue opere.
Il Signore è vicino a quanti lo invocano,
a quanti lo cercano con cuore sincero.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 5,17-30.

In quel tempo, Gesù rispose ai Giudei: «Il Padre mio opera sempre e anch’io opero».
Proprio per questo i Giudei cercavano ancor più di ucciderlo: perché non soltanto violava il sabato, ma chiamava Dio suo Padre, facendosi uguale a Dio.
Gesù riprese a parlare e disse: “In verità, in verità vi dico, il Figlio da sé non può fare nulla se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa.
Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, e voi ne resterete meravigliati.
Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi vuole;
il Padre infatti non giudica nessuno ma ha rimesso ogni giudizio al Figlio,
perché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato.
In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.
In verità, in verità vi dico: è venuto il momento, ed è questo, in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio, e quelli che l’avranno ascoltata, vivranno.
Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso al Figlio di avere la vita in se stesso;
e gli ha dato il potere di giudicare, perché è Figlio dell’uomo.
Non vi meravigliate di questo, poiché verrà l’ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la sua voce e ne usciranno:
quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e quanti fecero il male per una risurrezione di condanna.
Io non posso far nulla da me stesso; giudico secondo quello che ascolto e il mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.

Santa Caterina da Siena (1347-1380)

terziaria domenicana, dottore della Chiesa, compatrona d’Europa
L’obbedienza, cap. II, n. 155

Vivere l’obbedienza del Figlio

Obbedienza, chi compie la traversata senza fatica e arriva senza pericoli al porto della salvezza! Tu ti conformi al Verbo, mio Figlio unigenito; prendi il passaggio sulla barca della santissima Croce, pronta a soffrire ogni cosa piuttosto che evitare l’obbedienza del Verbo e contraddire la sua dottrina. Della santissima Croce hai fatto una tavola dove ti nutri di anime, inscalfibile nell’amore al prossimo. Tutta impregnata di umiltà, non hai minima invidia del bene altrui, fuori della mia volontà. Vai diritta, senza un minimo ripensamento; rendi leale il cuore, senza alcuna finzione, possiedi amore generoso, esente da ogni interesse. Sei un’aurora che annuncia la luce del divino amore! Sei un sole che riscalda, perché senza sosta sei infuocata dalla carità! Sei tu che fai germogliare la terra, poiché grazie a te tutti gli organi del corpo, tutte le facoltà dell’anima producono frutti di vita, per se stessa e per il prossimo. Sei tutta bella, perché mai l’ira turba il tuo viso, che conserva inalterabile la serenità della forza e la grazia che diffonde l’amabile pazienza. Quanto grande ti fa la tua lunga perseveranza! Così grande, che vai dalla terra al cielo, poiché è per te e per te sola che lo si può aprire. Sei una perla nascosta, sconosciuta, calpestata dal mondo, e sei la prima a denigrarti e a metterti sotto i piedi di tutti. Eppure è così grande la tua potenza che nessuno può comandarti: sei libera della mortale schiavitù della sensualità, che ingoiava la tua dignità. Uccidendo questo nemico con l’odio e il disprezzo della volontà propria, hai riconquistato la tua libertà.

Da leggere:

Nascita di Giovanni Battista

La Parola del 24 giugno 2021

Natività di San Giovanni Battista, solennità S. Maria Guadalupe García...
Buoni frutti

La Parola del 23 giugno 2021

Mercoledì della XII settimana delle ferie del Tempo Ordinario S....
Perle ai porci

La Parola del 22 giugno 2021

Martedì della XII settimana delle ferie del Tempo Ordinario S....
Trave e pagliuzza

La Parola del 21 giugno 2021

Lunedì della XII settimana delle ferie del Tempo Ordinario S....

Lascia un commento

Ultimi appunti

Nascita di Giovanni Battista
La Parola del 24 giugno 2021
24 Giugno 2021
casetta di Eugenio
Preghierina del 23 giugno 2021
23 Giugno 2021
A inventare i numeri
A inventare i numeri
23 Giugno 2021
udienza di Papa Francesco
Lo Spirito Santo opera
23 Giugno 2021
Eugenio e Francesca nel 2013
Sempre con noi
23 Giugno 2021

Calendario articoli

LunMarMerGioVenSabDom
21222324252627
282930    
       
293031    
       
       
       
  12345
2728293031  
       
1234567
22232425262728
2930     
       
    123
11121314151617
18192021222324
       
  12345
20212223242526
27282930   
       
      1
16171819202122
23242526272829
3031     
     12
242526272829 
       
  12345
13141516171819
20212223242526
2728293031  
       
      1
23242526272829
3031     
    123
45678910
       
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
       
      1
2345678
9101112131415
23242526272829
30      

Pubblicità

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza. Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o disattivarli in privacy settings.
AccettaPrivacy Settings

  • Consenso cookie

Consenso cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso