Tempo di lettura: 5 minuti

Leggi e ascolta la nostra preghierina del 12 ottobre 2023

Il re della casa Ruberto di Dragoni è tornato!

Dopo un mese di battaglia, momentaneamente vinta, è il leader indiscusso della famiglia: c’è addirittura la nonna Antonietta che quotidianamente prende da lui l’ordinazione per il menù odierno.

preghierina del 12 ottobre 2019
nonna Antonietta, Eugenio e Francesca – sabato 12 ottobre 2019

Ma avevamo cantato vittoria troppo presto!

Il maligno era silente, sonnecchiava, pronto all’agguato alla prima occasione propizia.

Eugenio, sempre col sorriso sulla faccia e la gioia nel cuore, continuava a beffeggiarlo, se ne prendeva gioco. E al maligno la gioia, il sorriso, la Luce del Signore proprio non piace!

Francesca bacia Eugenio nel lettuccio
Francesca bacia Eugenio nel lettuccio – lunedì 12 ottobre 2020

Eugenio, Francesca, Giuseppina e Remigio hanno sconfitto il maligno: con la forza dell’amore.

Chiedere, ma cosa?

commento al Vangelo di oggi di Lc 11,5-13, a cura di Ettore Di Micco

Cosa c’è di più importante della felicità?
Me lo chiesi mentalmente. L’acqua continuava a scorrere dalla fontana, il sole era sempre lassù, alto in cielo.
“La verità” risposi. Alzai lo sguardo sul monaco. “La verità è più importante di tutto il resto”.
(…)
“La ricerca del piacere conduce a un’apparente felicità. Questa sensazione è temporanea e spesso illusoria e conduce, in modo talvolta subdolo, alla sofferenza. La ricerca della verità conduce invece a qualcosa di più prezioso e importante: la vera felicità. Ovvero, la serenità.“

Profondo come il mare, leggero come il cieloGianluca Gotto

Entro nel testo (Lc 11,5-13)

In quel tempo, Gesù disse ai discepoli: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”; e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.

Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto.

Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.

Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!».

Mi lascio ispirare

Chiedere. Incessantemente ma senza pretesa. Convintamente ma in modo mite.

Non è scontato chiedere. Chiedere aiuto, chiedere consiglio, chiedere supporto materiale.

Capita spesso di trovarsi nell’imbarazzo di chiedere o di sentirsi inadeguati poiché incapaci di provvedere autonomamente in ogni circostanza.

Oggi Gesù ci ricorda che chiedere è fondamentale.

È costitutivo dell’umano il chiedere agli altri e il chiedere a Dio.
Eppure serve coraggio! È un invito ad avere questo coraggio quello che ci fa oggi Gesù.

Chiedi! Cosa temi?

Sì, ma chiedere cosa?

È facile perdersi nelle particolarità del quotidiano.

Nelle vicende di ogni giorno la nostra mente si affolla di problemi e di preoccupazioni.

Anche in queste situazioni, trovare un momento di contatto con Dio o con un nostro fratello o sorella, può aiutarci a rimettere ogni cosa al suo posto e a restituire le giuste dimensioni a quel che ci preoccupa.

Non dobbiamo aver paura di chiedere!
Dio sa ciò di cui abbiamo bisogno, e cerca costantemente di indirizzarci.
Non stanchiamoci di chiedere tutto questo!

Ettore Di Micco

Rifletto sulle domande

Quando ti sei trovato a chiedere?

Cosa ti frena dal chiedere agli altri o a Dio?

Cosa chiedi a Dio?

fonte © GET UP AND WALK


Preghiere per il mese di ottobre

12 ottobre – Beato Carlo Acutis

Angelo Campanile appoggia foto di Eugenio vicino a Carlo Acutis
Preghierina del 12 ottobre 2023 11

O Padre,
che ci hai donato la testimonianza ardente,
del giovane Servo di Dio Carlo Acutis, 
che dell’Eucaristia fece il centro della sua vita
e la forza del suo quotidiano impegno
perchè anche gli altri Ti amassero sopra ogni cosa,
fa’ che possa essere presto
annoverato tra i Beati e i Santi della Tua Chiesa.

Conferma la mia Fede,
alimenta la mia Speranza,
rinvigorisci la mia Carità,
a immagine del giovane Carlo,
che, crescendo in queste virtù,
ora vive presso di Te.
Concedimi la grazia di cui tanto ho bisogno…

Confido in Te, Padre,
e nel Tuo amatissimo Figlio Gesù,
in Maria Vergine, nostra dolcissima Madre,
e nell’intercessione del Tuo Servo Carlo Acutis.

Pater, Ave, Gloria 

preghierina del 12 ottobre 2023
Preghierina del 12 ottobre 2023 12

Quanti amici hanno chiesto a Carlo Acutis di intercedere per te… E Dio sapeva cosa era più giusto.

beatificazione Carlo Acutis e Eugenio porta la sua croce
beatificazione Carlo Acutis e Eugenio porta la sua croce
preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 12 ottobre 2023
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Preghierina del 12 ottobre 2023 9
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Ultimi articoli

mani sul cuore
13 Aprile 2024
Messo da parte per la sua gloria
Gesù cammina sulle acque
13 Aprile 2024
La Parola del 13 aprile 2024
Eugenio e Nicola in palestra
12 Aprile 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
12 Aprile 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
12 Aprile 2024
Dammi tempo!

Eventi in programma

×