Login

Registrati

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome/Azienda*
Email*
Telefono*
Indirizzo e informazioni fiscali
Nazione*
* Creando il tuo nuovo account accetti i nostri Termini di servizio e Privacy policy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già registrato?

Login

Login

Registrati

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome/Azienda*
Email*
Telefono*
Indirizzo e informazioni fiscali
Nazione*
* Creando il tuo nuovo account accetti i nostri Termini di servizio e Privacy policy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già registrato?

Login

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi
 1Cor 15,1-11

Vi proclamo poi, fratelli, il Vangelo che vi ho annunciato e che voi avete ricevuto, nel quale restate saldi e dal quale siete salvati, se lo mantenete come ve l’ho annunciato. A meno che non abbiate creduto invano!
A voi infatti ho trasmesso, anzitutto, quello che anch’io ho ricevuto, cioè che Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture e che fu sepolto e che è risorto il terzo giorno secondo le Scritture e che apparve a Cefa e quindi ai Dodici.
In seguito apparve a più di cinquecento fratelli in una sola volta: la maggior parte di essi vive ancora, mentre alcuni sono morti. Inoltre apparve a Giacomo, e quindi a tutti gli apostoli. Ultimo fra tutti apparve anche a me come a un aborto.
Io infatti sono il più piccolo tra gli apostoli e non sono degno di essere chiamato apostolo perché ho perseguitato la Chiesa di Dio. Per grazia di Dio, però, sono quello che sono, e la sua grazia in me non è stata vana. Anzi, ho faticato più di tutti loro, non io però, ma la grazia di Dio che è con me.
Dunque, sia io che loro, così predichiamo e così avete creduto.

Leggi anche:  22 settembre 2019, Domenica

VANGELO DEL GIORNO

La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 7,36-50
 
In quel tempo, uno dei farisei invitò Gesù a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco, una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, portò un vaso di profumo; stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo.
Vedendo questo, il fariseo che l’aveva invitato disse tra sé: «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi è, e di quale genere è la donna che lo tocca: è una peccatrice!».
Gesù allora gli disse: «Simone, ho da dirti qualcosa». Ed egli rispose: «Di’ pure, maestro». «Un creditore aveva due debitori: uno gli doveva cinquecento denari, l’altro cinquanta. Non avendo essi di che restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi di loro dunque lo amerà di più?». Simone rispose: «Suppongo sia colui al quale ha condonato di più». Gli disse Gesù: «Hai giudicato bene».
E, volgendosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Sono entrato in casa tua e tu non mi hai dato l’acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio; lei invece, da quando sono entrato, non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non hai unto con olio il mio capo; lei invece mi ha cosparso i piedi di profumo. Per questo io ti dico: sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco».
Poi disse a lei: «I tuoi peccati sono perdonati». Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: «Chi è costui che perdona anche i peccati?». Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!».

Leggi anche:  La Parola del 18 dicembre 2020

PAROLE DEL SANTO PADRE

Il fariseo non concepisce che Gesù si lasci “contaminare” dai peccatori, così pensavano loro. Ma la Parola di Dio ci insegna a distinguere tra il peccato e il peccatore: con il peccato non bisogna scendere a compromessi, mentre i peccatori – cioè tutti noi! – siamo come dei malati, che vanno curati, e per curarli bisogna che il medico li avvicini, li visiti, li tocchi. E naturalmente il malato, per essere guarito, deve riconoscere di avere bisogno del medico. Ma tante volte cadiamo nella tentazione dell’ipocrisia, di crederci migliori degli altri. Tutti noi, guardiamo il nostro peccato, i nostri sbagli e guardiamo al Signore. Questa è la linea di salvezza: il rapporto tra “io” peccatore e il Signore. ( Udienza generale, 20 aprile 2016)

Articoli collegati

Gli ultimi appunti

la maschera di plastica
Dolori
16 Gennaio 2021
preghiamo
Preghierina del 16 gennaio 2021
16 Gennaio 2021
fiabe stilton
Il re infelice
16 Gennaio 2021

Archivio

Eventi