Eugenio vi ama e vi ringrazia

Mi sono presa qualche giorno di tempo prima di scriverti. Mi legano a te tanti ricordi: musica, prove, risate, canti, emozioni e sensazioni che hanno accompagnato uno dei periodi più belli della mia vita. Poi siamo cresciute, abbiamo fatto scelte di vita, ci siamo buttate anima e corpo nel nostro quotidiano, nelle nostre famiglie, nei nostri giorni.

Sei nata il 27 giugno, come me. Ogni volta che soffio le candeline penso a quanti lo stanno facendo e il rimando è scontato, ogni anno. Sei una persona emotiva, profonda, empatica, sorridente, solare. Tante caratteristiche ci accomunano e non lo dice soltanto l’oroscopo, siamo quelle che siamo, frutto dell’educazione e dei valori che ci hanno trasmesso i nostri cari, gli stessi valori che alimentano e illuminano i nostri passi. Solarità, appunto, speranza.

Oggi sapendo che Eugenio non c’è più, non ho parole, ho la tastiera e il cervello impietriti. Ho sperato con voi, come tutti, fino alla fine. La sera mi addormentavo leggendo post e aggiornamenti che con tuo marito Remigio scrivevate e scrivete ancora con delicatezza, cura e puntualità. Erano la mia preghiera anche al mattino, appena sveglia, carica di buoni propositi, di nuove partenze, di sguardi diversi, a volte anche di malinconia, tristezza, paura.

Eugenio resta qui con noi, è tra noi, con noi. Il suo ricordo e la sua forza siano per tutti l’esempio di chi non ha mollato, di chi ha dato tutto se stesso per sconfiggere un male che non perdona e che porta via persone che meritano di vivere e di abitare le nostre case.

Siate forti, siate tenaci e testimoniate la storia di vostro figlio. Raccontate cosa ha significato per voi l’ultimo anno, accettare la malattia, come ci si sente adesso e come ritroverete vostro figlio in piccoli gesti, dettagli… segnali che saprete riconoscere sulla vostra strada e che vi diranno quanto Eugenio vi ama e vi ringrazia per tutto quello che avete fatto per lui…

Vi abbraccio forte forte…

Federica Landolfi

Scrivi un commento...