E’ bello, è meraviglioso svegliarsi sentendo l’odore di casa.

E’ tutta un’altra cosa.

Alle 6.30 Eugenio si sveglia col pannolone pieno zuppo: sente il bagnato su di sè, e non gli piace, ovviamente.

Tutte le mattine, quasi tutte, si rammarica del suo attuale status di indigente, menomato del suo essere un adolescente. Ma comunque ringrazia, dice sempre “grazie” a me, alla mamma, alla sorellina. E’ un grazie continuo, è un grazie alla vita che ancora scorre in lui.

Ed io continuo a ripetergli “grazie a te, che ci sei

E’ un grazie a Dio per il dono della vita e delle sue meraviglie. E ce la teniamo stretta.

Leggi anche:  Ad maiora semper

Prepariamo la colazione: toast, pancetta e sottiletta. Et voilà, servito!

il sorriso di Eugenio

Il suo sorriso è la nostra alba, è il sorgere del nostro sole, è la luce del mattino che illumina il cuore.

Mentre segniamo la Santa Croce sul nostro volto, ascoltiamo la Parola di Dio della Santa Messa su TV2000

E’ sereno, è contento, sonnolente ancora, ma l’odore di casa ci pervade.

E ci rende sereni, grati.

Precedente articoloProssimo articolo

Articoli collegati

Gli ultimi appunti

foto ricordo Ristorante Paradiso 19/1/20
Accadde oggi 19 gennaio
19 Gennaio 2021
Madonnina di Eugenio
Preghierina del 19 gennaio 2021
19 Gennaio 2021
prove di amore
La prova d’amore
19 Gennaio 2021

Archivio