Citiți și ascultați Evanghelia și Cuvântul din 25 iunie 2023

Duminica a XII-a a sărbătorilor din timpul obișnuit

Prima Lectură

Ha liberato viata del povero dalle mani dei malfattori.

Din cartea lui profet Geremìa
Ieremia 20:10-13

Am simțit calomnia multora:
„Troarea în jur!
Raporteaza-l! Da, îl vom da în judecată”.

Tutti i miei prieteni aspettavano la mia caduta:
„Poate că se va lăsa înșelat,
așa că vom birui asupra lui,
ne vom răzbuna.'

Ma il Domn è al mio fianco come un prode valoroso,
pentru aceasta persecutorii mei se vor clatina
și nu vor putea birui;
se vor roși pentru că nu vor reuși,
va fi o rușine veșnică și de neșters.

Domnul oștirilor, care dovedește pe cei drepți,
che vedi il inimă e la mente,
să văd răzbunarea ta asupra lor,
căci ți-am încredințat cauza mea!

Cântați imnuri Domnului,
lodate domnul,
perché ha liberato la viață del povero
din mâinile răufăcătorilor.

Cuvântul de zeu.
 

Psalmul responsabil
Din Psalmul 68 (69)

R. Nella tua grande bontà rispondimi, o Dio.

Pentru tine suport insulta
și rușinea îmi acoperă fața;
Am devenit străin pentru frații mei,
un străin pentru i copii di mia mamă.
Perché mi divora lo zelo per la tua casă,
insultele celor care te jignesc cad asupra mea. R.

Ma io rivolgo a te la mia rugăciune,
Doamne, în vremea bunăvoinței.
O Dio, nella tua grande bontà, rispondimi,
în credincioşia mântuirii tale.
Răspunde-mi, Doamne, că al tău este bun Dragoste;
volgiti a me nella tua grande tenerezza. R.

Să-i vadă pe săraci și să se bucure;
voi che cercate Dio, fatevi curaj,
pentru că Domnul ascultă pe cei săraci
nu-i dispreţuieşte pe ai săi care sunt prizonieri.
A lui cantino lode i cieli e la terra,
mările și ceea ce roiește în ele. R.
 

A doua lectură

Il dono di graţie non è come la caduta.Din scrisoarea Sfântului Pavel apostol ai Romani
Rom 5:12-15

Fratelli, come a causa di un solo om il Păcat è entrato nel lume e, con il peccato, la moarte, così in tutti gli uomini si è propagata la morte, poiché tutti hanno peccato.

Fino alla Legge infatti c’era il peccato nel mondo e, anche se il peccato non può essere imputato quando manca la Legge, la morte regnò da Adamo fino a Moise anche su quelli che non avevano peccato a somiglianza della trasgressione di Adamo, il quale è figura di colui che doveva venire.

Ma il dono di grazia non è come la caduta: se infatti per la caduta di uno solo tutti morirono, molto di più la grazia di Dio, e il dono concesso in grazia del solo uomo Iisus Hristos, au revărsat din belșug asupra tuturor.

cuvântul lui Dumnezeu.

Aclamația Evangheliei

Aleluia, aleluia.

Lo Spirito della verità darà martor di me,
zice Domnul,
și tu mărturisești și tu. (Ioan 15,26b.27a)

Aliluia.

Evanghelia din 25 iunie 2023

Non abbiate frică di quelli che uccidono il corpo.

Cuvântul din 25 iunie 2023
Cuvântul din 25 iunie 2023 4

De la Evanghelia după Matei
Matei 10:26-33
 
In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze.

Și nu vă temeți de cei care ucid trupul, dar nu pot ucide sufletul; mai degrabă temeți-vă de cel care poate distruge atât sufletul, cât și trupul în Gheena.

Nu se vând două vrăbii pentru un ban? Cu toate acestea, niciunul dintre ei nu va cădea la pământ fără voia lui Tată vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!

Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».

Cuvântul Domnului.

Sf. Grigore cel Mare (cca 540-604)

papa, dottore della Chiesa

Cartea XI, SC 212 (trad. cb© evangelizo)

„Ceea ce vă spun în întuneric, spuneți în lumină”

„Scăpați tainele din întuneric și scoateți la lumină umbra morții” (Iov 12,22 Vg). Când credinciosul înțelege sensul misterios al cuvintelor obscure ale Profeților, ce face el? Nu smulge secrete din întuneric?

Ecco perché, rivolgendosi ai ucenicilor, la Verità dice anche: “Quello che vi dico nelle tenebre ditelo nella luce” (Mt 10,27). Quando infatti i nostri commenti sciolgono i nodi misteriosi delle allegorie, diciamo nella luce ciò che abbiamo udito nelle tenebre. Ora l’ombra della morte era la durezza della Legge che prescriveva per ogni peccatore la punizione della morte fisica.

Ma quando il nostro Redentore nella sua mitezza ha stemperato l’asprezza della prescrizione della Legge, quando ha stabilito che non era più la morte del corpo la sanzione dell’errore ed ha rivelato quanto fosse da temere la morte dell’anima, ha chiaramente portato in piena luce l’ombra della morte.

Poiché una morte che separa la carne dall’anima non è che l’ombra di quella che separa l’anima da Dio. L’ombra della morte è quindi portata alla luce quando, compreso cosa è la morte dello spirito, si smette di temere la morte della carne. (…)

Il Signore infatti strappa dalle tenebre i segreti quando mette in piena luce il giudizio che procede dai suoi segreti consigli al Sfârşit di manifestare il suo sentire verso ciascuno di noi.

CUVINTE SFÂNTULUI Părinte

La paura è uno dei nemici più brutti della nostra vita cristiana.

Gesù esorta: “Non abbiate paura”, “non abbiate paura”. E Gesù descrive tre situazioni concrete che essi si troveranno ad affrontare. Anzitutto, la prima, l’ostilità di quanti vorrebbero zittire la Parola di Dio, edulcorandola, annacquandola, o mettendo a tacere chi la annuncia. […]

La seconda difficoltà che i missionari di Cristo incontreranno è la minaccia fisica contro di loro, cioè la persecuzione diretta contro le loro persone, fino all’uccisione. Questa profezia di Gesù si è realizzata in ogni tempo: è una realtà dolorosa, ma attesta la fedeltà dei martori.

Quanti cristiani sono perseguitati anche oggi in tutto il mondo! Soffrono per il Evanghelia con amore, sono i martiri dei nostri giorni. […] Il terzo tipo di prova che gli Apostoli si troveranno a fronteggiare, Gesù la indica nella sensazione, che alcuni potranno sperimentare, che Dio stesso li abbia abbandonati, restando distante e silenzioso.

Anche qui esorta a non avere paura, perché, pur attraversando queste e altre insidie, la vita dei discepoli è saldamente nelle mani di Dio, che ci ama e ci custodisce. (Angelus, 21 iunie 2020)

Evanghelia zilei
Evanghelia zilei
Cuvântul din 25 iunie 2023
Cuvântul din 25 iunie 2023 2
/
anteriorPostarea următoare
Avatarul lui Remigio Ruberto

Bună, sunt Remigio Ruberto, tatăl lui Eugenio. Dragostea care mă leagă de Eugenio este atemporală și fără spațiu.

Lasă un comentariu