Tempo di lettura: 14 minuti

Življenje je darilo. Ljubezen je darilo. Dajanje je življenje in ljubezen.

Štiriročna zgodba o treh dneh, polnih ljubezni.

Ko dosežeš določeno starost, čez petdeset, se spanec skrajša, saj je prepreden z mislimi o družini, službi, razbitih sanjah in sanjah, ki jih je treba zgraditi.

Naše spanje v četrtek, 9. februarja 2023, je bilo skoraj izključno prepleteno s "sanjami za gradnjo"

Pa pojdimo

Ob 7h zjutraj so se začele naše sanje v izgradnji.


Hladen dan, a z neizmerno toplim, sijočim soncem.

Kot naše poslanstvo, ki se je pravkar začelo.

Termin je ob 11.00 na Onkohematološkem oddelku DHPediatrična bolnišnica Bambino Gesù na sedežu Gianicolo.

Ad attenderci la rassicurante caposala Elsa Bianchini, e la nostra infaticabile guerriera Dott.sa Antonella Cacchione.

Il timore era di arrivare in ritardo al nostro appuntamento, ma ringraziando Iddio, tutto è filato liscio.

Otroška bolnišnica Bambino Gesù

Ob 10.30 smo bili pred vhodom v bolnišnico. Jaz (Pina) in Francesca sva šli dol s polnimi torbami daril, Remigio pa je šel parkirat avtodom pri Piazzale Giuseppe Garibaldi.

Postopek, ki smo ga z Eugeniom izvedli tisočkrat.

Kaj naj rečem? Srce ni moglo zadržati svojih udarcev, roke so se potile in razum je bil meglen; vse me je popeljalo nazaj tri leta nazaj. Nisem se mogel ozirati naokoli, zdelo se je, kot da se ni nič spremenilo. Bili smo na tem mestu, upanja, ljubezni, bolečine, in našli smo ga takšnega, kot smo ga zapustili: prepolnega otrok.

Ci avviamo all’ascensore, pochi secondi ed eccoci al terzo piano. Francesca simula indifferenza dietro la mascherina, ma i suoi occhi sono troppo attenti a guardarsi attorno per essere davvero indifferente.

Vstopimo neposredno v oddelek, mimo igralnice na tleh, z uprtim pogledom in gluhimi ušesi za tisti mikrofon, ki je vrtel imena in navodila (in v mojih mislih je odmevalo "Ruberto v k6″, “Roberto v k13“); ci fermiamo avanti all’ufficio della caposala e attendiamo Elsa.

Medtem Remigio…


Si, le emozioni sono tante. Non è semplice, per nulla facile! Però è il solo modo che abbiamo per tenere vivo il ricordo di Eugenio, per trarre ancora insegnamento dalla sua giovane vita terrena.

Arriva Elsa, ci salutiamo, ci abbracciamo, i nostri occhi si parlano da sopra le mascherine. Si dirige con passo svelto presso lo studio della Dottoressa e intanto Remigio arriva.

Tukaj je veliko otrok, preveč. Zdi se, da se pojavljajo od vsepovsod; otroški vozički, vozički, invalidski vozički, nogice, ki hodijo z eno roko pritrjene na intravenski voziček (se ne ve, ali ga potiskajo ali podpirajo sami), z drugo pa na roki mame ali očeta.

Cappellini buffi, cerchietti colorati, fasce ricche di fiocchetti, tutto per rendere ancora più belle quelle testoline calve e straordinariamente lucide e perfette.

Nekateri se igrajo s tablico, nekateri z mobilnim telefonom, nekateri z igricami in pravljicami; vsi poskušajo preživeti čas, čakati, kot da bi bil običajen dan kjer koli. Zaradi zasebnosti in spoštovanja oddelka nismo fotografirali; vsako življenje si zasluži zaščito in zaščito pred vsako obliko radovednosti. Še posebej v teh trenutkih in krajih upanja, trpljenja, ljubezni.

Ecco che arriva la nostra Dottoressa! Baci, abbracci, forti abbracci, occhi lucidi; non è facile nemmeno per lei vederci qui in reparto. La stanchezza di una notte non proprio tranquilla è visibile sul suo viso, il peso di tante terapie da visionare, tanti visini e tanti volti da rassicurare (e non sempre è veramente così).

Ura je okoli 11h in na oddelku je sinoči od 20h, potem ko je končala izmeno od 8h do 14h.

Tudi ure, preživete tukaj na oddelku, so veliko boljše od tistih, preživetih z družino.

Parliamo di tante cose, il tempo scorre troppo velocemente e lei deve ritornare alla sua missione (mentre parlavamo il suo cellulare è squillato non so quante volte, la collega ha chiesto non so quanti consigli).

Elsa intanto rassicura una mamma che le chiede ragguagli.

