Tempo di lettura: 4 minuti

Leggi e ascolta la nostra preghierina del 11 ottobre 2023

Gioia di essere figli

commento al Vangelo di oggi di Lc 11,1-4

preghierina del 11 ottobre 2023
Preghierina del 11 ottobre 2023 4

«E hai ottenuto da questa vita quello che volevi nonostante tutto?»
«Sì!»
«E cos’è che volevi?»
«Potermi dire amato.»

Raymond Carver

Entro nel testo (Lc 11,1-4)

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli».

Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite: Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano, e perdona a noi i nostri peccati, anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore, e non abbandonarci alla tentazione».

Mi lascio ispirare

Perché pregare? Cos’è effettivamente quello che facciamo quando preghiamo? I discepoli sono attratti da Gesù quando lo vedono allontanarsi e mettersi in disparte, cercare un luogo silenzioso per poter alzare gli occhi al cielo.

Allo stesso tempo non lo capiscono: il cuore li attrae ma la loro testa chiede spiegazioni.

Quando prega, Gesù cerca uno spazio vitale di solitudine e silenzio ma allo stesso tempo di relazione e di dialogo. E così anche per ognuno di noi diventa il tempo del rifugio, della verità, della pienezza di vita, dell’amore.

Sembra paradossale, ma la preghiera è proprio il momento in cui il nostro io più vero può venire alla luce e conoscersi per quello che è grazie alla relazione con un tu, in uno scambio di amore.

Quando preghiamo è come se ci spogliassimo di tutto per cercare noi stessi, indagando davanti a qualcun altro la nostra realtà.

Dal silenzio al dialogo tra noi e il Signore, scopriamo pian piano che siamo figli, davanti al Padre, e che questa relazione è fondativa di tutta la nostra vita; è il perché siamo, perché viviamo, perché andiamo… e verso dove.

Nella risposta che Gesù offre ai discepoli, non c’è solo un insegnamento di “metodo” (pregare è fare così e così), c’è il perno del nostro essere al mondo.

Pregare è dire a voce alta e senza veli “Padre” e lì gustare tutta la bellezza dell’essere amati.

Solo quando ci riconosciamo figli, creati e amati da principio e nella totale gratuità, possiamo trovare la vita vera.

Gesù è figlio, e nello Spirito Santo gode di questa pienezza.

Che bello poter urlare anche noi: “Padre!”. Abitare in relazione e nutrirla giorno dopo giorno è un cammino senza fine, un cammino di gioia.

Ilaria De Lillo

preghierina del 11 ottobre 2023
Preghierina del 11 ottobre 2023 5

Rifletto sulle domande

Quando preghi, come parli a Dio?

Quando ti capita nel quotidiano di sentirti spogliato di senso, e poi ricentrarti?

Pensa di essere figlio e mettiti in relazione al Padre: cosa senti?


Preghiere per il mese di ottobre

11 ottobre – San Giovanni XXIII, Pontefice dal 1958 al 1963


Preghiera scritta da Giovanni XXIII e diffusa da lui stesso in una udienza:
Questa è la preghiera che io recito d’abitudine durante la Messa ma che tutti voi, se
lo desiderate, potete adottare. E il mio augurio è che dia a voi gli stessi benefici che
sempre ha procurato, da quando la recito, a me
”.


Padre celeste, Padre di misericordia, accogli la preghiera del tuo servo:
1) in soddisfazione e remissione di tutti i miei peccati;


2) a salute e forza della mia anima, della mia casa e di quelli ai quali mi legano le
obbligazioni del mio servizio;


3) in soddisfazione e remissione dei peccati dei governanti, dei prelati, delle anime
consacrate e di tutti, affinché ti degni di concedere a tutti la grazia dello Spirito Santo;


4) per tutti i peccatori del mondo, perché tu li converta e li riconduca sulla strada della
salvezza;


5) a conforto dei tribolati, affinché tu dia ad essi il sostegno e la vera pazienza;


6) a refrigerio e liberazione delle anime del purgatorio, principalmente di quelle che
hanno diritto alla mia preghiera; e infine a illuminazione di tutte le genti che non
hanno ricevuto la luce del Vangelo e dei nostri fratelli separati, perché tutti conoscano
e amino Te, Padre Onnipotente, che col Figlio e lo Spirito Santo sei benedetto nei
secoli dei secoli.

Così sia.

1Pater, Ave e Gloria….

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 11 ottobre 2023
Loading
/

Destina il tuo 5x1000 alla nostra associazione
a te non costa nulla, per noi vale tanto!
Aiutaci ad aiutare piccoli malati oncologici
scrivi: 93118920615

Ultimi articoli

dare, porgere fiori
18 Aprile 2024
Creato per amare gli altri
cross, crucifix, chalice, eucaristia
18 Aprile 2024
La Parola del 18 aprile 2024
il pane di vita
17 Aprile 2024
Preghierina del 17 aprile 2024
mamma e bimba nel giardino
17 Aprile 2024
Edoardo ascolta i fiori
action, adult, athlete, disabili che giocano
17 Aprile 2024
Disabilità: via libera ultimo decreto attuativo

Eventi in programma

×