Tempo di lettura: 3 minuti

Leggi e ascolta la nostra preghierina del 14 marzo 2024

Il vero amore è una quiete accesa.

Giuseppe Ungaretti

L’ardore della fede

commento al Vangelo di oggi di Gv 5,31-47, a cura di Giovanni Stefani

Entro nel testo (Gv 5,31-47)

In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «Se fossi io a testimoniare di me stesso, la mia testimonianza non sarebbe vera.

C’è un altro che dà testimonianza di me, e so che la testimonianza che egli dà di me è vera. Voi avete inviato dei messaggeri a Giovanni ed egli ha dato testimonianza alla verità. Io non ricevo testimonianza da un uomo; ma vi dico queste cose perché siate salvati. Egli era la lampada che arde e risplende, e voi solo per un momento avete voluto rallegrarvi alla sua luce. Io però ho una testimonianza superiore a quella di Giovanni: le opere che il Padre mi ha dato da compiere, quelle stesse opere che io sto facendo, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato.

E anche il Padre, che mi ha mandato, ha dato testimonianza di me. Ma voi non avete mai ascoltato la sua voce né avete mai visto il suo volto, e la sua parola non rimane in voi; infatti non credete a colui che egli ha mandato. Voi scrutate le Scritture, pensando di avere in esse la vita eterna: sono proprio esse che danno testimonianza di me. Ma voi non volete venire a me per avere vita. Io non ricevo gloria dagli uomini. Ma vi conosco: non avete in voi l’amore di Dio.

Io sono venuto nel nome del Padre mio e voi non mi accogliete; se un altro venisse nel proprio nome, lo accogliereste. E come potete credere, voi che ricevete gloria gli uni dagli altri, e non cercate la gloria che viene dall’unico Dio? Non crediate che sarò io ad accusarvi davanti al Padre; vi è già chi vi accusa: Mosè, nel quale riponete la vostra speranza. Se infatti credeste a Mosè, credereste anche a me; perché egli ha scritto di me. Ma se non credete ai suoi scritti, come potrete credere alle mie parole?».

Mi lascio ispirare

Migliaia di anni
di storie, di persone
che cercano in terra
l’unico amore.

Vago nel mondo
trovo schegge di cielo
e non mi sono accorto
che sei nascosto
dove non Ti vedo.

Non Ti riconosco,
perché non sei come voglio;
non Ti comprendo,
perché non Ti ascolto.

Eppure è così semplice
farsi trovare da Te, Dio
ogni uomo che incontro
non l’ho creato io.

La spasmodica ricerca
finisce quando sono
nella consapevolezza:
non mi sentirò mai unito
nella Tua pienezza
se non accolgo
che sei Padre in cielo
e Figlio nella Madre terra.

Mio fratello testimonia
la vita genitrice comune:
fa’ che siamo nella carne
del Tuo amore il lume.

Giovanni Stefani

Preghiamo insieme

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 14 marzo 2024
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Preghierina del 14 marzo 2024 7
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Lascia un commento

Ultimi articoli

mani sul cuore
13 Aprile 2024
Messo da parte per la sua gloria
Gesù cammina sulle acque
13 Aprile 2024
La Parola del 13 aprile 2024
Eugenio e Nicola in palestra
12 Aprile 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
12 Aprile 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
12 Aprile 2024
Dammi tempo!

Eventi in programma

×