Apriamo i borsoni, tra lo stupore e la gioia di entrambe. Su un carrello dei medicinali poggiamo tutti i doni che abbiamo portato; tutto ciò che VOI avete donato con amore.

Dolci, libri di favole, pastelli, caramelle, pastelli, giochi da tavolo, ed il tanto desiderato spray rimuovi cerotti! Si, nei nostri contatti con la ludoteca e con la caposala ci fu chiesto di evitare giochi che i bambini, per ovvi problemi, non avrebbero potuto utilizzare (hanno depositi pieni di palloni da calcio, difficili da usare in ospedale) ma di dirottare le nostre risorse su un prodotto che avrebbe sicuramente portato gioia e sollievo ai piccoli pazienti.

Spray togli cerotti, articolo introvabile! Si, la ricerca di questo prodotto ci ha impegnato molto. Pare che l’articolo non fosse disponibile in nessuna farmacia, deposito di medicinali, e similari, del territorio nazionale. Abbiamo coinvolto tutti, dall’amico farmacista del nostro paese, ai grandi on-line. Tra l’altro è un prodotto non proprio economico, ma efficacissimo. E per i bambini sottoposti ad analisi, pic, pet, interventi chirurgici, riuscire a rimuovere i cerotti di protezione senza sentire dolore è già un grande sollievo.

Elsa zelo vesela vzame različne stekleničke in se zadovoljna odpravi proti medicinski trgovini,«Dala jih bom na vse oddelke, da bodo otroci brez težav obravnavani!“.

Antonella pa iz vozička vzame knjigo s pujso Pepo. “Takoj bom prinesel to Giulii“. Odide na hodnik in pokliče "Giulia!“. Pride punčka, visoka kot groš sira, stara morda dve leti, popolnoma plešasta in z brazgotinami na glavi, ki jih tako dobro poznamo, z majhno rokico v materini, plaho vzame album in s seboj oči polne bolečine in njen obraz poln trpljenja nas pozdravi.

Il volto di Giulia è quello dei duecento bambini che ogni giorno passano per questo reparto, e la sua gioia è quella che vorremmo far provare ad ognuno di loro.

Rekel sem in bom ponovil, vsak od nas bi moral vsaj enkrat na leto obiskati otroško bolnišnico. To pomeni prho ponižnosti in zahvalo Bogu za velik dar zdravja in življenja. Vse drugo je več.

Un ultimo scambio di battute, la promessa di continuare periodicamente la nostra raccolta, occhi lucidi e tanto tanto amore scambiato, ancora abbracci e baci con lo sguardo a tutti i super-eroi che ci sono vicino, che passano e attendono, e lasciamo il reparto.

Il cuore è talmente pieno di amore, la mente è completamente piena delle parole, degli sguardi, che abbiamo ricevuto in dono, che usciamo dall’ospedale senza rendercene conto.

Un saluto alla nostra Madonnina e alla volontaria del Negozietto, uno sguardo alla ludoteca, la visita e una preghiera nella nostra amata Cappella, e andiamo via.

cappella Salviati a OPBG
Salviatijeva kapela na OPBG

E’ mezzogiorno! Il cannone del Gianicolo spara il suo colpo e dal piazzale si odono tutte le campane di Roma. Che musica celestiale!

Rientrati nel camper decidiamo di spostarci a Via Nuova Fornaci; la zona è più tranquilla, anche se a ridosso di San Pietro, e con un po’ di fortuna possiamo rimanere lì per i prossimi giorni.

Kosimo z živili, prinesenimi od doma (na Francescino veselje razvpiti kotleti babice Tette in krompirjeva mačka) in počivamo med čakanjem na termin z Alessandro Gisotti do Palazzo Pio.

il dono
Darilo 92

Ob 16.30 smo z Alessandrom; informacije o aktivnostih, izmenjava objemov, sprehod na kavo, veliko nasmehov in veliko naklonjenosti. Lahko bi preživeli ure in ure z njim, nikoli ne bi imeli težav s temami za pogovor! Je res eden izmed ljudi z najlepšo dušo, kar jih poznam, ki ga imamo v čast in veselje imeti za prijatelja!

Giuseppina, Francesca, Alessandro Gisotti e Remigio a Vatican News
Giuseppina, Francesca, Alessandro Gisotti in Remigio na sedežu Vatikanske novice v Palazzo Pio

Ma si sa, il tempo è tiranno, e gli impegni sono sempre tanti, soprattutto per chi ha la responsabilità dei media vaticani.

Koliko vznemirjenja in koliko čustev na ta prvi rimski dan. Naše duše morajo najti mir, tišino in kateri kraj, ki je boljši od tega, lahko nudi vedrino?

Uživali smo vsako minuto tega večera, potrebovali smo jo.

