Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Entra

Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Entra

Non è stato facile, non è facile.

Ma dobbiamo testimoniare l’amore di Dio vivendo la vita terrena che ci ha donato fino in fondo, respirando tutta l’aria possibile, così come ha fatto Eugenio fino alla fine dei suoi giorni qui giù.

Dopo 13 mesi riprendo possesso del mio ufficio, dove c’è ancora una parte della mia vita.

Remigio nel suo ufficio
Remigio nel suo ufficio

Una azienda costruita nel lontano 1990, a Foggia, Poi trasferita qui a Dragoni (CE).

Sempre attiva, negli alti e nei bassi.

Lo ammetto: prima suonava un’altra musica, più allegra più gioiosa, perché sapevo che i miei due figli erano su a casa a giocare, a prendersi a cuscinate, a rintuzzarsi nelle battute fanciullesche. Adesso c’è Francesca in videolezione, in semi lockdown; forse più comoda sulla poltrona di casa sua, ma senza il contatto fisico con le sue amiche e amici di classe, senza l’abbraccio caloroso delle maestre e senza l’aria comunque familiare della scuola.

Stamattina Francesca si è alzata quasi insieme con me, alle 7, e abbiamo ascoltato la santa Messa su TV2000 insieme, abbracciandoci teneramente alla recita del Padre Nostro.

Francesca abbraccia Remigio
Francesca abbraccia Remigio

Si è svegliata di soprassalto perché aveva fatto un brutto sogno: aveva sognato che stavano con Eugenio in cameretta, e lui le faceva del male.

Io l’ho consolata dicendole che forse Eugenio le stava dicendo che non gioca più con lui come faceva un tempo, non gli dedica tanta attenzione, non gli parla così tanto come lui vorrebbe.

Lei, capendo, ha annuito, riconoscendo le sue mancanze. Farà meglio.

Tutte le mattina salutiamo Eugenio nel suo lettino, come se fosse ancora nel suo lettino, e poi ricordandogli di lavare i denti ed ascoltare le parole sante di San Pietro, giocare e correre spensierato fra le nubi.

0 0 voti
Valuta l'articolo

Da leggere:

casetta di Eugenio

Preghierina del 16 ottobre 2021

Ciao Eugenio. Subito dopo il tuo 14esimo compleanno, dopo aver...
fidarsi di Dio

Dio sa, Dio mi conosce, Dio mi ama

Dio sa, Dio mi conosce, Dio mi ama. Il Dio...

Adolescenti e smartphone

Lo smartphone nella vita dei ragazzi. È bene saperlo utilizzare...

Prendimi come sono

Signore,prendimi come sono,con i miei difetti,con le mie mancanze;ma fammi...
Remigio bacia Eugenio nel lettuccio

Indelebile

Sapevo che avrei trascorso tutto il mio tempo a riguardare...
primo piano palloncini per Eugenio di ritorno da Neuromed

Finalmente si torna a casa

Voglio andare a casa (la casa dov’è?)la casa è dove...
Eugenio sogna Dio

Il ragazzo diventato subito uomo

Il 12 settembre 2019 eri un ragazzo, come tanti, affamato...

Pace

Perché i popoli siano fratelli, la preghiera deve salire incessante...
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ultimi appunti

La Parola del 17 ottobre 2021
17 Ottobre 2021
casetta di Eugenio
Preghierina del 16 ottobre 2021
16 Ottobre 2021
La sirenetta
La Sirenetta – seconda parte
16 Ottobre 2021
la luce di Eugenio
Commento al Vangelo del 17 ottobre 2021
16 Ottobre 2021
Ascoltiamoci
16 Ottobre 2021

Eventi in programma

Pubblicità

Sponsor
0
Mi piacerebbe un tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x