Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Si prega di accettare tutti i termini e le condizioni prima di procedere al passaggio successivo

Già iscritto?

Entra

Meditazione sul dono della nascita: sottovoce

Erano le 16.20 di giovedì 29 settembre 1966

Sinceramente non ricordo molto di quel giorno, ma ricordo che mia mamma pianse (per la gioia?) per la nascita del terzo figlio maschio.

Ma io nacqui contento. E lo sono ancora. Pieno di gioia.

sottovoce
Remigio infante – 29 settembre 1967

Come oggi, giovedì 29 settembre 2022

Non sono molti, ma non sono neanche pochi gli anni che dividono il 2022 al 1966

Tanta storia è trascorsa in questi anni, tante esperienze, tanti insegnamenti.

Primo fra tutti: la vita è il dono di Dio, e va apprezzato per quello che è.

Qualunque esso sia: in qualsiasi foggia, in qualsiasi colore, in qualsiasi prospettiva. E’ sempre dono.

E bisogna essere contenti. Come lo sono io.

O’ pate recitata da Eugenio Ruberto

‘O PATE
di Eduardo De Filippo
Pe tutta ‘a vita st’ommo te sta accanto,
e tu, a stiente, t’accuorge che sta llà,
p’’e figlie fa ‘e tutto, e nun se vanta,
e soffre spisso senza mai parlà.

E comme a S. Giuseppe, zitto e muto,
s’abbraccia ‘a croce e fa ‘o vulere ‘e Dio:
fatica, prega e resta scanusciuto,
e quanno chiagne…chiagne, te dich’io!

Si pure tene ‘mpietto nu dolore,
‘o stesso, p’a fatica, esce ‘a matina;
p’ ‘a famiglia, è ‘nu martire d’ammore,
all’ufficio, a ‘o negozio o all’officina.

Te vò bene e t’ ‘o dice quasi maje,
te fa l’elogio, si nun staje presente;
te vase ‘nfronte quanno a durmi’ staje;
pe ‘na carezza, gode veramente.

Si te richiama, ‘o ffa pe vero amore;
pe te dà gioia, soffre tutt’e ppene;
e ogni ghiuorno se consuma ‘o core
si tu nun studie o lasce ‘a via d”o bbene.

Ogni anno isso cammina assai chiù llento,
s’arrappa ‘a pelle, e cagnano ‘e capille,
si tu ’o staje a ssentì, ‘o faje cuntento
pecchè è pate, è viecchio i è piccerillo.

Salutalo quanno jésce e quanno tuorne,
e falle quacche vota ‘na carezza:
t’accuorge ampressa ca te gira attuorno,
suspiruso e te fa ‘na tenerezza.

‘O bbene che fa ‘o pate l’annasconne,
pecchè è ommo… e ll’ommo accussì fa:
quanno ‘o figlio se sceta ‘a dint’ ‘o suonno,
quanno sposa e addeventa isso papà.


Questo mi fa sorridere, questo mi fa stare bene: sapere che i miei figli stanno bene.

Che sia sulla terra o meglio ancora in paradiso, stanno bene. E sono pieni di grazia.

L’abbraccio di mia figlia Francesca, il bacio etereo e sublime di mio figlio Eugenio direttamente dal cielo, l’abbraccio di mia moglie, di mia mamma, di mia suocera, di mio padre dal cielo, dei miei fratelli, delle mie cognate, e dei tantissimi amici e amiche mi rendono degno del dono che Dio mi ha fatto.

Come dice Papa Francesco: “dovete parlare con Dio come ad un amico..” e quindi ti dico, caro Dio: grazie!

Te lo dico sottovoce.

Vota questo post
Pubblicità
Avatar di Remigio Ruberto

Ciao, sono Remigio Ruberto, papà di Eugenio. L'amore che mi lega a Eugenio è senza tempo e senza spazio.

Da leggere:

Lascia un commento

Ultimi appunti pubblicati

impegno nel volontariato
2 Dicembre 2022
Impegno nel volontariato
Gesù e il cieco
2 Dicembre 2022
La Parola del 2 dicembre 2022
smorfie di Eugenio e Remigio nel lettone
1 Dicembre 2022
Preghierina del 1 dicembre 2022
il laghetto d'autunno
1 Dicembre 2022
Il laghetto d’autunno
Charles de Foucauld
1 Dicembre 2022
S. Charles de Foucauld

Eventi

Nessun evento da visualizzare

Pubblicità

Pubblicità