Abbiamo girovagato in lungo e in largo tutta la piazza, c’era ancora tanta gente in fila per entrare all’interno della Basilica e l’orario di chiusura era vicino. Ma tanto, ci eravamo ripromessi, la visita domani.

Francesca je lačna! Njegov 11-letni zahtevek! In McDonald's di Borgo Pio è troppo invitante per passare oltre.

Remigio e Francesca giocano al McDonald's
Remigio in Francesca se igrata v McDonald'su

Panino con hamburger, patatine, bibita e qualche gioco al tavolo interattivo ci rimettono in sesto, anzi ci fanno sentire in pieno la stanchezza di questo giorno, così decidiamo di ritornare al nostro amato camper dove la dolcissima Lussy ci sta aspettando.

Lahko noč na Trgu svetega Petra ne smete zamuditi!

Prevozimo kilometer in pol, ki loči trg Piazza San Pietro od javnega parkirišča Fornaci, kjer je parkiran naš ljubljeni avtodom Pio.

Lussy nas čaka, prisrčna in sladka kot vedno.

Francesca, Remigio e Lussy
Darilo 93

E’ in corso il festival di Sanremo e iniziamo a seguire qualche canzone, ma il sonno incombe…

Francesca regenerirana po večerji v Mc-u! Res nima namena spati in svojo idejo o "noči v Rimu" ponovno vrže v središče pozornosti.

Rimska noč

Iz različnih oglasov na televiziji smo izvedeli, da program VivaRai2, gostuje Fiorello, v tednu od Sanremo, sarebbe andato in onda la sera (notte) a fine festival.

Inutile dire che Francesca era intenzionata ad andare a Via Asiago, a seguire in diretta l’ultima puntata serale del programma. A nulla sono valsi i nostri pigiami, e la nostra stanchezza.

A mezzanotte e mezza la sveglia suona! Di fronte al nostro no, Francesca scoppia a piangere e a quel punto cosa fa Remigio? Si alza dal letto, si cambia, mi incita a fare altrettanto e chiama il taxi per andare alla storica sede Rai.

Predstavljajte si Francescino srečo!... in tudi mraz noči!

Arriviamo a Via Asiago, sembra giorno tanta è la gente in attesa di vedere dal vivo lo spettacolo. Nessuno accusa sonno o freddo… una bella e sana euforia nell’aria ci rende allegri e spensierati come la nostra Francesca.

Termometer kaže 1 stopinjo Celzija.

Ad uno ad uno escono ballerini, conduttrici, ospiti, attori, è un tripudio di musiche e colori! Che dire, lo spettacolo è meraviglioso e Fiorello un mattatore fantastico!

Hladna, a polna energije in ljubezni. Greje nas Francescin nasmeh.

Il dono 36
Darilo 94


V tem cirkusu nadaljujemo do 3.15 zjutraj, potem pa vse utihne in zavlada mraz. Taksi dom je oaza topline in končno se ob 4.00 vrnemo v kamper Pio, kjer nas pozdravi toplina peči. Končno vsi v posteljo.

Sobota v Vatikanu

Il risveglio di sabato è con calma, abbiamo avuto modo di riposare bene.

Roma ci accoglie in tutta la sua bellezza con un’aria frizzantissima ed un sole stupendo.

La nostra giornata è tutta da dedicare alla Basilica di San Pietro per visitarla con calma e per assistere alla Santa Messa.

Vse pred tem je sledilo še eno čudovito srečanje; ob 11 se dobimo s Benedetta Capelli in z malim Alessandrom, njegovim sinom.

Tudi pri Benedetti prepirov ne manjka! Od domačih dogodivščin, šolskih in športnih dejavnosti Alessandra in Francesce, preteklosti, ki si jo zasluži deliti, novih projektov delo, tante cose da raccontare che non basterebbe una giornata intera. Ma il pomeriggio incalza, Alessandro scalpita perché ha una festa di compleanno e anche noi abbiamo la Basilica che ci aspetta.

Vstop ni enostaven, vrsta je dolga, čeprav tekoča in ob dobrodošlici švicarske garde končno vstopimo!

Che incanto! Gli occhi spaziano e non sanno dove posarsi; un senso di pace ci pervade. Siamo insieme a centinaia di altri pellegrini, visitatori, ma ovunque c’è rispetto per il luogo sacro in cui ci troviamo. Ci soffermiamo ad ammirare la Pietà di Michelangelo, la tomba di San Giovanni Paolo II, entriamo in raccoglimento all’interno della Cappella del Santissimo. Scendiamo a visitare le tombe dei Papi, ci emozioniamo fortemente di fronte alla tomba del Papa Emerito Benedetto XVI. E poi ancora, la statua di San Pietro, la Cattedra di Pietro, l’altare centrale, il Museo del tesoro di San Pietro…

Il tempo scorre, ma per noi è come essere appena entrati. Ci rendiamo conto di non aver pranzato, che è pomeriggio inoltrato. Alle 17.00 c’è la messa vespertina all’altare della Cattedra e decidiamo di partecipare anche al Rosario che la precede.

Inutile dire che la stanchezza è tanta; in questi giorni romani abbiamo percorso tanta strada, migliaia di passi, ma il senso di pace che si vive all’interno della Basilica ci riconcilia con il mondo intero. Sono sincera, la mia partecipazione alla messa è stata così sentita che avrei potuto tranquillamente rimanere lì, seduta su quei banchi di legno, fino al giorno dopo. L’omelia è breve ma intensa, i canti della corale maschile, le persone in raccoglimento, insomma un piccolo assaggio di serenità.

Lasciamo definitivamente la Basilica che sono circa le 18.30. Il freddo esterno è pungente, un rapido giro per Via Conciliazione e decidiamo di rientrare al camper per la cena e il meritato riposo fisico.

Una bellissima chiacchierata telefonica con la nostra cara Enrichetta Offreda ci permette di condividere subito tutte le emozioni di questi giorni, con la promessa di ritornare presto e dedicare a lei e alla sua deliziosa famiglia una intera giornata.

Un bel piatto di pastasciutta ci riconcilia con la terra, i pigiamoni caldi e le canzoni di Sanremo fanno il resto. Alle 22.30 siamo belli che addormentati tutti e quattro.

Je nedelja

Svegliarsi con il suono delle campane è bello; col campanone di San Pietro è meraviglioso. L’aria è gelida fuori, Remigio e Lussy rientrano ghiacciati dalla passeggiata mattutina.

Francesca spi na toplem, toplota peči ji tako ogreje posteljo, da lahko spi brez odeje. Tudi njo prebudi vonj po kavi in ​​pripravimo se na zajtrk.

Današnji program vključuje udeležbo naAngelus di Papa Francesco, a mezzogiorno, e poi rientro a casa così che non si faccia troppo tardi per permettere a Francesca di prepararsi per la scuola per lunedì.

Sistemiamo per bene il camper, mettiamo a posto stoviglie e vestiti così che il viaggio di ritorno si svolga poi senza danni, e siamo pronti per “scendere” in Piazza San Pietro.

Certi di essere in anticipo, ci avviamo con tutta calma.

Ko prispemo pred kolonado, opazimo veliko policijskih enot, res veliko! In toliko ljudi v vrsti, toliko!

Ci avviciniamo ad un Carabiniere, per capire se ci fosse qualche evento particolare in Piazza, che ci era sfuggito, o cosa… Lui, sorridendo, ci dice che tutta quella gente è in attesa di entrare in Piazza San Pietro per l’Angelus! E che l’unico modo per accedere è quello!

Ob nedeljah lahko vstopite le tako, da natančno upoštevate črte, ki povezujejo Via della Conciliazione, in vrata kolonade. Vsa posadka za obredne preglede!

Insomma, da che eravamo in anticipo, ci tocca camminare molto velocemente per riuscire a superare i controlli e ad accedere alla piazza prima dell’uscita alla finestra di Papa Francesco.

Ce la facciamo, siamo appena entrati, quando un boato di gioia si alza e una piccola figura vestita di bianco si affaccia alla finestra aperta. Anche se siamo molto distanti (e noi lo abbiamo visto da molto vicino), è sempre una grandissima emozione! Le sue parole sono balsamo per i nostri animi, le esortazioni alla pace, alla preghiera per la “martoriata Ucraina”, per le vittime del terremoto in Turchia e in Siria… un pensiero per ogni situazione difficile che questo mondo sta vivendo.

Non può che concludersi così il nostro weekend. Con il grande dono delle Sante Parole di Papa Francesco.

Z njim recitiramo zadnjo molitev, pozdravljamo njegov blagoslov in ga z navdušenjem pozdravljamo skupaj s tisoči ljudi, ki so z nami.

Odhajamo: naša štiri srca ostajajo na Trgu svetega Petra, med močnimi in ljubečimi kraki stebrišča, ki kakor Gospod objema vse za vedno.


Pomagajte nam pomagati!

Il dono 80
Z vašo majhno donacijo prinašamo nasmeh mladim bolnikom z rakom

Najnovejši članki

bimbo arrabbiato
15 Aprile 2024
Diventare pronto e lento
Gesù sul mare di Tiberiade
15 Aprile 2024
La Parola del 15 aprile 2024
credere in Dio
14. april 2024
Molitev z dne 14. aprila 2024
Dante and Beatrice Henry Holiday
14. april 2024
Tako prijazen in tako pošten se zdi
Gesù e discepoli
14. april 2024
Beseda z dne 14. aprila 2024

Prihajajoči dogodki

×